Allenamento: la preparazione atletica

Allenamento: la preparazione atletica

11 Aprile, 2015

La parte centrale della preparazione atletica del triatleta dev’essere svolta da dicembre/gennaio a fine marzo/aprile, per poi continuare un mantenimento delle qualità allenate per tutta la stagione.

Durante questi quattro mesi viene svolto il periodo di lavoro Generale e quello Speciale, della durata di otto settimane ognuno. Nelle prime otto settimane di preparazione del periodo Generale, l’obiettivo è quello di rendere la muscolature più resistente ed elastica, migliorando anche la propriocezione del corpo e la stabilità del core. La seconda parte della preparazione, invece, quella del periodo Speciale, ha la finalità di adattare la muscolatura a tollerare il lattato e di incrementare la forza; è dimostrato, infatti, che quando un triatleta, sia Age Group sia Elite, non termina la frazione di corsa secondo la sua potenzialità, la causa principale è mancanza di forza.

Regole sempre valide

Per aiutarti a svolgere al meglio gli esercizi sopra citati puoi affidarti a qualsiasi preparatore o istruttore di palestra, ricordando però le seguenti note: prima di ogni esercizio con i pesi, effettua una serie di riscaldamento da 20 ripetizioni con carichi minimi; fai sempre i movimenti alla loro massima ampiezza, per coinvolgere tutte le fibre muscolari; una buona preparazione atletica può essere svolta facendo pochi esercizi, ben fatti, che coinvolgono le grandi catene muscolari, l’importante è rispettare la metodologia del lavoro, quindi il numero di ripetizioni delle serie, i riposi e l’intensità dei carichi; l’ideale sarebbe svolgere le sedute prima degli allenamenti aerobici di nuoto, ciclismo e corsa.

Nel PDF allegato scaricabile vediamo, quindi, nel dettaglio un esempio di preparazione atletica a secco adatta ad un triatleta Age Group al suo secondo/terzo anno di attività.

 (Tratto da Triathlete n. 215 – Gennaio/Febbraio 2015)

Articoli correlati

VAM: cos’è e come si calcola

10 Marzo, 2022

La VAM o Velocità Ascensionale Media indica il dislivello espresso in metri in salita nel tempo di un’ora. È un parametro attraverso il quale si può valutare la propria performance in salita.  Come si calcola la VAM? Ciò di cui abbiamo bisogno per il calcolo della VAM. è di un ciclocomputer da ciclista che abbia […]

Training in pausa pranzo: quando e cosa mangiare

12 Dicembre, 2018

Gli aspetti da curare per migliorare la prestazione sportiva sono essenzialmente tre: un programma di training su misura; la motivazione interiore per affrontare la competizione e il carico di allenamento quotidiano; l’alimentazione. I consigli di Paolo Barbera sull’organizzazione alimentare in una giornata di allenamenti