Il paradiso… non può attendere: Boa Vista Ultra Trail al via il 2 dicembre

Il paradiso… non può attendere: Boa Vista Ultra Trail al via il 2 dicembre

21 Ottobre, 2017

Il paradiso… non può attendere: al via il 2 dicembre la Boa Vista Ultra Trail 2017, l’Ultra Marathon tra deserto, oceano, spiagge e villaggi di pescatori

Un Trail Running per scoprire le bellezze di un piccolo paradiso tropicale: suddivisa in tre percorsi – 150, 70 e 42 chilometri – la #BoaVistaUltraTrail, ultramaratona dell’omonima isola di Capo Verde, spicca non solo per la particolarità del tracciato, ma anche per la varietà e lo splendore dei paesaggi. Dal deserto all’oceano, dalle lunghe spiagge a pittoreschi villaggi, correre la #BoaVistaUT significa prendersi una settimana di vacanza dalla frenesia della vita di città. Per chi prenderà il via alla gara sono previsti, infatti, pacchetti che includono iscrizione, volo, B&B, appartamento o camera doppia/tripla. L’ultramaratona di Boa Vista non è solo corsa in autosufficienza, ma è anche piacevole scoperta di un luogo unico e sensazionale a sud dell’Equatore, appartenente all’arcipelago di Capo Verde, a circa 500 chilometri dalle coste del Senegal. Il prossimo 2 dicembre, la capitale, Sal Rei, si popolerà di ultramaratoneti in attesa di prendere parte al #BVUT2017 organizzato dal Boa Vista Marathon Club insieme a Friesian Team e che da quest’anno torna a essere prova di qualifica per la UTMB – l’ultramaratona del Monte Bianco. 

Boa Vista UT 2016 2

Lungo i percorsi che attraversano l’isola, i runner dovranno gestire le proprie energie in autosufficienza e si confronteranno su terreni difficili, dalla sabbia allo sterrato e alla ghiaia, di fronte ad ambienti unici, come il deserto di Viana, la costa di Buona Speranza con il relitto della nave Santa Maria, arenatasi sulla spiaggia nel 1963, o, ancora, il villaggio di Espingueira, un tempo sede di una vivace comunità di pescatori. Tre i tracciati previsti: la Ultra Marathon di 150 chilometri (che assegna 5 punti per la qualifica all’UTMB), la Salt Marathon di 70 (che ne assegna 2) e la Eco Marathon sui tradizionali 42,195 chilometri.
Per informazioni: www.boavistaultratrail.com.

Articoli correlati

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]

Corsa e triathlon: 8 cose che devi sapere

22 Marzo, 2022

Sfatiamo i luoghi comuni legati a corsa e triathlon. Nello sport, come nella vita, si hanno convinzioni che, a volte, si rivelano errate. Abbiamo scelto otto situazioni classiche, spaziando un po’ in tutti i campi, dalla teoria dell’allenamento all’alimentazione, al riscaldamento, alla distribuzione delle energie in gara. Vediamo di entrare nei particolari che legano corsa e […]

Come e perché allenare i glutei per il triathlon

28 Febbraio, 2022

Nel triathlon ci vuole… gluteo (specie nella bici e nella corsa) Allenare i glutei per il triathlon è fondamentale. Questo gruppo muscolare, composto da un insieme di tre muscoli (il piccolo, il medio e il grande gluteo) riveste un ruolo importante per la prestazione. In particolare nella bici e nella corsa.

Tendinopatia achillea: quando e come tornare in attività

19 Gennaio, 2022

(Vincenzo Ferrara) La tendinopatia achillea è una lesione da sovraccarico della struttura omonima, comune negli atleti che praticano sport di corsa e salto. Nel triathlon il 72% degli infortuni avviene durante la frazione run. Si stima che siano proprio le enormi sollecitazioni derivanti dai volumi di lavoro a piedi a causare diversi tipi di danno […]