• Ecco come e quando ottenere benefici nella prestazione di endurance

    Allenarsi a digiuno alle prime ore del mattino, a volte, è l’unica opzione. Altre volte, invece, è una scelta studiata che nulla lascia al caso. Già, perché l’allenamento a digiuno, ovvero in situazione di scarsa disponibilità di glicogeno sia epatico sia muscolare, può offrire significativi guadagni nella prestazione di endurance. Questo metodo è conosciuto col nome di “train low, compete high” o “train low, race high” e l’obiettivo è quello di migliorare le capacità prestative delle gare su lunghe distanze, determinando nell’atleta un aumento della “potenza lipidica”, cioè della capacità di consumare una grande quantità di grasso nell’unità di tempo (Arcelli e La Torre, 1994) e, contemporaneamente, un aumento dell’entità dei depositi di glicogeno nei muscoli.

  • Un triatleta ben organizzato è capace di ritagliarsi degli spazi per l’allenamento quotidiano impensabili per una persona comune, come l’alba o la pausa pranzo. L’allenamento serale rimane però quello più comune per chi si allena “solo” una volta e per chi può permettersi il doppio giornaliero. Come sempre è necessario presentarsi all’inizio dell’allenamento con i “serbatoi” pieni di energia ma senza processi digestivi in corso.

  • Da Enervit "nuova energia" per le Maglie delle Nazionali di ciclismo: al via la nuova partnership per i prossimi tre anni
    Enervit, che anche nel mondo del Triathlon è presente e attiva sul mercato dell'integrazione alimentare sportiva, accompagnerà le Maglie delle Nazionali di ciclismo per i prossimi 3 anni, a partire dalla stagione 2017-2018. Partnership al via a pochi giorni dall’inizio dei Mondiali di ciclismo a Bergen, in Norvegia, e per tutte le categorie agonistiche delle varie discipline. Già fornitore ufficiale delle squadre Azzurre per una migliore integrazione, Enervit collaborerà al fianco degli Azzurri della FCI in un'unione che si rafforza e vedrà il marchio italiano sulla maglia della Nazionale. Enervit e la Federazione Ciclistica Italiana si confermano unite al servizio delle Nazionali di Ciclismo guidate da Davide Cassani, con tutta l’innovazione nutrizionale necessaria per supportare i maggiori attori dello sport mondiale e olimpico. E grazie proprio alla stretta collaborazione con Davide Cassani, ambasciatore straordinario, Enervit metterà a punto nuovi prodotti per gli azzurri delle due ruote, che potranno così contare su un supporto unico per la nutrizione e l’integrazione sportiva. Le squadre Nazionali di Ciclismo si avvalgono della linea più completa di integratori prima, durante e dopo lo sport, con la qualità e la sicurezza che da sempre l’azienda offre, compresa la garanzia doping free. Gli integratori Enervit Sport sono infatti stati sottoposti a controlli qualitativi indipendenti, che hanno consentito loro di essere pubblicati nella Cologne List®, una lista di prodotti testati per verificare l’assenza di sostanze proibite o dopanti. Usando i prodotti pubblicati nella Cologne List® gli atleti escludono il rischio di incorrere involontariamente in sostanze proibite e dalla stessa Cologne List® vengono informati in modo trasparente. 

  • Per decenni la nutrizione sportiva è stata considerata unicamente uno strumento per garantire energia all’atleta e, in tempi più recenti, favorire il recupero sia energetico sia muscolare. Ma non è tutto. Sempre più studi scientifici, infatti, stanno dimostrando che alcuni cibi possono essere allenanti. Ecco l’articolo di Elena Casiraghi tutto da leggere.

    Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

     

  • Alessandro Fabian insieme a SiS - Science in Sport: l'azzurro del triathlon e l'azienda leader nella produzione di integratori faranno coppia fissa fino ai Giochi di Tokyo 2020

  • Di ferro di nome, di ferro di fatto: IronWoman come Maura da Torino, che scrive al dottor Luca Speciani, possono manifestare una carenza di ferro. Cosa fare in casi come il suo?

  • Non sarà più un miraggio: chi non ha mai sognato un bel ristoro all'italiana durante la fatica (la fame e la sete) di un IRONMAN? Eccovi accontentati: ufficializzata la nuova partnership tra Enervit e IRONMAN Europa, Medio Oriente e Africa

  • Integrazione estera per Enervit, che si consolida a livello internazionale e nomina due distributori per Germania e UK. Il marchio italiano sarà presente a Eurobike insieme al campione e ambassador Miguel Indurain

  • Il dott. Luca Speciani risponde alle domande di una nostra lettrice.

    Caro dottor Speciani,
    sono una triatleta di 45 anni, proveniente dal nuoto e da poco approdata alla triplice, con grande soddisfazione e divertimento. Purtroppo recentemente una MOC (mineralometria ossea, ndr) mi ha diagnosticato una lieve osteopenia e il medico di base mi ha raccomandato un alto consumo di latte e latticini per aumentare l’apporto di calcio. Poiché in passato ho avuto qualche problema con l’assunzione di latte, le chiedo se questa sia l’unica via per avere ossa sane in uno sportivo.
    Grazie, Rita - Roma

  • Notizie e curiosità dal mondo del Triathlon. Questo numero di luglio pone attenzione agli Age Group di anni non proprio più verdi. Che allenamenti fare e quali i recuperi? A queste domande risponde Simone Diamantini nel suo articolo (pag. 64) dedicato agli over 40. In un’estate così calda non poteva mancare lo speciale integratori (pag. 74), per una corsa “intelligente” e non dannosa. Elisa Battistoni è il personaggio di questo mese. Trovate un’intervista (pag. 60) fatta a lei che, oltre che campionessa, è anche mamma, con una famiglia e un lavoro da seguire.