#ImSuperLeague and You? Fabian 12° tra i migliori al mondo alla corte di Macca

#ImSuperLeague and You? Fabian 12° tra i migliori al mondo alla corte di Macca

20 Marzo, 2017
Super League Hamilton Island, alla corte di Macca ci sono i 25 migliori al mondo: complimenti a Murray, Mola e Birtwhistle, dominatori del circuito. E ad Alessandro Fabian, 12° del gotha mondiale.

Divertente e veloce: la Super League Triathlon di Hamilton Island, in Australia, lascia il segno nel cuore di atleti e spettatori. Così, del resto, voleva il suo ideatore: per Macca, ora manager e organizzatore dopo l’insuperabile carriera agonistica, la Super League doveva essere tutta un’altra storia. Rispetto al triathlon che siamo abituati a vedere. Dopo un brillante esordio nella Triple Mix, una combinata di tre mini triathlon su distanze molto brevi e con le discipline invertite, Alessandro Fabian parte un po’ sofferente nella crono di apertura dell’Equalizer del secondo giorno, ma stringe i denti e rimonta nella prova pomeridiana di sabato dello swim-run-swim-bike-run con la voglia di giocarsi la top ten assoluta nell’Eliminator con altri tre mini triathlon a eliminazione. La vittoria nella cronometro individuale di 6 chilometri era stata di Dye con Birtwhistle e Fisher a seguire, più indietro Murray, Mola, Gomez e ancora più attardati Schoeman, Brownlee, Varga e Bozzone. Fabian, dopo il 5° posto nella classifica del primo giorno, fatica nella crono e chiude 23esimo. Propedeutica allo swim (300mt) – run (2K) – swim (300mt) – bike (6K) – run (2K) del pomeriggio, la prova a cronometro ne stabilisce l’ordine di partenza e i distacchi, pari ai gap accumulati tra gli atleti. Incoraggiante la rimonta dell’azzurro, che si dichiara entusiasta della risposta fisica e determinato a continuare a così alti regimi, mentre il leone Murray sgomita e risale fino al 1° posto, lo stesso del venerdì, accumulando preziosi punti che gli valgono la supremazia in classifica generale; sul podio dell’Equalizer anche Birthwhistle e Mola. Fabian è 15° ma 11° nella Leaderboard, dove alla fine della seconda giornata c’è appunto ancora Murray a comandare, con Mola e Varga dietro e Gomez 6°. Sarà l’Eliminator di domenica a decretare la top ten assoluta. Tre minitriathlon swim (300mt) – bike (6K) – run (2K) con una pausa di 10 minuti fra ognuno, ma attenzione: il break parte quando il vincitore della fase precedente taglia il traguardo e ciò significa che ogni atleta alle sue spalle ha sempre meno tempo per recuperare. Solo i primi 15 passano alla seconda manche, ma meglio non strafare perché, terminata quest’ultima, i primi 10 competono per la finalissima. E se nei giorni precedenti la vittoria si è giocata gestendo le forze nel finale, qui è tutto un altro paio di maniche. Nel frattempo la tempesta ha mitigato il caldo umido che ha funestato le prove precedenti, ma non sono certo più freschi i super campioni con Brownlee che addirittura si ritira per cattive condizioni di salute e l’asfalto bagnato da tenere d’occhio. Fabian esce di scena alla seconda fase, non senza aver onorato la sfida con un 12° posto assoluto da encomio. Al sudafricano ormai basterebbe anche arrivare 7° per portare a casa i 100mila dollari in palio, ma perché fermarsi qui? Lo incalzano Mola e Birtwhistle, quando quest’ultimo decide di scalare la marcia e volare primo al traguardo, anche se sarò comunque Richard Murray, bronzo di giornata, ad accaparrarsi il premio in denaro e il Leonid Boguslavsky Champions Trophy come vincitore assoluto della Super League Hamilton Island. A Mario Mola l’argento del circuito e un combattivo Jake Birtwhistle chiude il super podio.

RISULTATI

Photo credit: Delly Carr – Sports Photographer

Articoli correlati

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli

Triathlon, programmare la nuova stagione agonistica

22 Novembre, 2022

Quando si decide di programmare la nuova stagione agonistica è inevitabile effettuare una attenta analisi di quella passata Rendersi conto su quali punti deboli si debba “lavorare” per cercare di colmarli è uno degli aspetti più importanti per risultare vincente la prossima fase agonistica. Chi nuota piano o male e decide di “spendere” la maggior […]

Endurance e valutazione funzionale

18 Novembre, 2022

La valutazione funzionale è un mezzo per raggiungere la nostra migliore performance Il tema della valutazione funzionale è sempre argomento piuttosto ostico, forse anche a causa delle memorie scolastiche di ognuno di noi. In effetti, essere valutati rappresenta sempre un momento di stress, poiché non si può barare, non ci si può sottrarre a una […]