Periodo fondamentale

Periodo fondamentale

28 Dicembre, 2018

Siamo in un periodo cruciale per la costruzione muscolare, il potenziamento organico e la pianificazione annuale; adeguando i volumi di allenamento al proprio fisico tenendo conto dei limiti tecnici e fisici, possiamo migliorare i nostri risultati dalla stagione passata alla prossima in arrivo

E allora, come ogni mese, ecco i consigli dei nostri tecnici per questo periodo fondamentale.

Sei un atleta da “Low Cadence” o da “High Cadence”?, è questa la domanda alla quale dobbiamo dare una risposta con Simone Diamantini; poche persone tendono a considerare come parametro la frequenza di pedalata, che invece è uno “strumento”, un’indicazione importante di allenamento. Trattando noi di triathlon e non di ciclismo, meglio è una Low Cadence per abbassare la frequenza cardiaca media e il costo energetico, così da poter affrontare anche l’ultima frazione run.

Pista sì, pista no nel triathlon? Ne parliamo con Giorgio Rondelli; dipende da cosa si vuol allenare: dalla potenza aerobica al frazionato lungo, al fartlek per proseguire con Interval training, frazionati corti, sedute di resistenza lattacida, cambi di ritmo.

Con Luca Gozzi vediamo quali sono gli errati luoghi comuni che riguardano il nuoto. Avere una posizione scorretta del corpo in acqua o allenarsi in maniera errata è molto penalizzante in quanto il nuoto è lo sport con il costo energetico più alto in assoluto. Il motivo è perché si svolge in acqua, elemento decisamente più “pesante” dell’aria. Dunque, attenzione alle false credenze.

Con Andrea Gabba vediamo i test di inizio stagione nelle tre discipline, “foto” che rappresentano un andamento per poter valutare il programma da fare. Perché abbiano valore, i test vanno eseguiti nel rispetto di un determinato protocollo.

Nadia Cortassa affronta il sempre delicato argomento che riguarda i giovani e la loro corretta formazione, con attività indoor data la stagione fredda. Il messaggio è: prima di costruire il triatleta, si deve costruire l’atleta con la giusta metodologia e la corretta tempistica.

Ed ecco che l’Age Group, con Alberto Duilio Schivardi e i suoi preziosi consigli, affronta il suo primo inverno da triatleta.

Scopri di più sul numero di gennaio-febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

Articoli correlati

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]

Triathlon come iniziare

28 Aprile, 2022

Cos’è il triathlon? Il triathlon non è solo nuoto, ciclismo e corsa Le distanze del triathlon Triathlon come iniziare Cos’è il triathlon? Il triathlon è uno sport multidisciplinare che abbraccia tre discipline: nuoto, ciclismo e corsa, tra l’altro affrontate senza mai fermarsi. Sì, perché il cronometro continua a correre, anche quando sei impegnato a passare […]