Risultati
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Challenge Riccione 2018, trionfo per Giulio Molinari e l'olandese Yvonne Van Vlerken

Giulio Molinari strappa una splendida vittoria al Challenge Riccione 2018, organizzato dalla Triathlon Duathlon Rimini Asd; sul podio, insieme al Carabiniere, anche l’austriaco Thomas Steger e il tedesco Frederic Funk. Una gara da vivere chilometro dopo chilometro quella di questa prima edizione a Riccione Terme, con mille atleti al via sul nuovo tracciato.

Gara maschile Alle 10.00 lo start della batteria elite maschile dalla spiaggia sancisce l'inizio della giornata più attesa del weekend di triathlon riccionese. All’uscita dall’acqua (frazione swim da 1900 metri) è Molinari del C.S. Carabinieri il più veloce a entrare in zona cambio. Le fasi di transizione favoriscono Verdejo Inaki Baldellou, primo a uscire dalla T1, seguito da Mattia Ceccarelli e Giulio Molinari. Già nei primi chilometri Molinari e Ceccarelli dettano il ritmo del gruppo sui pedali, distanziando tutti. I due restano appaiati fino al Monte Cerignone ed è proprio Giulio Molinari a rompere gli indugi nella fase di discesa. Al rientro in T2 il suo vantaggio è davvero eccezionale, con circa 6 minuti sul gruppetto di inseguitori guidato da Jaroslav Kovacic, con Christian Birngruber, Thomas Steger e Mattia Ceccarelli. Nei 21 chilometri dell’ultima frazione run Molinari gestisce bene il proprio vantaggio. L’arrivo è trionfale: chiude in 4h00’58’’, contenendo il rientro dell'austriaco Thomas Steger (4h01'50''), capace di una frazione a piedi eccezionale. A completare il podio è il tedesco Frederic Funk del Triathlon Grassau (4h04'31''), autentica sorpresa di giornata. Qui tutti i RISULTATI.

unnamed

Gara femminile Nella prova in rosa l'olandese residente in Austria Yvonne Van Vlerken, dell'RV DJ's Bikeshop, vince facendo la differenza nell'ultima frazione di gara. L'atleta di grande esperienza e curriculum si impone con il tempo di 4h37’18’’. La fase iniziale porta il nome della giovane promessa di casa, Sharon Spimi, capace di una performance eccezionale nel nuoto. Dopo una frazione swim da incorniciare, la Spimi entra in T1 precedendo Margie Santimaria e la svizzera Celine Schaerer. I 90 chilometri di bike nell’entroterra emiliano sono spettacolari, con solo qualche goccia di pioggia a disturbare le atlete. A Coriano Spimi e Santimaria sono appaiate, ma qualche chilometro dopo la giovane del TD Rimini è vittima di una caduta. Non si dà per vinta e torna in sella alla bici, ma perde la testa della gara. Santimaria resta davanti fino al rientro in T2, ma dietro di lei si avvicina Yvonne Van Vlerken. L’olandese riesce a interpretare al meglio l'ultima frazione e con una progressione decisa e schiacciante riassorbe il gap che la separa dalla testa della corsa. L’italiana prova a tenere il ritmo della Van Vlerken, ma l'avversaria ha tutto un altro passo. Sul traguardo è proprio l'olandese a chiudere in 4h37’18’’, obbligando alla seconda piazza Margie Santimaria del PPRTeam (4h41'30''). Il podio è completato dall'altra austriaca, Bianca Steurer dello Skinfit Racing Team (4h42'44''). Qui tutti i RISULTATI.

Gara in staffetta Tra i team, sul podio il Grip Dimension (4h15'20''), seguito dal Living Sport (4h21'30'') e dal Black Bart Elite (4h24'36''). Qui tutti i RISULTATI