L’allenamento con il ciclosimulatore

L’allenamento con il ciclosimulatore

04 Febbraio, 2022

Prima del lockdown, davanti alla possibilità di scegliere se svolgere un allenamento lungo su ciclosimulatore o in strada, molti di noi avrebbero scelto la seconda opzione. Ora constatiamo come questa situazione di eccezionalità abbia modificato la nostra percezione di cos’è giusto e cos’è sbagliato.

  1. Il ciclosimulatore e la capacità di forza resistente
  2. Cambio di mentalità
  3. Allenamento indoor: pro e contro
  4. Allenamento outdoor: pro e contro

(Simone Diamantini – Foto: Itu) Ora per le strade si vedono tantissimi ciclisti di tutti i livelli. Credo che il ciclismo dia l’idea di libertà come poche altre discipline sportive. La mia idea, da coach, era quella che, dal punto di vista del livello di allenamento, si ripartisse praticamente da zero e se questo commento è sicuramente valido per il nuoto e lo è forse anche per la corsa, il ciclismo, invece, grazie all’allenamento indoor, è riuscito a calmare i triatleti che “scalpitavano”. Nel contempo ha sviluppato delle qualità, in modo importante, che solo con il ciclosimulatore sono allenabili così precisamente.

Capacità di forza resistente

Lavorando con tanti professionisti e amatori, ho verificato con mia sorpresa come tutto il training svolto indoor sui ciclosimulatori (dal più semplice a quelli di ultima generazione) abbia sicuramente curato una parte delle qualità di allenamento a cui raramente, in modo così ossessivo, si lavora: la capacità di forza resistente.

Il ciclosimulatore di qualsiasi modello offre una resistenza che impedisce quella che viene chiamata “fase di inerzia”. Quando si è in strada, infatti, è possibile smettere di pedalare e sfruttare la scia, dove si mantiene la velocità, ma la potenza espressa è pari quasi a zero. Questa condizione nel training indoor è impossibile, si è sempre in spinta, per capirci è come pedalare outdoor su asfalto in Mtb con le ruote larghe e tassellate: appena si smette di pedalare ci si ferma.

È ovvio che questo tipo di sforzo richiesto, sebbene inizialmente generi molto affaticamento soprattutto a carico degli estensori (quadricipiti prevalentemente) è estremamente produttivo. Infatti, il feedback che ho avuto, sia verbale, ma soprattutto leggendo e analizzando i dati che i miei atleti scaricano sulla piattaforma con cui archiviamo gli allenamenti, mette in evidenza proprio questa tesi: gli atleti sono più forti e capaci di esprimere a bassa frequenza di pedalata maggiore potenza.

Inoltre, una valutazione puramente tecnica mi ha indicato il ciclosimulatore come strumento migliore per poter effettuare allenamenti dedicati a sviluppare una specifica qualità in modo preciso e chirurgico. In questo contesto gli atleti rispettano i dettami con precisione controllando watt e rpm dell’allenamento previsto senza essere distratti da traffico e condizioni esterne.

Cambio di mentalità con il ciclosimulatore

Questo tipo di allenamento ovviamente impoverisce lo sport nella sua componente ludica e rilassante e forse per alcuni è proprio un “abominio” il chiudersi in una stanza e pedalare da soli.

Se questo pensiero è comprensibile e in parte condivisibile, devo dire che la precisione del compito assegnato soprattutto negli allenamenti di forza e anche il tempo di allenamento richiesto è sicuramente preferibile in alcuni casi per i professionisti, per la precisione e intensità raggiunte o, nel caso dell’amatore che lavora, per il tempo risparmiato.

Se prima del lockdown, davanti alla possibilità di scegliere se svolgere un allenamento di 180’ su ciclosimulatore o in strada, molti di noi avrebbero scelto la seconda opzione, ora constatiamo come questa situazione di eccezionalità abbia cambiato, e per sempre, la nostra mentalità. Il periodo di eccezionalità, insomma, ha sconfitto la nostra mentalità limitata e i nostri preconcetti su cos’è giusto e cos’è sbagliato.

Allenamento indoor

ProContro
Tempo di allenamento funzionale (no perdita tempo)Perdita qualità di sensibilità alla guida del mezzo e di abitudine al traffico
Precisione nei parametri di allenamentoEccessiva sudorazione e dispersione elettrolitica
Sviluppo forza resistente (no inerzia)Eccessivo affaticamento arti inferiori
Assenza di rischio incidentiPossibilità di mantenere posizione crono senza pericolo (rischio di deconcentrazione)
Possibilità di allenarsi più spessoDolori al sottosella per posizione statica per troppo tempo
Piattaforme virtuali divertentiNon è possibile fare allenamenti dove si richieda grosse accelerazioni da fermo
(su alcuni ciclosimulatori)
Possibilità di mantenere posizione crono senza pericoloSu alcuni ciclosimulatori non si può andare fuori sella
Mantenimento standard delle condizioni di allenamento (temperatura e umidità)
Possibilità di essere rintracciabile senza rischio di distrazioni

Allenamento outdoor

ProContro
Allenamento con vista del paesaggio e di godere di una vita più “slowEccessiva perdita di tempo
Mantenimento e miglioramento qualità di guidaAlto rischio di incidenti sia in gruppo sia per il traffico
Allenamenti in gruppo con cambi di ritmo imprevistiRischio problemi meccanici (forature, rotture varie)
Allenamento no draft con vento, pendenza e resistenza aria (cx)Rischio problemi climatici (freddo, vento, pioggia o caldo)
e di salute (malattie da raffreddamento)
Sudorazione e dispersione elettrolitica percepita
Allenamento in salita veritiero e anche in discesa
Si possono eseguire accelerazioni in qualsiasi modo e maniera
Cambio posizione sulla sella dovuto a cambi di percorso (no problemi sottosella)

Articoli correlati

Allenarsi in gruppo: una motivazione in più

28 Luglio, 2022

Allenarsi in gruppo significa sostanziale riduzione dello stress, maggiore e vicendevole motivazione, miglioramento delle relazioni interpersonali. Negli ultimi anni è sempre più raro vedere atleti top allenarsi da soli. In cabina di regia, però, occorre un allenatore che sappia garantire gli equilibri. (Davide Rossetti – Foto: Itu) – “È mia convinzione profonda che se si […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come valutare lo stato di forma

09 Giugno, 2022

Prima di una gara è possibile – e consigliabile – valutare lo stato di forma. Impariamo come Ogni atleta desidera avere il giusto stato di forma fisica e mentale quando è sulla linea di partenza di una gara. La consapevolezza di essersi allenati al punto giusto e di essere pronti per affrontare la gara fornisce […]