Un mare di stelle al Galà del Triathlon

Un mare di stelle al Galà del Triathlon

27 Gennaio, 2017

Campioni e personaggi sul palco del Palazzo Lombardia

Campioni e personaggi, con la “P” maiuscola. Si alzi il sipario sul Galà del Triathlon: ospite d’onore, il canoista azzurro Antonio Rossi, che di Palazzo Lombardia, in realtà, è proprio il padrone di casa. Da Campione Olimpico e Mondiale nel kayak ad Assessore allo Sport e Politiche per i Giovani della Regione Lombardia, Rossi oggi calcherà il palco del Galà del Triathlon insieme ad altri illustrissimi chiamati a rendere sempre più imperdibile questo appuntamento annuale. Oltre a Rossi, il “Falco” Paolo Savoldelli, specialista della due ruote, vincitore del Giro d’Italia nel 2002 e 2005, e ora volto di Bike Channel, assieme a Triathlete, media partner della serata. E poi Linus, direttore artistico di Radio Deejay, con la sua passione per la corsa, il ciclismo e anche il triathlon: a lui il compito di annunciare agli ospiti del Galà la nuova due giorni milanese Deejay Tri del 20 e 21 maggio, “Tri like a Deejay!”. Con noi il Coach Fabio Vedana, a lanciare una nuova sfida; Simone Baldini, a celebrare la propria finishline da paratriathleta al Challenge Roth; Gian Marco Tironi, Campione del Mondo di categoria a Kona; Laura Patti, giudice a Rio 2016; i “Rolling Dreamers” Matteo Venzi e Andrea Gelli; Dante Armanini, patron di Bardolinoland. 
Per un tocco d’internazionalità, olè, ecco Ruben Ruzafa, tre volte Campione del Mondo XTERRA a Maui e tre volte iridato ITU Cross Triathlon. Ma saluti speciali anche oltre oceano, da Gwen Jorgensen, oro alle Olimpiadi di Rio. E dopo le emozioni brasiliane, sarà nuovamente empatia con Michele Ferrarin, Giovanni Achenza e Gianni Sasso, a raccontarci le loro Paralimpiadi.
Esilarante l’intervento di Richard Romagnoli, Ambasciatore di Laughter Yoga nel mondo (lo Yoga della risata); ammaliante quello del ballerino Alessio Cattaneo, con una coreografia basata sulla sua storia di triathleta. E poi Davide Paniate e Alessandro Betti, che ci porteranno da Zelig due loro amici, Sdrumo e Gunther il biatleta!
Un percorso di emozioni, che culminerà nella consegna degli “Oscar”. Del resto, ogni nuova stagione di triathlon è meglio di un film.
Complimenti a tutti i protagonisti!

Nella foto, Ruben Ruzafa

Articoli correlati

Che tipo di nuotatore sei? Fenotipi acquatici

15 Luglio, 2022

Il ciclista può essere un velocista, un passita, uno scalatore, ma come si possono inquadrare i nuotatori? Ci sono i mezzofondisti e i velocisti e quelli delle acque libere, ognuno coi loro stili ma, quando li vediamo a bordo vasca, sembrano tutti uguali. Ecco una lista di fenotipi acquatici. E tu, che nuotatore sei? La […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]