Forte per 1.500 m

Forte per 1.500 m

01 Maggio, 2012

Una corretta distribuzione dello sforzo durante l’intera frazione natatoria è fondamentale per un’ottima performance

Nel nuoto occorre essere veloci senza stancarsi troppo, questo in vista del prosieguo della gara. Per fare ciò è utile avere   una buona tecnica di nuotata, una solida base di resistenza e un’ottima potenza aerobica. Tutte queste caratteristiche   devono essere implementate con sedute di allenamento specifiche.

  • Cambiare ritmo
    La capacità di saper cambiare repentinamente l’andatura è un’arma straordinaria per riuscire a fare selezione  all’interno del gruppo e involarsi alla vittoria. Le partenze scriteriate a velocità pazzesche difficilmente hanno  ortuna, anche perché sia la frazione natatoria sia le due successive sono comunque lunghe e impegnative e  richiedonouna gestione dello sforzo molto attenta. Di converso, una partenza nel nuoto troppo lenta, soprattutto in  ontesti di altissimo livello, può significare resa anticipata rispetto a idee di vittoria o comunque a piazzamenti  prestigiosi. Conoscere i propri limiti, capire quando è il momento di aumentare o diminuire l’andatura e soffrire nei  momenti di difficoltà sono un’arte che si impara con l’esperienza agonistica e con un corretto programma di allenamento.
  • Tattiche
    Per quanto riguarda la giusta distribuzione di un 1.500 m in acque libere si possono utilizzare sostanzialmente due  tipologie di tattiche:
    1 – 300 m molto forti – 900 m ad andatura più moderata – 300 m finali alla massima velocità;
    2 – primi 500 m ad andatura media – 500 m ad andatura veloce – ultimi 500 m alla massima velocità.
    • Nel primo caso, i primi 300 m sono nuotati a una velocità vicina al massimo consumo di ossigeno, quindi siamo in  regime di potenza aerobica, accumulo di lattato molto importante, grande affaticamento sia muscolare sia cardiorespiratorio. Questa velocità è individuale, potrebbe diventare una strategia rischiosa seguire nuotatori molto  più veloci e diventerà letale nei momenti successivi, quando si presenterà una crisi di affaticamento che potrebbe  compromettere l’intera gara. Quindi prudenza, partenza veloce ma non troppo superiore alle proprie capacità. Se si  è allenati in modocorretto si percepisce immediatamente se si è andati oltre il limite, basta rallentare un po’ per tornare subito competitivi. I 900 m centrali sono nuotati ad un’andatura vicino alla soglia anaerobica, quindi la  velocità è media-sostenuta, la respirazione sempre ogni due bracciate; questo tratto non dovrebbe presentareparticolari difficoltà, se possibile sarebbe bene sfruttarela scia. È un momento di transizione per prepararsi allo sprint finale e per cercare di terminare la frazione nelle posizioni di testa. I 300 m finali  rappresentano la “corrida” vera e propria, sia per i campioni sia per gli amatori. E ’il momento di dare tutto quello che  si ha, sia in corpo sia nella mente: si implementa la frequenza di bracciata cercando di non perdere la spinta  subacquea,si può anche forzare la respirazione (una respirazione ogni 4-6 bracciate), si passa quindi a un regime  ipossico (l’importante è non esagerare). Il ritmo di gambata passa da 2 a 6 cicli per bracciata, sarebbe utile  riuscire a sviluppare una progressione, anche se questo è un particolare adatto più ai campioni che agli amatori a  causa della difficoltà fisiologica del cambiamento di ritmo quando già si è al massimo della propria velocità.
    • Il secondo tipo di tattica prevede i primi 500 m nuotati a una velocità non massimale, ben al di sotto del proprio  limite: questo atteggiamento è indicato per nuotatori esperti che sono in grado di gestire le proprie forze in modo  arguto. È fondamentale rimanere comunque legati a un gruppo e non rimanere da soli, anche per non avere  contraccolpi psicologici. Questo atteggiamento deve essere rigorosamente consapevole, calcolato, e l’andatura di  nuotata può essere implementata in qualsiasi momento. Nei secondi 500 m si aumenta la velocità in maniera  importante, a questo punto si inizierà a superare parecchi concorrenti per poi sprintare in maniera decisa negli ultimi 500 m. In questo frangente si può abbandonare la scia per dare tutto quello che si ha, se la tattica è stata  corretta si può risalire un numero impressionante di posizioni, senza arrivare troppo stanchi alla fine della frazione. Il vantaggio di questa strategia è anche psicologico: si sente che, coi sorpassi effettuati, la gara sta procedendo in  maniera ottimale.

tabella nuoto

 

 

 

Articoli correlati

Allenarsi con le palette da nuoto

29 Luglio, 2022

Le palette da nuoto sono uno degli ausili didattici del nuotatore più importanti per il miglioramento della performance Se usate con criterio, le palette da nuoto portano indubbiamente dei benefici sia per quanto riguarda la tecnica di nuotata sia relativamente  all’aspetto di forza in acqua. Il principio fondamentale è quello di non abusarne, soprattutto in […]

Nuoto: la settimana prima della gara

22 Giugno, 2022

Con un corretto avvicinamento all’evento si può ottenere un grande risultato: ecco cosa fare nella settimana prima della gara Nella settimana prima della gara alcuni particolari devono essere monitorati in modo assolutamente preciso. L’alimentazione riveste un ruolo fondamentale nelle prove di media-lunga durata. Inoltre, la scelta appropriata degli allenamenti da svolgere in piscina e il […]

Come valutare lo stato di forma

09 Giugno, 2022

Prima di una gara è possibile – e consigliabile – valutare lo stato di forma. Impariamo come Ogni atleta desidera avere il giusto stato di forma fisica e mentale quando è sulla linea di partenza di una gara. La consapevolezza di essersi allenati al punto giusto e di essere pronti per affrontare la gara fornisce […]