Summer Training

Summer Training

30 Giugno, 2018

Siamo in piena estate, con gare alle spalle e altre ancora da affrontare. Come fare, dunque, a mantenere lo stato di forma?

Molti sono in vacanza, le ore di luce sono aumentate e la voglia di allenarsi pure. Attenzione, però, a non andare in overtraining, od overloading: non bisogna caricare troppo, con il rischio di “impiantarsi”. Si possono, al contrario, sistemare alcuni limiti tecnici come il nuoto in acque libere, argomento trattato da Luca Gozzi, o mettere qualche salita in più a cavallo della nostra bike; o, come suggerisce Simone Diamantini, adottare dei training di “compensazione”, come allenare il core, fare molto stretching che, insieme all’uso dei foam roller, migliora l’elasticità della muscolatura. O anche Yoga, Pilates, elettrostimolazione. Del tempo andrebbe dedicato anche alla corsa veloce su distanze brevi (150-400 metri) spesso sottovalutate dal triatleta che, invece, dà una marcia in più, specie in gara, nel rush finale; parola di Giorgio Rondelli. Andrea Gabba dedica le sue pagine all’allenamento dello swim-run, realtà che va sempre più affermandosi. Nadia Cortassa tratta del mondo giovani: ragazzi, in vacanza da scuola sì, ma non dagli allenamenti.

Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

Articoli correlati

Cadenza di pedalata, quante rivoluzioni in un minuto?

21 Gennaio, 2022

Come allenarla Sprint in agilità Variazioni Ripetute Allenamenti specifici per la forza La frequenza (detta anche cadenza) di pedalata è un fattore importante, che va a influenzare la resa, l’efficienza e la performance di un triatleta durante la frazione ciclistica e nella successiva prova di corsa. Scrive al riguardo Andrea Gabba In base alla velocità e alla forza con cui noi spingiamo […]

Road to Cervia, la quarta tappa del viaggio

04 Luglio, 2021

Un approfondimento dedicato al picco della preparazione per l’Ironman Italy: un periodo di quattro settimane da inserire in tabella prima della fase finale della programmazione e caratterizzato dal carico di lavoro più alto. I consigli di Andrea Gabba sul nuovo Triathlete