Alanya ITU Triathlon World Cup: Facchinetti e Uccellari nella top 10, azzurre in ombra

Alanya ITU Triathlon World Cup: Facchinetti e Uccellari nella top 10, azzurre in ombra

18 Ottobre, 2015

Si è conclusa oggi con la prova maschile la 2 giorni della ITU Triathlon World Cup di Alanya (Turchia).

In campo per l’Italia Facchinetti, Uccellari, De Ponti, Hofer, Stateff e Secchiero.
Raoul Shaw detta subito il ritmo a nuoto, ed è il primo ad uscire dall’acqua tallonato dai fratelli Polyanskiy; Secchiero con un’ottima prima frazione è 6° al T1 a soli 10″, più arretrati gli altri azzurri con Facchinetti e Uccellari a circa 1′ di distacco dai primi.
In bici si forma inizialmente un gruppo di testa di una quindicina di atleti tra cui Secchiero e Stateff, ma il gruppo inseguitore in cui si trovano anche Pereira Blummenfelt e Jones fa lavoro di squadra per raggiungere i fuggitivi, e in T2 si presenta un gruppone compatto di una sessantina di atleti in una manciata di secondi.
L’esito della gara è demandato alla frazione a piedi, che presenta un percorso reso insidioso da una ripida salita, da percorrere in ciascuno dei 4 giri.
Joao Pereira (POR), Kyle Jones (CAN) e Kristian Blummenfelt (NOR) sono i più veloci nella corsa, e si aggiudicano rispettivamente oro, bronzo e argento; ottime le prestazioni dei nostri Facchinetti e Uccellari che chiudono tra i primi 10, rispettivamente 7° e 9°.
La gara presenta il conto agli altri azzurri, con Stateff che chiude al 19° posto, De Ponti 29°, Hofer 37° e Secchiero costretto al ritiro.

*** Gara Maschile ***
1 Joao Pereira POR 01:45:10
2 Kristian Blummenfelt NOR 01:45:21
3 Kyle Jones CAN 01:45:27

7 Luca Facchinetti ITA 01:45:52
9 Davide Uccellari ITA 01:46:01
19 Delian Stateff ITA 01:46:48
29 Massimo De Ponti ITA 01:47:33
37 Daniel Hofer ITA 01:48:38
DNF Andrea Secchiero Ita

Non altrettanto bene è andata la gara di ieri, che vedeva in campo le nostre portacolori Zane, Orla, Santimaria, Olmo e Bonin.
La Bonin si difende bene nel nuoto ma si ritirerà poi durante la frazione bici per un problema meccanico; seconda azzurra ad uscire dall’acqua è Margie Santimaria a 1′ dalla prima, la statunitense Cook, più arretrate le altre italiane, con la Olmo a chiudere il quintetto con circa 1’30” di ritardo.
In bici gara regolare per la Santimaria, mentre Olmo e Orla recuperano posizioni, con quest’ultima che esce da T2 tra le prime; ma i distacchi in partenza sono minimi, con una trentina di atlete in 10″.
La gara si decide quindi anche in questo caso nella frazione podistica, in cui Yuliya Yelistratova (UKR), Summer Cook (USA) e Miriam Casillas García (ESP) siglano rispettivamente i tre migliori parziali e conquistano il podio.
Le nostre purtroppo nella terza frazione si spengono e perdono terreno.
Migliore delle azzurre al traguardo è Ilaria Zane, che con un ritardo di quasi 3′ nel parziale a piedi si classifica 28^; più arretrate Orla, Santimaria e Olmo che chiudono rispettivamente 38^, 40^ e 43^.

*** Gara Femminile ***
1 Yuliya Yelistratova UKR 01:59:32
2 Summer Cook USA 01:59:52
3 Miriam Casillas García ESP 02:00:05

28 Ilaria Zane ITA 02:02:54
38 Alessia Orla ITA 02:04:47
40 Margie Santimaria ITA 02:05:25
43 Angelica Olmo ITA 02:09:52
DNF Charlotte Bonin ITA

RISULTATI

 

Articoli correlati

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli

Triathlon, programmare la nuova stagione agonistica

22 Novembre, 2022

Quando si decide di programmare la nuova stagione agonistica è inevitabile effettuare una attenta analisi di quella passata Rendersi conto su quali punti deboli si debba “lavorare” per cercare di colmarli è uno degli aspetti più importanti per risultare vincente la prossima fase agonistica. Chi nuota piano o male e decide di “spendere” la maggior […]

Endurance e valutazione funzionale

18 Novembre, 2022

La valutazione funzionale è un mezzo per raggiungere la nostra migliore performance Il tema della valutazione funzionale è sempre argomento piuttosto ostico, forse anche a causa delle memorie scolastiche di ognuno di noi. In effetti, essere valutati rappresenta sempre un momento di stress, poiché non si può barare, non ci si può sottrarre a una […]