La potenza lipidica

La potenza lipidica

01 Luglio, 2013

Alias, la quantità di grassi impiegata al minuto da un atleta per produrre energia

Per parlare di potenza lipidica e di come si possa migliorarla con l’allenamento occorre prima di tutto chiarire che come potenza lipidica si intende la quantità di grassi impiegata al minuto da un atleta per produrre energia. Per spiegare meglio il concetto è importante ancora sottolineare che non è tanto importante la percentuale dei grassi utilizzati quanto, appunto, quelli convertiti in energia. L’utilizzo dei grassi ricopre un ruolo fondamentale nelle gare di lunga durata, vedi maratona, ultramaratona oppure Ironman, in quanto avere una fonte energetica supplementare alle scorte di glicogeno muscolare può essere spesso un fattore decisivo in termini di risultato finale. Naturalmente un fattore fondamentale è la velocità di gara dell’atleta. Nella gare del mezzofondo prolungato in pista, vedi i 5.000 e i 10.000, la potenza lipidica è praticamente nulla, visto che per correre a ritmi ampiamente sotto i 3’ al km la fonte principale è il glicogeno muscolare. Nelle gare di fondo e gran fondo (utili per l’allenamento dei triatleti lunghisti), invece, più è alta la percentuale di grassi che si riesce a utilizzare come fonte energetica maggiore sarà la potenza lipidica a disposizione dell’atleta.

Come migliorarla?
Quantità: il primo concetto che deve essere ben chiaro è che non si può migliorare la potenza lipidica senza un allenamento basato sui lunghi chilometraggi…

…continua a pag. 102-103 di Triathlete n. 204/luglio-agosto 2013

– per l’acquisto dei numeri arretrati di Triathlete contattare il Servio Lettori dell’Editoriale Sport Italia allo 02.48.15.396 oppure inviando una mail a serviziolettori@sportivi.it

– per l’abbonamento cartaceo: http://www.storesportivi.it/articoli/38/triathlete.html

– per l’acquisto in versione digitale di una copia o di un abbonamento (acquistabile solo da PC fisso ma consultabile anche da sistema operativo mobile): http://triathlete.sportivi.it/sportitalia/includes/shop/list_products_smart.jsp?params=starter&testata=triathlete&id=triathlete

 

Articoli correlati

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]

Corsa e triathlon: 8 cose che devi sapere

22 Marzo, 2022

Sfatiamo i luoghi comuni legati a corsa e triathlon. Nello sport, come nella vita, si hanno convinzioni che, a volte, si rivelano errate. Abbiamo scelto otto situazioni classiche, spaziando un po’ in tutti i campi, dalla teoria dell’allenamento all’alimentazione, al riscaldamento, alla distribuzione delle energie in gara. Vediamo di entrare nei particolari che legano corsa e […]

Come e perché allenare i glutei per il triathlon

28 Febbraio, 2022

Nel triathlon ci vuole… gluteo (specie nella bici e nella corsa) Allenare i glutei per il triathlon è fondamentale. Questo gruppo muscolare, composto da un insieme di tre muscoli (il piccolo, il medio e il grande gluteo) riveste un ruolo importante per la prestazione. In particolare nella bici e nella corsa.

Tendinopatia achillea: quando e come tornare in attività

19 Gennaio, 2022

(Vincenzo Ferrara) La tendinopatia achillea è una lesione da sovraccarico della struttura omonima, comune negli atleti che praticano sport di corsa e salto. Nel triathlon il 72% degli infortuni avviene durante la frazione run. Si stima che siano proprio le enormi sollecitazioni derivanti dai volumi di lavoro a piedi a causare diversi tipi di danno […]