Etna ETU Winter Triathlon European Championships: oro per Andreev e Surikova, a Saravalle e Rabellino i titoli U23 e Junior

Etna ETU Winter Triathlon European Championships: oro per Andreev e Surikova, a Saravalle e Rabellino i titoli U23 e Junior

17 Febbraio, 2018

Europei Winter Triathlon sull’Etna: dominano Pavel Andreev e Yulia Surikova, con gli azzurri Alessandro Saravalle e Alberto Rabellino rispettivamente campione europeo U23 e Junior

C’era da aspettarselo: vincono i russi a Piano Vetore, in provincia di Catania, ma in questi Europei di Winter Triathlon alle pendici dell’Etna, la firma della categorie U23 e Junior è tutta italiana, con i rispettivi titoli di categoria per Saravalle e Rabellino. Sei i campionati vinti da Pavel Andreev con quello di oggi, conquistato in 01:32:19; dopo di lui sul traguardo, il ceco Marek Rauchfuss (01:32:48) e il russo Pavel Yakimov (01:33:27). Tra gli azzurri domina Daniel Antonioli, quarto al mondiale e che oggi è quinto assoluto (01:35:41) con una buona performance a piedi (la sua frazione preferita) sempre in testa, ma che perde qualche posizione in mtb (complice un percorso molto selettivo), patendo un divario non più colmabile, nonostante grandi sforzi sugli sci. Giuseppe Lamastra, meno brillante del solito sulle due ruote, viene tenuto a bada e lo sprint finale di Antonioli lo relega al sesto posto (1:35:44): rimasto indietro in corsa, Lamastra aveva tentato la rimonta in sella, commettendo, però, qualche errore in una giornata non tra le sue migliori, nonostante un’ottima frazione di skating. Dominio in rosa della zarina russa Yulia Surikova (01:53:13): campionessa mondiale in carica, ha battuto la connazionale Nadezhda Belkina, che con un tempo di 1:58:06 porta a casa il titolo europeo Under 23. Bronzo femminile per la ceca Sarka Grabmullerova (02:00:58), che sugli sci ha strappato la medaglia alla nostra Sandra Mairhofer, al suo debutto internazionale: fino a quel momento in lotta per il podio, nonostante qualche caduta e un problema alla ruota posteriore, l’italiana ha chiuso in 02:01:04. Solo settima Bianca Morvillo, che conclude in 02:12:36, complici le sfavorevoli condizioni odierne di salute. Oro tra gli Under23 per Alessandro Saravalle (01:39:08), che dà il meglio sulle ruote chiodate (la sua specialità) dopo aver patito a piedi, e gestisce sugli sci. A seguire i russi Aleksandr Vasilev (01:43:31) e Anton Matrusov (01:44:31). Podio femminile per la russa Nadezhda Belkina (01:58:06), la rumena Edith Vakaria (02:02:55) e l’austriaca Anna Swoboda (02:18:18). Titolo Junior per Alberto Rabellino (01:04:07) e la russa Polina Tarakanova (01:19:58). Il titolo para winter triathlon PTS4 va al rumeno Robert Tamirjan (01:58:22) e quello PTS5 allo spagnolo Rafael Solis Torres (02:08:49). Complimenti anche a tutti gli age-group italiani in gara: Francesco Imberti (2° 35-39 in 02:03:45), Guido Ricca e Luca Alladio (1° e 2° 45-49 rispettivamente in 01:37:11 e 01:43:09), Elena Garagnani (2^ 50-54 in 02:23:15), Gianni Sartori e Luciano Burellini, (1° e 4° 50-54 rispettivamente in 01:50:47 e 02:28:25), Riccardo Rosselli e Claudio Carbone (4° e 5° 55-59 rispettivamente in 02:14:58 e 02:31:22), Aldo Nobili (1° 60-64 in 02:05:10), Valter De Rossi (2° 65-69 in 02:23:46), Romano Simi e Giovanni Pardini (2° e 3° 70-74 rispettivamente in 02:35:14 e 03:07:17).

RISULTATI

Photo Credit: Etu/Fitri

Articoli correlati

L’importanza del grip: cosa sapere per un inverno in mtb

20 Dicembre, 2022

I copertoni mtb rappresentano una delle grandi variabili di questa tipologia di bici. Approfondiamo meglio il concetto e l’importanza del grip, ovvero quel principio che determina l’aderenza della gomma. Ce ne parla Tommaso d’Annunzio proprio in questo periodo dell’anno, durante il quale la mountain bike può risultare davvero una valida alleata Tassellatura, diametro, morbidezza della gomma, tubless o no sono solo […]

Le tante valenze del fondo lento

23 Settembre, 2022

Ottimo per il riscaldamento, il fondo lento è un lavoro di qualità, fondamentale per la mente Non c’è dubbio che il fondo lento sia l’allenamento di corsa più eseguito da tutti i triatleti e dai runner in generale. Sulle varie valenze del fondo lento spesso però non ci sono idee chiarissime, neanche tra i corridori […]

Allenamento quantitativo o qualitativo?

06 Aprile, 2022

(Giulio Molinari) La differenza tra allenamento quantitativo e qualitativo è molto semplice. Gli allenamenti quantitativi consistono principalmente nel percorrere un elevato numero di chilometri senza badare particolarmente all’intensità. Gli allenamenti di qualità prevedono invece delle variazioni di velocità oppure delle ripetute.Credo che la via migliore sia una combinazione delle due cose. L’ideale sarebbe tenere quella […]

Corsa e triathlon: 8 cose che devi sapere

22 Marzo, 2022

Sfatiamo i luoghi comuni legati a corsa e triathlon. Nello sport, come nella vita, si hanno convinzioni che, a volte, si rivelano errate. Abbiamo scelto otto situazioni classiche, spaziando un po’ in tutti i campi, dalla teoria dell’allenamento all’alimentazione, al riscaldamento, alla distribuzione delle energie in gara. Vediamo di entrare nei particolari che legano corsa e […]