La potenza lipidica

La potenza lipidica

01 Luglio, 2013

Alias, la quantità di grassi impiegata al minuto da un atleta per produrre energia

Per parlare di potenza lipidica e di come si possa migliorarla con l’allenamento occorre prima di tutto chiarire che come potenza lipidica si intende la quantità di grassi impiegata al minuto da un atleta per produrre energia. Per spiegare meglio il concetto è importante ancora sottolineare che non è tanto importante la percentuale dei grassi utilizzati quanto, appunto, quelli convertiti in energia. L’utilizzo dei grassi ricopre un ruolo fondamentale nelle gare di lunga durata, vedi maratona, ultramaratona oppure Ironman, in quanto avere una fonte energetica supplementare alle scorte di glicogeno muscolare può essere spesso un fattore decisivo in termini di risultato finale. Naturalmente un fattore fondamentale è la velocità di gara dell’atleta. Nella gare del mezzofondo prolungato in pista, vedi i 5.000 e i 10.000, la potenza lipidica è praticamente nulla, visto che per correre a ritmi ampiamente sotto i 3’ al km la fonte principale è il glicogeno muscolare. Nelle gare di fondo e gran fondo (utili per l’allenamento dei triatleti lunghisti), invece, più è alta la percentuale di grassi che si riesce a utilizzare come fonte energetica maggiore sarà la potenza lipidica a disposizione dell’atleta.

Come migliorarla?
Quantità: il primo concetto che deve essere ben chiaro è che non si può migliorare la potenza lipidica senza un allenamento basato sui lunghi chilometraggi…

…continua a pag. 102-103 di Triathlete n. 204/luglio-agosto 2013

– per l’acquisto dei numeri arretrati di Triathlete contattare il Servio Lettori dell’Editoriale Sport Italia allo 02.48.15.396 oppure inviando una mail a serviziolettori@sportivi.it

– per l’abbonamento cartaceo: http://www.storesportivi.it/articoli/38/triathlete.html

– per l’acquisto in versione digitale di una copia o di un abbonamento (acquistabile solo da PC fisso ma consultabile anche da sistema operativo mobile): http://triathlete.sportivi.it/sportitalia/includes/shop/list_products_smart.jsp?params=starter&testata=triathlete&id=triathlete

 

Articoli correlati

Garmin Forerunner 165, la corsa per tutti!

21 Febbraio, 2024

Garmin inaugura la serie Forerunner® 165, i nuovi smartwatch GPS dedicati alla corsa. Pensati per supportare gli atleti di ogni livello e raggiungere obiettivi sempre più sfidanti, le due versioni lanciate sul mercato – Forerunner 165 (in 2 colori) e Forerunner 165 Music (in 4 colori) – presentano piani di allenamento personalizzati e un display […]

Dolore sotto al malleolo: cause, rimedi e consigli.

29 Giugno, 2023

Il dolore sotto al malleolo è un fastidio che capita di frequente a coloro che manifestano un’eccessiva torsione del piede. Ma come si manifesta? E quali sono le cause principali? Ma soprattutto, come possiamo prevenirlo? Una questione di appoggio Oggi sappiamo bene quali sono gli effetti negativi dell’appoggio del piede con una pronazione esagerata, ovvero […]

Le tante valenze del fondo lento

23 Settembre, 2022

Ottimo per il riscaldamento, il fondo lento è un lavoro di qualità, fondamentale per la mente Non c’è dubbio che il fondo lento sia l’allenamento di corsa più eseguito da tutti i triatleti e dai runner in generale. Sulle varie valenze del fondo lento spesso però non ci sono idee chiarissime, neanche tra i corridori […]

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]