Fontana e Capellupo brindano al ritorno del grande triathlon a Milano

Fontana e Capellupo brindano al ritorno del grande triathlon a Milano

23 Aprile, 2016

Il triathlon è tornato a Milano e l’ha fatto rientrando dalla porta principale. Milano ha allargato le braccia e ha accolto oltre 500 triathleti che si sono presentati oggi pomeriggio all’Idroscalo di Milano Segrate per prendere parte a una manifestazione che è ritornata nel capoluogo lombardo a grandissima richiesta dopo qualche anno di assenza.
A ereditare lo scettro dello storico Triathlon Internazionale di Milano è stata Eco Race Event, che è stata in grado di allestire un evento di altissimo livello tecnico.

Le prime ad accendere gli animi degli spettatori sono state le donne, con 47 atlete al via e Elisa Monacchini per il Dermovitamina e Sabrina Capellupo per il CUS Torino Triathlon a fare subito il vuoto nei 1500 metri della frazione natatoria. Il duetto di testa ha fatto praticamente gara a sé, contenendo il rientro delle avversarie e portandosi in T2 con un vantaggio sufficiente a non temere il rientro del gruppetto guidato dalla portacolori del PPR Triathlon Team Claudia Bordiga. Con una lenta progressione la Capellupo è riuscita a piegare le resistenze della Monacchini ed ha tagliato il traguardo con un vantaggio di sicurezza sull’avversaria.

Tra gli uomini la prima frazione ha visto gli atleti partire in acqua già ad altissime frequenze. Nell’unico anello di 1500 metri Risti, Mozzachiodi, Incardona, Ferlazzo, Salerno e Fontana hanno fatto gara a parte. Complice un po’ di confusione in zona cambio tra i primi, si è formata una piccola fuga con Elia Mozzachiodi per il Peperoncino, Ivan Risti e Daniel Fontana per la DDS Triathlon, che hanno lanciato le bici a ritmi insostenibili per gli altri. Il vantaggio del terzetto è andato progressivamente aumentando sul gruppo di inseguitori che non sono riusciti ad assorbire il gap. Con un abile tatticismo di squadra, Risti e Fontana sono riusciti a stancare il giovane portacolori del PPR Team e si sono portati in T2 con 40” di vantaggio su Mozzachiodi. I due lunghisti si sono giocati spalla a spalla i dieci kilometri di corsa, con Daniel Fontana che è riuscito ad impostare una progressione vincente nell’ultimo dei tre giri previsti, lasciando a poco più di un minuto il compagno di team. A completare il podio un bravissimo Elia Mozzachiodi per i colori del PPR Team.

*** Podio Femminile ***
1 CAPELLUPO SABRINA CUS TORINO TRIATHLON 2:16:23
2 MONACCHINI ELISA DERMOVITAMINA B) SID 2:17:15
3 BORDIGA CLAUDIA PPRTEAM 2:20:45

*** Podio Maschile ***
1 FONTANA DANIEL DDS 1:50:52
2 RISTI IVAN DDS 1:51:59
3 MOZZACHIODI ELIA PPRTEAM 1:53:35

RISULTATI COMPLETI

 

Articoli correlati

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli

Triathlon, programmare la nuova stagione agonistica

22 Novembre, 2022

Quando si decide di programmare la nuova stagione agonistica è inevitabile effettuare una attenta analisi di quella passata Rendersi conto su quali punti deboli si debba “lavorare” per cercare di colmarli è uno degli aspetti più importanti per risultare vincente la prossima fase agonistica. Chi nuota piano o male e decide di “spendere” la maggior […]

Endurance e valutazione funzionale

18 Novembre, 2022

La valutazione funzionale è un mezzo per raggiungere la nostra migliore performance Il tema della valutazione funzionale è sempre argomento piuttosto ostico, forse anche a causa delle memorie scolastiche di ognuno di noi. In effetti, essere valutati rappresenta sempre un momento di stress, poiché non si può barare, non ci si può sottrarre a una […]