Allenamento quantitativo o qualitativo?

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice.

Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.
Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose.

L’ideale sarebbe tenere quella quantitativa come seduta rigenerante oppure per i cosiddetti lunghi. La sessione qualitativa, invece, va intesa come un allenamento più impegnativo, ma anche più divertente, perché più vario. In queste sedute si predilige un ritmo più elevato, con un recupero attivo oppure passivo (di solito nella
corsa e nel nuoto).

L’allenamento qualitativo si divide in genere in tre parti: riscaldamento, lavoro centrale e,
infine, defaticamento. Può essere breve, medio o più esteso; ovviamente cambia l’intensità con cui va
interpretato.


Indietro
Pagina 1 di 6
Avanti

Articoli correlati

Le tante valenze del fondo lento

23 Settembre, 2022

Ottimo per il riscaldamento, il fondo lento è un lavoro di qualità, fondamentale per la mente Non c’è dubbio che il fondo lento sia l’allenamento di corsa più eseguito da tutti i triatleti e dai runner in generale. Sulle varie valenze del fondo lento spesso però non ci sono idee chiarissime, neanche tra i corridori […]

Allenarsi in gruppo: una motivazione in più

28 Luglio, 2022

Allenarsi in gruppo significa sostanziale riduzione dello stress, maggiore e vicendevole motivazione, miglioramento delle relazioni interpersonali. Negli ultimi anni è sempre più raro vedere atleti top allenarsi da soli. In cabina di regia, però, occorre un allenatore che sappia garantire gli equilibri. (Davide Rossetti – Foto: Itu) – “È mia convinzione profonda che se si […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]