Grid List

Caviglie e anche, soprattutto, richiedono una cura quotidiana, affinchè la propulsione nel nuoto, la pedalata e la spinta nella fase di corsa possano risultare sempre più efficaci. I consigli di Giacomo Giovenali

Addominali: per capire l'importanza di questo distretto muscolare per i triatleti, proviamo a declinare la funzione nelle tre frazioni della gara e a consigliare sei esercizi fondamentali. La parola a Matteo Merati

Che ci piaccia o no, continueranno a essere una parte integrante della nostra quotidianità. Ecco allora, a titolo di riepilogo, una carrellata sulla varie tipologie di mascherine protettive e i loro utilizzi. Ce ne parla Filippo Pavesi

Con Luca Speciani si disamina la problematica della tiroide lenta e del TSH come frustino “intelligente” per stimolarla e superare una latente stanchezza

"Vincere" a tavola? Si può, ma, attenzione, perché "L’alimentazione non è competizione": lo dice, anzi lo scrive, Elena Casiraghi, titolando così il suo libro edito da Cairo e da poco in libreria, oltre che in tutti i principali store online

Luca Speciani e l’annoso quesito: qual è il “cibo dell’uomo”?

Pedalare in sicurezza? Aumenta la tua visibilità con i caschi Limar dotati di luce led

Il corpetto N3W è la chiave che sblocca l'incredibile mondo del cambio a 13 velocità di Ekar con un design compatibile con le ruote di ieri, di oggi e quelle che verranno in futuro

Performance incredibili: Sidi presenta la nuova scarpa Shot 2

Coppa del Mondo a Valencia: vincono il francese Vincent Luis e la britannica Beth Potter, ma anche gli Azzurri lasciano il segno con il 5° posto di Beatrice Mallozzi, il 6° di Verena Steinhauser e il 9° di Gianluca Pozzatti 

Alcune delle manifestazioni di Triathlon, Duathlon e Paratriathlon dell'ultimo fine settimana: c'eravate voi sulle Finish Line del weekend!

A San Benedetto del Tronto, domenica 25 ottobre si è disputata la seconda giornata di gare tricolori della triplice, dedicata interamente al Triathlon Olimpico con in palio i titoli Assoluti e Under 23

Tutto Triathlon

Grid List

Dopo la notizia sulle gare di interesse nazionale, il Consiglio Federale sospende quelle ancora in calendario per il 2020, approvando un importante supporto economico in aiuto ai tesserati

Questo mese l’intervista è per Maurizio De Benedetti

Nuove prospettive: ecco il calendario gare con gli ultimi appuntamenti consentiti per il 2020 e le prove di interesse nazionale del prossimo anno

La storia di un padre e di un figlio affetto da autismo

Sono Stefano Vitellozzi, di Sant’Elpidio a mare nelle Marche. Ho trascorso quasi l’intera vita nel mondo della bici, prima come atleta arrivato fino alla soglia del professionismo, poi come direttore sportivo di team Continental.
Ma soprattutto, sono il padre di Francesco, un ragazzo di 21 anni affetto da una patologia che non è facile annoverare tra le disabilità: l’autismo. Mio figlio sembra un congegno altamente sofisticato e con moltissime funzioni, senza però il libretto delle istruzioni. È sempre difficile decifrare i suoi “codici”, così come interpretare le sue potenzialità. Lui ha sempre praticato sport fin da piccolo e gareggia sia nel nuoto sia nell’atletica leggera sotto la Federazione FISDIR del Comitato Paralimpico.

Il mio sogno

Ma il mio sogno è sempre stato quello di condividere con Francesco un progetto di sport “inclusivo”, dove atleti disabili e normodotati sono sulla stessa linea di partenza. Avendo in comune anche la passione per la bici, abbiamo iniziato a frequentare il mondo delle Granfondo ciclistiche. L’unico problema è che lui non conosce il codice della strada, da qui l’idea di utilizzare un tandem. La bontà del lavoro svolto è testimoniato dai molti successi sportivi che Francesco ha realizzato partecipando a numerose Granfondo dal 2013 a oggi. Sportivamente sensazionale è stata la partecipazione alla Maratona delle Dolomiti, dove insieme abbiamo affrontato quattro passi dolomitici oltre quota 2.000 m, su per salite che hanno fatto la storia del ciclismo come il passo Pordoi e il Sella. Particolarmente emozionante la scalata dello Stelvio in occasione dell’omonima Granfondo; e ancora: in mezzo ai 13.000 partecipanti della Granfondo Novecolli e nello stupendo scenario dei Fori imperiali durante la Granfondo di Roma. Infine, in tutte le altre partecipazioni.

Altra sfida

Con il 2016, grazie agli amici del team Civitanova Triathlon che hanno voluto condividere questo nostro progetto, vorremmo vincere un’altra sfida: unendo tutti e tre gli sport che pratica Francesco, riuscire a gareggiare nel triathlon. Così, il 19 marzo scorso abbiamo debuttato con il Campionato italiano duathlon sprint, nella bellissima location del parco delle Cascine a Firenze.

La prima volta

È stata la prima volta che un atleta con disabilità intellettivo-relazionare ha gareggiato nel calendario FiTri, infatti non esiste ancora nel settore paratriathlon una classificazione per tale disabiltà. A tal proposito, un doveroso ringraziamento sia agli organizzatori di Trievolution sia alla stessa FiTri per la disponibilità verso la nostra partecipazione. Con la gara di Firenze, quello che mi piacerebbe trasmettere, perché sia anche di esempio, è come un atleta con disabilità cognitiva-relazionale importante com’è l’autismo riesca a gestire una gara che è caratterizzata da tre step diversi (corsa-bici-corsa). Da parte mia, l’unico pensiero è quello di metterlo nelle condizioni ideali per esprimere al massimo le sue abilità.

Valenza terapeutica dello sport

Per Francesco però lo sport non è fine a se stesso, ma ha una chiara valenza terapeutica, in quanto lo aiuta a frenare il suo essere iperattivo, inoltre, è un buon allenamento alle proprie autonomie personali, oltreché un’eccellente opportunità di relazione e inclusione sociale. Per il resto, il sorriso di Francesco mi fa capire che tutto questo non è una forzatura ma un modo sicuro per renderlo felice.

Al via il progetto "Next Gen": quattro giovani talenti nelle categorie Juniores e U23 affronteranno sfide internazionali sotto la guida esperta dal coach Sergio Contin

Vincenzo Catalano e Paolo Chiarino

Rivincite

«In un anno particolare per tutta l’umanità, durante il quale chi pratica sport in maniera regolare ha dovuto ridimensionare allenamenti e competizioni, io e Paolo Chiarino abbiamo deciso di lasciare comunque un “segno” importante: inventandoci qualcosa di diverso, di estremo. Soprattutto, qualcosa mai tentato prima»

Prossime Gare

Nessun evento