Challenge Roma: a Boraschi e Santini lo sprint, a Romeo e Plebani il Paratriathlon

Challenge Roma: a Boraschi e Santini lo sprint, a Romeo e Plebani il Paratriathlon

16 Aprile, 2018

Challenge Roma, la prova di triathlon sprint va a Diego Luca Boraschi e Michela Santini. Maurizio Romeo con la guida Ennio Salerno vincono il Paratriathlon assieme a Veronica Plebani

Il weekend del Challenge Roma, gara internazionale del circuito Challenge Family con 500 triatleti al via, ha scaldato i motori sulla distanza sprint, anche seconda tappa del campionato italiano Paratriathlon. Organizzata dal Forhans Team e dall’agenzia Hdrà con il patrocinio di Roma Capitale, Regione Lazio, X Municipio, Federazione Italiana Triathlon, Comitato Regionale Lazio Fitri e Comitato Italiano Paralimpico, la manifestazione si è svolta nello splendido scenario del Porto Turistico di Roma, nelle cui acque i triatleti si sono immersi per la frazione di nuoto. A seguire il cambio per la frazione di ciclismo e di running nell’area del Porto. 

Gara maschile Dominio sul podio della società B4S-TTT grazie alla vittoria di Diego Luca Boraschi (54:36), premiato con il bronzo lo scorso anno. Dietro di lui il compagno di squadra Giulio Pugliese (55:04) e terzo posto per lo Youth B Francesco Gazzina (56:04) di A.S. Minerva Roma. Diego Luca Boraschi: “In bici non avevo abbastanza gambe, quindi ho dato tutto nella corsa. Per la stagione che mi aspetta darò il mio meglio in Italia sperando di fare qualche esperienza anche in Europa”.

30704595 1694870947267664 7035866702474641408 n

Gara femminile Tra le donne è protagonista Michela Santini (1:01:49) di Woman Triathlon Italia, partecipante in staffetta anche al Challenge Roma, in compagnia di Alessandra Sensini e Martina Dogana. Argento e bronzo rispettivamente alle Youth B Virginia Cicchetti (1:02:03) ed Elisa Terrinoni (1:03:20), entrambe di A.S. Minerva Roma. Michela Santini: “E’ stata una bella gara, il mio risultato migliore. La frazione debole per me è il nuoto, quindi ho cercato di recuperare tutto nella bici”. Ha tagliato il traguardo in 1:24:06 Justine Mattera che, alla sua seconda esperienza nel triathlon, migliora il personale di oltre venti minuti: “Nel nuoto sono riuscita a restare calma e respirare nonostante il freddo; nella bici ho sofferto e nella corsa all’inizio avevo i polpacci doloranti, poi mi sono ripresa. Sono felice”.

30739945 1694877030600389 6646896124638527488 n

Gara Paratriathlon Il primo a tagliare il traguardo è stato Maurizio Romeo in 26:57, davanti a Manuel Marson (28:21) e Giovanni Achenza (28:49). Romeo e Achenza hanno inoltre vinto le rispettive categorie.

30713999 1694893447265414 7229802201219072000 n

Tra le donne vittoria di Veronica Plebani in 37:50.

30728144 1694890287265730 2980466725125881856 n

Gara in staffetta Vittoria per il team di Paola Tattoli (1:10:51). A seguire quello di Fulvio Forgione (1:10:53) e di Maria Pia De Santis dell’ASD Team Panda (1:14:36).
Qui tutti i RISULTATI.

Photo Credit: Manolo Greco / Tetris Production / Weddingphoto24.

Articoli correlati

Nuoto: la settimana prima della gara

22 Giugno, 2022

Con un corretto avvicinamento all’evento si può ottenere un grande risultato: ecco cosa fare nella settimana prima della gara Nella settimana prima della gara alcuni particolari devono essere monitorati in modo assolutamente preciso. L’alimentazione riveste un ruolo fondamentale nelle prove di media-lunga durata. Inoltre, la scelta appropriata degli allenamenti da svolgere in piscina e il […]

Come valutare lo stato di forma

09 Giugno, 2022

Prima di una gara è possibile – e consigliabile – valutare lo stato di forma. Impariamo come Ogni atleta desidera avere il giusto stato di forma fisica e mentale quando è sulla linea di partenza di una gara. La consapevolezza di essersi allenati al punto giusto e di essere pronti per affrontare la gara fornisce […]

Ciclismo, l’allenamento in salita

27 Aprile, 2022

La salita è un mezzo di allenamento e, come tale, può essere usata nel corso della programmazione lungo tutta la stagione. Riteniamo però importante contestualizzarla a seconda del ciclo di sedute in cui ci si trova e fare in modo che il suo impiego sia coerente con quanto si vuole ottenere. Nell’immaginario collettivo del ciclismo […]