I cibi allenanti – Tre alimenti per migliorare la prestazione sportiva

I cibi allenanti – Tre alimenti per migliorare la prestazione sportiva

28 Marzo, 2017

Per decenni la nutrizione sportiva è stata considerata unicamente uno strumento per garantire energia all’atleta e, in tempi più recenti, favorire il recupero sia energetico sia muscolare. Ma non è tutto. Sempre più studi scientifici, infatti, stanno dimostrando che alcuni cibi possono essere allenanti. Ecco l’articolo di Elena Casiraghi tutto da leggere.

Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

 

Articoli correlati

Gelato, il dolce alleato del triatleta

06 Luglio, 2022

Ormai il gelato, per fortuna dei golosi, non è più un prodotto stagionale. Nell’ultimo decennio, infatti, sono cresciute le  gelaterie e i bar che distribuiscono questo prodotto entrato ormai nei nostri costumi alimentari. Se di sorbetto si parla  nell’antica Persia, in Cina e nella Roma dei Cesari, il gelato artigianale sembra essere nato a Firenze […]

Allenamento a digiuno

23 Febbraio, 2022

Come e quando ottenere benefici nella prestazione di endurance Allenarsi a digiuno alle prime ore del mattino, a volte, è l’unica opzione. Altre volte, invece, è una scelta studiata che nulla lascia al caso. Già, perché l’allenamento a digiuno, ovvero in situazione di scarsa disponibilità di glicogeno (sia epatico sia muscolare), può offrire significativi guadagni nella […]

ALASKA SEAFOOD, nutrimento e benessere per gli sportivi

12 Gennaio, 2022

Un’alimentazione corretta, con vegetali (cereali, frutta, verdure, legumi, frutta secca e semi), pesce, frutti di mare, grassi salubri e un consumo limitato di carni rosse è alla base di un corpo sano e in salute. Una strategia e un consumo mirato di alcuni alimenti diventa ancora più importante per chi ha uno stile di vita […]

Più efficace e (anche) più veloce

08 Maggio, 2021

In tanti commettono l’errore di concentrarsi sul solo allenamento senza dedicare tempo al recupero, accusando affaticamento e problemi. In aiuto degli atleti corre la “medicina” del terzo millennio: basta mezz’ora per essere come nuovi