Da 0 a… 100 km in bici

Da 0 a… 100 km in bici

31 Gennaio, 2022

(Alberto Duilio Schivardi) La famigerata distanza dei 100 km in bici tanto affascina quanto spaventa. Si, perché è il numero tondo che inizia ad avere 3 cifre e quindi è sinonimo di fatica, sudore e tempo dedicato. Un po’ come le Colonne d’Ercole… fino agli 80 km tutto è fattibile, conosciuto, ma poi?

100 km in bici: arrivarci per gradi

Ma poi è una figata. Devi solo rispettare qualche accorgimento, arrivarci per gradi e fare un allenamento di distanza a 3 cifre non è cosi impossibile come pensi, anzi. La prima cosa da ricordare è la gradualità di carico.

Come vi ho sempre detto, l’ideale è che dopo 2-3 settimane di aumento volume/intensità di circa il
10%-15% a settimana, si debba ridurre per una settimana il volume e l’intensità del 20-30% per permettere una rigenerazione corporea e poter ritornare a caricare.

Esempi concreti

Pianeggiante
Allenamento di distanza 1 volta a settimana.
Settimana 160 km (carico)
Settimana 270 km (carico)
Settimana 380 km (carico)
Settimana 465 km (scarico)
Settimana 580 km (carico)
Settimana 690km (carico)
Settimana 7100 km (carico)
Settimana 880 km (scarico)

Come vedi, se eri pronto a fare uscite sui 60-80 km adatte a preparare sprint e olimpici, con qualche settimana di carico progressivo, arrivi tranquillamente a coprire la distanza di 100 km in bici.

Le prime volte che allunghi la distanza, ti sconsiglio di aggiungere anche dislivello. Avvicinati alla distanza coprendo un percorso pianeggiante o mosso con qualche saliscendi. Dopo la settimana n.
8, puoi pensare di ripetere i 100 km in bici inserendo dislivello con la stessa progressività usata finora. Facciamo degli esempi concreti.

Con dislivello
Allenamento di distanza 1 volta a settimana.
Settimana 9100 km
con 500 m d+ (carico)
Settimana 10110 km
con 750 m d+ (carico)
Settimana 1120 km
con 1.000 m d+ (carico)
Settimana 1280 km senza dislivello
(scarico)

Ok, quindi abbiamo visto la progressività di carico per 12 settimane sia come distanza sia come dislivello.

Ogni singola uscita

Ora vediamo come gestirla. Premetto che non sono un nutrizionista e quanto scriverò è frutto della mia esperienza personale grazie alla collaborazione con professionisti nel campo alimentare.

  • Colazione ideale con un carico di carboidrati e una minima dose di grassi e proteine.
  • Dopo la partenza, che avviene generalmente dopo 1 ora dalla colazione: ogni 20-25’ consiglio di bere acqua o acqua e sali minerali nella stagione calda;
  • Ogni 40-45’ consiglio uno spuntino con barretta energetica o frutta disidratata o gel;
  • Quando necessario, sosta per le esigenze fisiologiche.

100 km in bici: altri 7 accorgimenti

  1. In discesa ricordate di coprirvi con K-way o smanicato che toglierete alla fine del segmento.
  2. Non scordate il kit di riparazione in caso di foratura. Quando possibile, se conoscete i luoghi dove vi trovate, mettete acqua fresca delle fontanelle nella borraccia.
  3. Portate con voi qualche euro per qualsiasi necessità.
  4. Portate con voi il telefono ma indossate un auricolare solo (nell’orecchio destro rigorosamente, per lasciare il sinistro libero, lato da cui arrivano auto da dietro) che in caso di necessità vi permetterà di rispondere senza distogliere l’attenzione dalla strada.
  5. Non dimenticate una coppia di guanti monouso, piccola bottiglietta di disinfettante mani e mascherina che, in caso di fermata e incontro con altri, vi proteggerà.
  6. Se siete con altri, datevi cambi regolari in testa al gruppo per dividere la fatica e recuperare stando, per tratti, coperti da altri.

  7. Per il resto godetevi il viaggio, l’esperienza e la magia della libertà pedalando 100 km e oltre.

Articoli correlati

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]

Allenare la forza: ecco perché è importante

29 Aprile, 2022

(David Morelli) Allenare la forza: la concezione di allenamento della forza è profondamente mutata rispetto agli anni in cui si pensava che un allenamento invernale potesse “coprire” tutta una stagione sportiva. È un po’ come pensare di prendere una sola aspirina e goderne dei benefici per una settimana. Gli adattamenti non possono perdurare per un […]

Ciclismo, l’allenamento in salita

27 Aprile, 2022

La salita è un mezzo di allenamento e, come tale, può essere usata nel corso della programmazione lungo tutta la stagione. Riteniamo però importante contestualizzarla a seconda del ciclo di sedute in cui ci si trova e fare in modo che il suo impiego sia coerente con quanto si vuole ottenere. Nell’immaginario collettivo del ciclismo […]

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]