La forza del gruppo

La forza del gruppo

02 Gennaio, 2021

Sul numero di gennaio-febbraio, Davide Rossetti evidenzia l’utilità dell’allenamento in team, ma anche la necessità di un allenatore in grado di garantirne gli equilibri.

Riduzione dello stress, maggiore e vicendevole motivazione, miglioramento delle relazioni: i vantaggi dell’allenarsi in squadra sono indiscutibili. Anche nella preparazione degli sport individuali. Ce ne parla Davide Rossetti nel suo articolo sul numero di gennaio-febbraio.

Modelli di squadra

Da Iden a Stornes, passando per Blummenfelt: Rossetti scrive del modello norvegese di allenamento di gruppo, sul quale molto ha puntato anche Joel Filliol. A parità di consumo energetico, chi si allena con gli altri ha un calo complessivo dei livelli di stress. La performance ringrazia, anche grazie all’innesco continuo di nuova competitività.

Il ruolo dell’allenatore

Rossetti approfondisce l’argomento portando dati di studi scientifici, ma avverte: “Non bisogna, però, mai sottovalutare il ruolo dell’allenatore, che deve essere in grado di organizzare e gestire gruppi equilibrati”. Le persone, pur di pari livello, vanno altresì inserite in base al rispettivo periodo di carico. Ci sono, tuttavia, dei tipi di allenamento che possono essere proposti a gruppi di atleti eterogenei, per i quali vi rimandiamo a Triathlete di gennaio-febbraio. Ma degli allenamenti di gruppo possono beneficiare anche gli atleti amatori e i neofiti? Rossetti motiva la sua risposta – affermativa – partendo dall’analisi di 4 concetti chiave: apprendimento, tecnica, spirito di squadra e varietà di allenamenti.

Rossetti conclude il suo articolo con una digressione sull’indole dell’uomo, che si è dimostrata “comunitaria” fin dalla preistoria. Ricorda, inoltre, che il modello stesso di branco si rivela vincente in molte occasioni per le specie animali che lo adottano.

Foto: Itu.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “La forza del gruppo”, di Davide Rossetti, pubblicato su Triathlete n. 267, gennaio-febbraio 2021 (in edicola a inizio gennaio), alle pagine 52-53.

Scopri di più sul numero di gennaio-febbraio 2021: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Articoli correlati

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]

Allenare la forza: ecco perché è importante

29 Aprile, 2022

(David Morelli) Allenare la forza: la concezione di allenamento della forza è profondamente mutata rispetto agli anni in cui si pensava che un allenamento invernale potesse “coprire” tutta una stagione sportiva. È un po’ come pensare di prendere una sola aspirina e goderne dei benefici per una settimana. Gli adattamenti non possono perdurare per un […]

Ciclismo, l’allenamento in salita

27 Aprile, 2022

La salita è un mezzo di allenamento e, come tale, può essere usata nel corso della programmazione lungo tutta la stagione. Riteniamo però importante contestualizzarla a seconda del ciclo di sedute in cui ci si trova e fare in modo che il suo impiego sia coerente con quanto si vuole ottenere. Nell’immaginario collettivo del ciclismo […]

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]