Triathlon Olimpico Open di Segrate: Patanè e Monacchini si aggiudicano una prima edizione da record

Triathlon Olimpico Open di Segrate: Patanè e Monacchini si aggiudicano una prima edizione da record

29 Giugno, 2015

Con la gara di rank su distanza olimpica si conclude con successo il weekend di triathlon a Segrate

La festa era iniziata alla grande sabato 27 con la prestigiosa seconda tappa del Grand Prix Triathlon su distanza sprint, riservata ai migliori atleti del ranking italiano e straniero; lo show è continuato domenica 28 con l’attesa prova open di rank su distanza olimpica.

Il Centro Parco di Segrate è stato il centro nevralgico delle fasi più salienti della gara, con una grande affluenza di pubblico lungo tutto il tracciato.

A dare il via alle competizioni sono state le donne con Nicole Olivari (Triathlon Bergamo), Sabrina Capellupo (CUS Torino), Elisa Monacchini (VIS Cortona) ed Elena Casiraghi (DDS) a raccogliere tutti i favori del pronostico.

Il nuoto conferma le attese con la Capellupo capace di staccare di un minuto Nicole Olivari sua diretta inseguitrice. A 1’43” segue Elisa Monacchini in terza posizione.
Per la Capellupo i 40 km di ciclismo sono una fatica da affrontare in completa solitaria, ma le inseguitrici in tre non riescono a limare il distacco e si portano in T2 con 2’15” di ritardo. Una foratura all’inizio dell’ultimo giro di ciclismo ferma Nicole Olivari, la più quotata per il gradino più alto del podio e ad entrare in T2 dopo la battistrada appaiate sono la Casiraghi e la Monacchini. 
I dieci kilometri di corsa riservano qualche sorpresa con Elisa Monacchini capace di una rimonta decisa, che le consente di recuperare oltre due minuti sulla Capellupo. Nonostante un colpo di calore che la porta barcollante sul rettilineo d’arrivo, la Capellupo riesce a difendere la seconda piazza e completa il podio la portacolori di DDS triathlon team Elena Casiraghi.

Nella prova maschile i pretendenti al podio sono molti di più, con un livello tecnico molto alto tra i pettorali migliori. La frazione di nuoto vede infatti compatto un gruppetto di otto atleti guidati da Valerio Patanè (CUS Pro Patria Milano).
Con Patanè escono dalla T1 Ferlazzo, Pieri, Arienti, Bargellini, Villanova e Marciano e la gara da qui in avanti la faranno loro.
Il ciclismo è una questione privata tra questi atleti che riescono a tenere ritmi molto alti e impediscono agli inseguitori di rientrare. Il primo a rientrare in T2 è sempre Patanè che strappa fin dai primi passi di corsa e uccide le velleità degli avversari.
Il solo che prova a resistergli è Alessandro Terranova (Firenze Triathlon), che non demorde e tenta una lenta progressione nei 10km finali di corsa. 34’47” è il cono parziale finale sui 10km di corsa, che vale a Patanè un oro meritatissimo. Terranova è argento a pochi secondi dal vincitore, mentre il terzo gradino del podio è occupato da Enrico Ferlazzo (PPRTeam).

Ancora un grande successo quindi per l’organizzazione Eco Race Events, con circa 300 atleti al traguardo. 

Grandi protagonisti sono stati anche i numerosi age group che hanno affollato e colorato il Centro Parco e le strade di Segrate; in particolare uno dei club più rappresentati, con 40 atleti al traguardo, è il Road Runners Club Milano, storico club meneghino nato nel 1971 per iniziativa di un gruppo di appassionati di corsa, che negli anni si è aperto anche alla multidiscipina con una sezione dedicata, e che ha scelto proprio la gara di Segrate per l’appuntamento annuale con il campionato sociale su distanza olimpica.

RISULTATI 

 

 

Articoli correlati

Triathlon, programmare la nuova stagione agonistica

22 Novembre, 2022

Quando si decide di programmare la nuova stagione agonistica è inevitabile effettuare una attenta analisi di quella passata Rendersi conto su quali punti deboli si debba “lavorare” per cercare di colmarli è uno degli aspetti più importanti per risultare vincente la prossima fase agonistica. Chi nuota piano o male e decide di “spendere” la maggior […]

Endurance e valutazione funzionale

18 Novembre, 2022

La valutazione funzionale è un mezzo per raggiungere la nostra migliore performance Il tema della valutazione funzionale è sempre argomento piuttosto ostico, forse anche a causa delle memorie scolastiche di ognuno di noi. In effetti, essere valutati rappresenta sempre un momento di stress, poiché non si può barare, non ci si può sottrarre a una […]

Che tipo di nuotatore sei? Fenotipi acquatici

15 Luglio, 2022

Il ciclista può essere un velocista, un passita, uno scalatore, ma come si possono inquadrare i nuotatori? Ci sono i mezzofondisti e i velocisti e quelli delle acque libere, ognuno coi loro stili ma, quando li vediamo a bordo vasca, sembrano tutti uguali. Ecco una lista di fenotipi acquatici. E tu, che nuotatore sei? La […]