Triathlon Olimpico di Iseo: De Ponti e Santimaria su tutti, rientra alla grande Daniel Fontana

Triathlon Olimpico di Iseo: De Ponti e Santimaria su tutti, rientra alla grande Daniel Fontana

19 Luglio, 2015

Il Triathlon Olimpico di Iseo (BS), organizzato da EcoRace Events aveva promesso grandi emozioni e ancora una volta non si è tirato indietro.

Ad accogliere 700 atleti ci si è messa tutta la città di Iseo che nonostante una giornata resa difficilissima da temperature estremamente elevate, si è riversata lungo tutto il percorso di gara ed ha sostenuto metro dopo metro le prestazioni degli atleti in gara.
1,5 km di nuoto, 42 km bici e 7 km corsa, sono state le distanze sufficienti a fare emozionare e a rendere questa gara, ancora una volta, una tra le più belle del calendario nazionale.
La frazione podistica è stata accorciata di uno dei tre giri previsti a causa del grande caldo per garantire la massima incolumità agli atleti.

Sulla start line erano attesi molti atleti di grande prestigio nazionale ed internazionale. In campo maschile, Gregory Barnaby per il 707 triathlon e Massimo De Ponti per i Carabinieri erano pronti a dare battaglia al Campione Ironman della DDS Daniel Fontana, al rientro dopo un lungo stop per infortunio.
I tre favoriti non hanno mancato di essere fedeli ai pronostici e fin dalla frazione natatoria hanno dominato la gara.
Con un brusco strappo fin dalle prime bracciate, Massimo De Ponti si è portato in T1 con una decina di secondi di vantaggio sui due inseguitori. Il gruppetto si è ricompattato dopo pochi kilometri di ciclismo ed ha proceduto unito per oltre trenta km, fino a quando, imboccata la lunga discesa di rientro in T2, Gregory Barnaby ha osato un ulteriore allungo. Il portacolori del 707 Triathlon ha lasciato la bicicletta al cambio con una trentina di secondi su de Ponti e Fontana ed ha provato a giocarsi il tutto per tutto nei 7.5 km della frazione podistica. Il carabiniere è però riuscito a ingranare subito con frequenze altissime di corsa e a metà tracciato podistico è rientrato sul battistrada portandosi per primo sotto il traguardo.
Più prudente la corsa di Daniel Fontana, che al rientro dopo sei mesi di stop agonistico a causa di un infortunio al tendine d’Achille, ha preferito amministrare la terza piazza e portarsi a casa un bronzo che lo riproietta a pieno titolo tra i più forti specialisti.

Tra le donne i favori della vigilia erano tutti per Margie Santimaria, forte portacolori delle Fiamme Oro Padova e quest’anno in grande spolvero sulle lunghe distanze. La Santimaria non aveva rivali già dalla starting list e così è stato fin dalla frazione natatoria. Mettendo in campo classe innata e indubbie qualità tecniche, la portacolori delle Fiamme Oro si è portata in T1 già con diversi minuti di vantaggio sulle avversarie ed ha condotto una gara in completa solitudine, lasciando alle altre solo le briciole. Alle sue spalle buona prova di Valentina Tagliabue per l’Oxigen Triathlon e di Eleonora Peroncini per il CUS Parma.

*** Podio Maschile ***
1. Massimo de Ponti 2.01.07
2. Gregory Barnaby 2.01.50
3. Daniel Fontana 2.02.49

*** Podio Femminile ***
1. Margie Santimaria 2.22.52
2. Valentina Tagliabue 2.32.36
3. Eleonora Peroncini 2.34.37

Gregory Barnaby e Valentina Tagliabue si aggiudicano anche il titolo regionale di triathlon olimpico, assegnato oggi a Iseo in extremis dopo l’annullamento dell’olimpico di Milano.

RISULTATI

 

Articoli correlati

T100 Triathlon World Tour, arriva il nuovo circuito di gare PTO 2024

01 Febbraio, 2024

#RedefiningTriathlon (ridefinire il triathlon) è l’hashtag ufficiale del T100 Triathlon World Tour, il nuovo circuito di gare PTO 2024 che rappresenta l’evoluzione del PTO Tour per come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi. Annunciato di recente a Londra, il T100 Triathlon World Tour è una delle prima novità nate dalla partnership tra la Professional Triathletes […]

IRONMAN: 5 cose che (forse) ancora non sai!

19 Luglio, 2023

“Il triathlon? Sì, è quello sport in cui prima si nuota, poi si pedala e alla fine si corre una maratona.” Ebbene sì, per molte persone il triathlon è solo l’IRONMAN: 3,8 km di nuoto, 180 km in bici e 42,197 di corsa. Ma perché l’IRONMAN sembra avere un fascino irresistibile rispetto a distanze più […]

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Advertisement Advertisement