Consigli
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Siete pronti per il momento più delicato della stagione? Quello delle rifiniture pre-gara per arrivare sul traguardo con le gambe leggere, reattive e performanti

Ampio il ventaglio delle gare che si possono mettere nel proprio mirino, così da poter scegliere quelle a noi più adeguate. Simone Diamantini nel suo articolo analizza quanto sia cresciuto il mondo della triplice dando alcuni dati. Eccoli: meno di una quindicina di anni fa le gare in totale erano 29; oggi nel mondo si organizzano più di 200 competizioni, tra cui 150 prove di 70.3 e circa 40 Ironman, ai quali si devono aggiungere le gare della famiglia Challenge, Itu Long Distance e ibride. Con Giorgio Rondelli: come allenarsi in soli 60’. Con il tecnico Luca Gozzi l’argomento affrontato è relativo al nuoto: i tre sistemi di produzione dell’energia, che sono sistema aerobico, anaerobico lattacido e anaerobico alattacido. Con Adrea Gabba valutiamo la forza del gruppo: è meglio? Peggio? Dipende. Nel suo articolo tutti i pro e i contro. Nadia Cortassa parla, anzi, scrive dei camp estivi, argomento pertinente data la stagione nella quale ci troviamo, e di come utilizzare il percorso di crescita sportiva essendo ora liberi dai gravosi impegni scolastici. Con Paolo Barbera continuiamo a parlare di allenamento indoor, più precisamente dei combinati, per non affrontare le variabili dell’ambiente esterno anche se sta proprio nel contatto con la natura il fascino della triplice. Consideriamo però che la palestra elimina problemi di logistica (dove metto la bici mentre sono a correre all’esterno?) e di tempo (spazi e tempi ristretti al massimo). Proseguiamo con l’indoor con l’articolo di Giacomo Giovenali e il suo Trx, strumento sempre più utilizzato nella multidisciplina in quanto è in grado di migliorare la forza e la mobilità. E ancora lo Swimrun e le tabelle di allenamento di Diego Novella per un training specifico alla disciplina. Eccoci giunti all’articolo di Ilenia Lazzaro, nel quale analizza il consumo calorico nel cross triathlon, ben diverso e senz’altro maggiore di quello in un triathlon classico su strada. Nel triathlon cross la frazione bici e la frazione corsa sono Mtb e trail, quindi presentano un consumo indicativamente del 10% maggiore rispetto alle corrispondenti distanze su strada. Alberto Duilio Schivardi tratta delle new entry nel mondo della triplice che provengono dal nuoto: stimoli e metodo.

Scopri di più sul numero di giugno: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.