I dieci lavori fondamentali del triatleta d’inverno

I dieci lavori fondamentali del triatleta d’inverno

02 Gennaio, 2021

È il momento della costruzione generale: in questa fase della preparazione è necessario porre le basi dell’intera stagione agonistica. Ecco le indicazioni di Andrea Gabba.

D’inverno si costruisce: sappiamo che le basi dell’intera stagione di triathlon passano per questi mesi di preparazione generale, una fase della durata di circa 8-12 settimane che dovrebbe prevedere, tra gli obiettivi principali, il miglioramento dell’endurance e della forza oltre che delle capacità coordinative e tecniche. Sul primo numero del 2021, Andrea Gabba suggerisce dieci allenamenti che, tra gennaio e l’inizio di marzo, non dovrebbero mai mancare.

Preparazione atletica generale

Prima di essere triatleti, siamo “atleti”. Secondo Gabba, “prima di costruire il triatleta, dobbiamo costruire l’atleta che c’è in noi, con le sue capacità coordinative e condizionali di base”. E allora, il primo allenamento consigliato consiste in esercitazioni a carattere generale di forza, mobilità, propriocezione, miglioramento della postura (con esercizi specifici per il core), allungamento, reattività. Per durata e ripetizioni vi rimandiamo a Triathlete di gennaio-febbraio.

Costruire prestazioni specifiche

Ribadita l’importanza di solide capacità coordinative e condizionali di base, Gabba si addentra nel miglioramento delle prestazioni specifiche. Si parte dall’endurance a piedi, proseguendo per il “lungo” nel ciclismo oltre che l’aerobico con la forza nel nuoto. A proposito di forza, mai tralasciare le salite nel running e l’utilizzo dei ciclo-simulatori per la seconda frazione. Tra le sedute base del periodo invernale, da non trascurare nemmeno l’allenamento di soglia in vasca né la velocità massima aerobica nella corsa. Verso la chiusura della finestra di costruzione generale, inserire i primi allenamenti di qualità in sella, con l’obiettivo di migliorare l’intensità. Infine, Gabba suggerisce di approfittare delle prime gare invernali tra campestri, mediofondo ciclistiche, winter triathlon e duathlon.

A conclusione dell’articolo, Gabba propone una tabella riepilogativa, alla quale rimandiamo per indicazioni su durata dei lavori, calendarizzazione, distanze, altimetrie, recuperi e molto altro.

Foto: 123rf.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “I dieci lavori fondamentali del triatleta d’inverno”, di Andrea Gabba, pubblicato su Triathlete n. 267, gennaio-febbraio 2021 (in edicola a inizio gennaio), alle pagine 32-36.

Scopri di più sul numero di gennaio-febbraio 2021: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Articoli correlati

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]

Allenare la forza: ecco perché è importante

29 Aprile, 2022

(David Morelli) Allenare la forza: la concezione di allenamento della forza è profondamente mutata rispetto agli anni in cui si pensava che un allenamento invernale potesse “coprire” tutta una stagione sportiva. È un po’ come pensare di prendere una sola aspirina e goderne dei benefici per una settimana. Gli adattamenti non possono perdurare per un […]

Ciclismo, l’allenamento in salita

27 Aprile, 2022

La salita è un mezzo di allenamento e, come tale, può essere usata nel corso della programmazione lungo tutta la stagione. Riteniamo però importante contestualizzarla a seconda del ciclo di sedute in cui ci si trova e fare in modo che il suo impiego sia coerente con quanto si vuole ottenere. Nell’immaginario collettivo del ciclismo […]

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]