TriFitness: dal body building alla multidisciplina

TriFitness: dal body building alla multidisciplina

15 Aprile, 2016

Gentile dott. Confalonieri,
mi chiamo Valentino e ho 36 anni, da sempre appassionato di palestra e di body building. Mi alleno con regolarità 4 volte a settimana, alternando periodi dedicati alla massa e quelli dedicati alla definizione. Ora ho appena terminato due cicli di preparazione particolarmente impegnativi e mi accorgo che vorrei cambiare qualcosa della mia vita atletica; magari approfittando della bella stagione in arrivo potrei integrare il lavoro in palestra con dell’attività all’aperto, diversa come caratteristiche e meno ossessiva e ripetitiva. Da un lato la cosa mi attrae perché potrei per divertimento dedicarmi anche a qualche competizione di Cross Fit, dall’altro non vorrei che una diminuzione eccessiva degli allenamenti in palestra pregiudicasse tutto quanto costruito fino a ora… Insomma, aspetto da lei l’ultima spinta e un consiglio su come cominciare!
Valentino Armani

Gentile Valentino,
lei, come gran parte dei body builder, è una persona preparata e competente e ha, quindi, intuito potenzialità e rischi di questa scelta. Se riuscirà a gestire con intelligenza l’alternanza di allenamenti in palestra dedicati alla massa e alla forza con gli allenamenti all’aperto dedicati alla resistenza potrà trarne un immediato beneficio in termini psicologici e di salute e, in prospettiva, potrà guadagnarci anche come body builder; la diversificazione ben gestita, infatti, diventa spesso un importante fattore allenante rendendo il nostro corpo più recettivo agli stimoli che gli proponiamo.
Vediamo, quindi, quali dovranno essere le linee guida di questa sua nuova avventura:
Il microciclo settimanale di allenamento sarà strutturato su 2 sedute in palestra, 1 allenamento a piedi, un allenamento in bici e un quinto allenamento che sarà alternativamente una volta in palestra e una a piedi.
• Gli allenamenti in palestra saranno fondamentalmente dedicati al mantenimento della massa e coinvolgeranno i principali gruppi muscolari di tipo fasico, la muscolatura posturale perde infatti molto più lentamente gli adattamenti di forza e di volume raggiunti con l’allenamento e quindi risente meno di una riduzione del lavoro. Le serie saranno classicamente strutturate con carichi variabili intorno al 70-80% e con un numero di ripetizioni variabili tra 12 e 8.
• L’allenamento a piedi sarà inizialmente molto breve, circa 30’, e prevederà l’alternanza di tratti al passo e tratti di corsa; gradualmente aumenteranno la durata complessiva dell’allenamento e la percentuale della corsa fino ad arrivare a 45’ di corsa ad andatura media.
• L’allenamento in bici sarà nel week end, inizialmente 2 ore e percorsi facili per poi introdurre gradualmente qualche salita poco impegnativa. Obiettivo fine ciclo: pedalare per 3 ore su misto o collinare.
• La corsa in un soggetto molto muscolato e non particolarmente evoluto nella biomeccanica del gesto potrebbe determinare l’insorgenza di patologie da sovraccarico, in particolare a livello del ginocchio; le consiglio, quindi, di dedicarsi 2 o 3 volte a settimana agli esercizi di rafforzamento e stabilizzazione.
Fondamentale prevenire un eventuale catabolismo muscolare che da un lato la danneggerebbe come body builder e dall’altro potrebbe favorire l’insorgenza di una condizione di sovraffaticamento o sovrallenamento. Le consiglio, quindi, di assumere aminoacidi ramificati (circa 1 g ogni 10 kg di peso corporeo) prima degli allenamenti in palestra e dell’uscita in bici e di completare la cena, nelle giornate in cui si è allenato in palestra, con le proteine in polvere (circa 60 g). Partendo da queste considerazioni introduttive, potrà, quindi, strutturare il suo programma settimanale di allenamento seguendo la tabella 2.

PROGRAMMA PER LA STABILIZZAZIONE DEL GINOCCHIO

1. Cyclette a sella alta. Tempo 15’ come riscaldamento e 10’ di defaticamento.
2. Stretching abduttori e quadricipite. Mantenere la posizione di allungamento di ogni posizione per 20”.Ripetere 3 volte.
3. In piedi appoggiato al muro(o a una fitball) flessione del ginocchio di circa 30°-45° (posizione comunque non dolorosa )mantenere la posizione con la tensione dell’elastico in abduzione per 30″-40″ (ripetere 2 volte).
4. Eseguire mini-squat (piegamenti di 20°-30° del ginocchio sul’arto in appoggio) in piedi mantenendo la rotazione esterna dell’anca (il ginocchio si abbassa verso la parte esterna del piede in appoggio) Ripetere 10 volte per 2-3 serie per ogni lato.
5. Leg extension in concentrica monopodalica. Si parte da unaflessione delginocchio di circa 120° e si estende l’arto fino a circa 70° poi si ritorna lentamente allap osizione di partenza. Ripetere10 volte per 2 serie.
6. Leg press in eccentrica monopodalica. Si porta passivamente in estensione con entrambi gli arti inferiori partendo da una flessione di circa 20-30° e si ritorna lentamente alla posizione di partenza con un solo arto. Ripetere 10 volte per 2 serie.
7. Rinforzo abduttori. 10 ripetizioni per 2 serie per lato.
8. Cercare di mantenere la posizione di equilibrio. Iniziare con piede nudo in appoggio su un arto sul pavimento (a). Quando si è raggiunto un buon controllo eseguire ad occhi chiusi, quindi passare su una base più instabile (es.materassino). Eseguire a occhiaperti e poi occhi chiusi. Progredire rendendo sempre più instabile la base (materasso, tavoletta instabile, trampolino(b,c).
Ogni fase dura come minimo 3-4 sedute. Ogni seduta minimo 2′-3’.

TABELLA DI ALLENAMENTO

Lunedì Riposo in cui va inserito il lavoro di rafforzamento e stabilizzazione del ginocchio
Martedì Palestra
Mercoledì Corsa
Giovedì Riposo in cui vainserito il lavoro di rafforzamento estabilizzazione del ginocchio
Venerdì Palestra
Sabato Allenamento in bici
Domenica Alterni una settimana di allenamento a piedi e una di palestra.

Articoli correlati

La funicella, valido rimedio per muscoli doloranti

02 Maggio, 2022

Inserire l’uso della funicella nei nostri allenamenti può aiutarci a prevenire gli affaticamenti muscolari. Saltare la corda è infatti un esercizio di forza e resistenza particolarmente efficace che allena la velocità e la capacità di salto, oltre ad aumentare la forma fisica e la coordinazione. Come ben sappiamo, i muscoli del corpo umano non lavorano sempre nello […]

Campionati Italiani Duathlon Imola

04 Marzo, 2022

In caso di pioggia? Cosa cambia girare in bici all’autodromoLa durata della frazione del Duathlon Sprint è breve e non comporta particolari problemi di freddo considerato anche che il percorso è di quelli che mantiene alto il ritmo e quindi il riscaldamento corporeo non si abbassa.L’asfalto è molto buono essendo il tracciato di un autodromo […]

Sardegna Tries X, buona la prima

04 Febbraio, 2022

Bell’esordio della tre giorni dedicata alla multidisciplina tra la natura incontaminata della Sardegna. Aquathlon, triathlon off-road e trail nel programma di Sardegna Tries X Dal 30 ottobre all’1 novembre, tra le spiagge di Golfo Aranci, le acque del Golfo di Marinella e la macchia mediterranea si è svolta la prima edizione del Sardegna Tries X, […]

XTERRA World Championship: che spettacolo!

03 Febbraio, 2022

Il maltempo ha trasformato XTerra World Championship il mondiale del circuito internazionale di cross triathlon in un duathlon, ma lo spettacolo non ne ha risentito. Il successo di Hayden Wilde Flora Duffy superstar Eleonora Peroncini da record Un quarto di secolo. Sì, il Campionato del mondo XTerra ha vissuto, il 5 dicembre 2021 nella verdeggiante […]