Doppiamente stratosferica: i due strati della giacca DYNAFIT Shakedry

Doppiamente stratosferica: i due strati della giacca DYNAFIT Shakedry

06 Maggio, 2017

Con DYNAFIT e la sua nuova giacca in GORE-TEX Shakedry la corsa in montagna non è mai stata così divertente, perfino sotto la pioggia! 
Grazie al doppio strato nel nuovo GORE-TEX ACTIVE SHELL puoi praticare il tuo sport con ogni condizione meteo. Fiore all’occhiello della collezione Alpine Running per l’estate 2017, la giacca Ultra Light Gore-Tex Shakedry è stata pensata da DYNAFIT, azienda leader nel mondo degli sport alpini, per supportarci in ogni condizione climatica. Realizzata con il nuovo GTX Active Shell sviluppato da Gore, un laminato composto da due soli strati, consta di una membrana impermeabile che funge da materiale esterno come una leggera pellicola – la Permanent Beading Surface – e di una fodera tessuta all’interno. Il Gore-Tex® in questione è il più leggero e traspirante sul mercato. Lo strato esterno non assorbe la pioggia ma la fa scivolare via grazie a un effetto idrorepellente che dura nel tempo e, nel semplice gesto di scrollarsi via l’acqua, asciuga immediatamente. Mantenendo le caratterisiche di una giacca triplo strato, la Shakedry pesa solo 130 grammi – tra le più leggere e meno ingombranti in Gore sul mercato – e non assorbendo umidità con la sua colonna d’acqua di 23.000 millimetri non aumena di peso o in rigidità nemmeno in condizioni di forte pioggia. Sviluppato per gli sport di resistenza, questo materiale è antivento ma altamente traspirante, con un valore RET inferiore a tre. Inoltre, il sistema di ventilazione Active Airflow, caratterizzato da inserti perforati a laser sotto le braccia e sulla schiena, fa circolare l’aria durante le attività più impegnative. La DYNAFIT Ultra Light Gore-Tex© Shakedry© con cappuccio è ideale per un’ampia gamma di utilizzi, dagli sport di resistenza alle attività su lunghe distanze. Il tessuto garantisce comfort e ottima termoregolazione, lo sportivo ha così la possibilità di svolgere la propria attività con un unico capo protettivo, senza bisogno di infilarne e sfilarne altri. Dotata di zip su tutta la lunghezza e di un taschino interno, ha fondi elastici e strisce riflettenti per una visibilità anche in condizione di buio o brutto tempo. Il peso ridotto garantisce un ingombro minimo e quando il sole splende può essere ripiegata nel proprio cappuccio e conservata nella tasca dei pantaloni.

Articoli correlati

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]

Corsa e triathlon: 8 cose che devi sapere

22 Marzo, 2022

Sfatiamo i luoghi comuni legati a corsa e triathlon. Nello sport, come nella vita, si hanno convinzioni che, a volte, si rivelano errate. Abbiamo scelto otto situazioni classiche, spaziando un po’ in tutti i campi, dalla teoria dell’allenamento all’alimentazione, al riscaldamento, alla distribuzione delle energie in gara. Vediamo di entrare nei particolari che legano corsa e […]

Come e perché allenare i glutei per il triathlon

28 Febbraio, 2022

Nel triathlon ci vuole… gluteo (specie nella bici e nella corsa) Allenare i glutei per il triathlon è fondamentale. Questo gruppo muscolare, composto da un insieme di tre muscoli (il piccolo, il medio e il grande gluteo) riveste un ruolo importante per la prestazione. In particolare nella bici e nella corsa.

Tendinopatia achillea: quando e come tornare in attività

19 Gennaio, 2022

(Vincenzo Ferrara) La tendinopatia achillea è una lesione da sovraccarico della struttura omonima, comune negli atleti che praticano sport di corsa e salto. Nel triathlon il 72% degli infortuni avviene durante la frazione run. Si stima che siano proprio le enormi sollecitazioni derivanti dai volumi di lavoro a piedi a causare diversi tipi di danno […]