Tutte le distanze del triathlon

Tutte le distanze del triathlon

10 Febbraio, 2022

Una lenta ma costante evoluzione quella del triathlon che si articola in tre discipline e sei distanze principali

Tre discipline, quattro distanze, condizioni meteo e di tracciato variabili. Per tutti è la triplice ovvero il triathlon: una frazione a nuoto, una frazione in bici, una frazione di corsa. Le distanze del triathlon variano però in maniera sostanziale, dal triathlon classico (quello olimpico) a prove molto più ridotte o, al contrario, più impegnative.

Le distanze del triathlon in dettaglio

Dal suo esordio nel 1977 ad oggi le distanze del triathlon si sono infatti diversificate in sei categorie, rendendo questo sport via via più accessibile a tutti.

Eccole nel dettaglio:

NuotoBiciCorsa
Super Sprint400 m10 km2,5 Km
Sprint750 m20 km5 km
Olimpico1,5 Km40 Km10 Km
Medio (Mezzo Ironman)1,9 Km90 Km21 Km
Lungo3 Km120 Km30 Km
Super Lungo (Ironman)3,8 Km180 Km42 Km

Triathlon Super Sprint

Il più veloce è il Triathlon Super Sprint: 400 metri a nuoto, 10 km in bici e 2.500 metri di corsa. Una disciplina per veri velocisti. Lo sforzo è concentrato in un lasso di tempo molto breve, quindi si tratta di una specialità che richiede velocità e potenza muscolare.

Triathlon Sprint

Leggermente più lunghe le distanze del Triathlon Sprint: 750 metri a nuoto, 20 km in bici, 5 km di corsa. È la distanza ideale per chi preferisce le gare corte, ma anche per chi si avvicina per la prima volta alle gare di triathlon. I più esperti potranno sfidare il cronometro, mentre i neofiti potranno sperimentare l’adrenalina di una gara di triathlon.

Triathlon Olimpico

Quando si parla di triathlon normalmente ci si riferisce alla distanza classica, ovvero il triathlon olimpico: 1.500 metri a nuoto, 40 km in bici e 10 km di corsa. Questa distanza richiede doti di resistenza ma anche potenza muscolare: lo sforzo è concentrato tra le 2 e le 3 ore circa di gara, quindi occorre saper dosare le energie.

Per molti triatleti è la distanza perfetta: non è una gara troppo breve ma nemmeno richiede una particolare resistenza, quindi si può puntare a un buon tempo, divertendosi.

Esiste anche il Triathlon Doppio Olimpico, con distanze raddoppiate: 3000 metri a nuoto, 80 km in bici, 20 km a piedi.

Triathlon Medio (o 70.3) (o Mezzo Ironman)

Il Triathlon Medio o, secondo la classificazione Fitri70.3, o Mezzo Ironman e cioè: 1.900 metri a nuoto, 90 km in bici, mezza maratona di corsa ovvero 21,097 km.

Con il Medio le distanze iniziano ad essere impegnative. Per affrontare una gara di questa lunghezza occorre un allenamento specifico, che sappia lavorare sulla velocità ma anche sulla resistenza. Le gare oscillano tra le 4 e le 6 ore. Anche dal punto di vista di idratazione e alimentazione, il corpo deve essere preparato e allenato per gestire le scorte.

Triathlon Lungo

Nel Triathlon Lungo le distanze aumentano ancora: 3.000 metri in acqua, 120 km in bici e 30 km di corsa. Si tratta di distanze particolari, spesso utilizzate, così come il Medio, in preparazione a gare ancora più lunghe, come gli Ironman.

Triathlon Super Lungo (o Ironman)

L’Ironman è la gara più famosa, e anche quella più lunga, del triathlon. Per chiunque pratichi il triathlon e in generale per ogni atleta di endurance, l’ironman rappresenta una gara mitica, quella da fare almeno una volta nella vita. Sono tanti gli atleti che corrono un ironman semplicemente per arrivare al traguardo e laurearsi “finisher“.
Per comprendere l’impegno sia in gara ma soprattutto in allenamento basta snocciolare le cifre delle distanze da percorre: nel Triathlon Super Lungo, o “Ironman”  la frazione a nuoto, è di 3,8 km, a cui seguono 180 km in bici e 42,095 di corsa (cioè la classica maratona).

LEGGI ANCHE: Triathlon, come iniziare

Articoli correlati

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli

Triathlon, programmare la nuova stagione agonistica

22 Novembre, 2022

Quando si decide di programmare la nuova stagione agonistica è inevitabile effettuare una attenta analisi di quella passata Rendersi conto su quali punti deboli si debba “lavorare” per cercare di colmarli è uno degli aspetti più importanti per risultare vincente la prossima fase agonistica. Chi nuota piano o male e decide di “spendere” la maggior […]

Endurance e valutazione funzionale

18 Novembre, 2022

La valutazione funzionale è un mezzo per raggiungere la nostra migliore performance Il tema della valutazione funzionale è sempre argomento piuttosto ostico, forse anche a causa delle memorie scolastiche di ognuno di noi. In effetti, essere valutati rappresenta sempre un momento di stress, poiché non si può barare, non ci si può sottrarre a una […]