I dieci lavori fondamentali del triatleta d’inverno

I dieci lavori fondamentali del triatleta d’inverno

02 Gennaio, 2021

È il momento della costruzione generale: in questa fase della preparazione è necessario porre le basi dell’intera stagione agonistica. Ecco le indicazioni di Andrea Gabba.

D’inverno si costruisce: sappiamo che le basi dell’intera stagione di triathlon passano per questi mesi di preparazione generale, una fase della durata di circa 8-12 settimane che dovrebbe prevedere, tra gli obiettivi principali, il miglioramento dell’endurance e della forza oltre che delle capacità coordinative e tecniche. Sul primo numero del 2021, Andrea Gabba suggerisce dieci allenamenti che, tra gennaio e l’inizio di marzo, non dovrebbero mai mancare.

Preparazione atletica generale

Prima di essere triatleti, siamo “atleti”. Secondo Gabba, “prima di costruire il triatleta, dobbiamo costruire l’atleta che c’è in noi, con le sue capacità coordinative e condizionali di base”. E allora, il primo allenamento consigliato consiste in esercitazioni a carattere generale di forza, mobilità, propriocezione, miglioramento della postura (con esercizi specifici per il core), allungamento, reattività. Per durata e ripetizioni vi rimandiamo a Triathlete di gennaio-febbraio.

Costruire prestazioni specifiche

Ribadita l’importanza di solide capacità coordinative e condizionali di base, Gabba si addentra nel miglioramento delle prestazioni specifiche. Si parte dall’endurance a piedi, proseguendo per il “lungo” nel ciclismo oltre che l’aerobico con la forza nel nuoto. A proposito di forza, mai tralasciare le salite nel running e l’utilizzo dei ciclo-simulatori per la seconda frazione. Tra le sedute base del periodo invernale, da non trascurare nemmeno l’allenamento di soglia in vasca né la velocità massima aerobica nella corsa. Verso la chiusura della finestra di costruzione generale, inserire i primi allenamenti di qualità in sella, con l’obiettivo di migliorare l’intensità. Infine, Gabba suggerisce di approfittare delle prime gare invernali tra campestri, mediofondo ciclistiche, winter triathlon e duathlon.

A conclusione dell’articolo, Gabba propone una tabella riepilogativa, alla quale rimandiamo per indicazioni su durata dei lavori, calendarizzazione, distanze, altimetrie, recuperi e molto altro.

Foto: 123rf.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “I dieci lavori fondamentali del triatleta d’inverno”, di Andrea Gabba, pubblicato su Triathlete n. 267, gennaio-febbraio 2021 (in edicola a inizio gennaio), alle pagine 32-36.

Scopri di più sul numero di gennaio-febbraio 2021: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Articoli correlati

Allenarsi in gruppo: una motivazione in più

28 Luglio, 2022

Allenarsi in gruppo significa sostanziale riduzione dello stress, maggiore e vicendevole motivazione, miglioramento delle relazioni interpersonali. Negli ultimi anni è sempre più raro vedere atleti top allenarsi da soli. In cabina di regia, però, occorre un allenatore che sappia garantire gli equilibri. (Davide Rossetti – Foto: Itu) – “È mia convinzione profonda che se si […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come valutare lo stato di forma

09 Giugno, 2022

Prima di una gara è possibile – e consigliabile – valutare lo stato di forma. Impariamo come Ogni atleta desidera avere il giusto stato di forma fisica e mentale quando è sulla linea di partenza di una gara. La consapevolezza di essersi allenati al punto giusto e di essere pronti per affrontare la gara fornisce […]