Triathlon Barzanò tra oro, cioccolato e sorprese: Schanung e Secchiero contenti come una Pasqua

Triathlon Barzanò tra oro, cioccolato e sorprese: Schanung e Secchiero contenti come una Pasqua

26 Marzo, 2017

4° Sprint di Barzanò e Monticello: oro, cioccolato e sorprese con Lisa Schanung e Andrea Secchiero sui podi d’esordio della stagione di triathlon.

4° DF SPORT SPECIALIST- Triathlon Sprint di Barzanò, in provincia di Lecco, gara rank con nuoto in piscina ad aprire ufficialmente la stagione della triplice. 
30 vasche di nuoto nella piscina coperta da 25 metri a pochi passi dal grazioso centro storico della ridente cittadina nel cuore della Brianza, molto attiva in ambito sportivo. 250 i partenti, suddivisi in batterie in base al punteggio rank, che poi proseguono con la frazione ciclistica da 20 chilometri su tre giri di un anello lungo le verdi periferie dei Comuni di Barzanò e Monticello: continui i saliscendi brianzoli a rendere il tracciato divertente e spettacolare, ma altrettanto impegnativo. Fondo misto asfalto e sterrato con incalzanti variazioni altimetriche per la frazione run su di un unico giro vallonato da 5 chilometri, compresa la terribile “collina dell’amore”, 400 metri di aspra ascesa iniziale da affrontare, come suggerivano gli organizzatori, “non solo con le gambe, ma con tutto l’amore per il triathlon!”. E a metterci gran cuore e ancor più fiato c’è tutta la rosa femminile della DDS, che domina fin dalle prime bracciate con Silvia Visaggi, fuori dall’acqua con 25 metri di vantaggio rispetto a Schanung, Zane e Iogna Prat, che poi si ritrovano in bici; scappano via in due ma nella corsa è Lisa Schanung, desiderosa di tornare a vincere dopo tanto tempo, che allunga e va a tagliare il traguardo in 01:11:39 davanti a Ilaria Zane (01:12:10) e a Luisa Iogna Prat (01:12:14), rispettivamente argento e bronzo. E con Silvia Visaggi, quarta a un solo secondo dalla Iogna Prat, la DDS domina la classifica rosa a suon di poker d’assi. Ma veniamo alla gara maschile con un gruppo di cinque atleti a condurre la frazione di nuoto: Secchiero, Corrà, Zucca, Bonacina e Riva al comando anche lungo l’impegnativo percorso bike tra strappi e saliscendi, ma senza che nessuno ancora si pronunci. Con un minuto di vantaggio sul secondo gruppo partono in corsa e a condurre le danze subito davanti la coppia Secchiero-Corrà che gestisce “d’amore e d’accordo” fino alla volata finale, che a Corrà costerà una squalifica. Oro, quindi, per Andrea Secchiero (01:04:31), con Michele Bonacina a quasi un minuto (01:05:23) e Daniele Zucca a seguire, bronzo in 01:06:13.

RISULTATI

Articoli correlati

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli

Triathlon, programmare la nuova stagione agonistica

22 Novembre, 2022

Quando si decide di programmare la nuova stagione agonistica è inevitabile effettuare una attenta analisi di quella passata Rendersi conto su quali punti deboli si debba “lavorare” per cercare di colmarli è uno degli aspetti più importanti per risultare vincente la prossima fase agonistica. Chi nuota piano o male e decide di “spendere” la maggior […]

Endurance e valutazione funzionale

18 Novembre, 2022

La valutazione funzionale è un mezzo per raggiungere la nostra migliore performance Il tema della valutazione funzionale è sempre argomento piuttosto ostico, forse anche a causa delle memorie scolastiche di ognuno di noi. In effetti, essere valutati rappresenta sempre un momento di stress, poiché non si può barare, non ci si può sottrarre a una […]