• Ciclo Promo Components sempre in testa: ora distributori anche di Dotout, azienda italiana di caschi e abbigliamento tecnico per ciclisti

  • Con il tedesco Patrick Lange, vincitore dell'Ironman Texas, bronzo a Kona 2016 e nella stessa occasione record breaker della maratona, il triathlon va in galleria del vento. Merito anche di EKOÏ, suo sponsor ufficiale.

    Cosa gli passerà per la testa? Il pensiero del triatleta tedesco Patrick Lange è fisso sull'obiettivo e ad aiutare a non dissipare energia c'è un casco ad hoc. Tre volte campione tedesco nel Duathlon Elite e due volte vincitore della Rhein Neckar Triathlon Cup, attraverso una nuova partnership con EKOÏ, marchio francese che produce caschi, Patrick Lange potrà fare in bici i miracoli che ha fatto a piedi. Se a Kona Lange ha superato il record precedente (di 27 anni prima!) concludendo la maratona in 2:39:45, chissà il prossimo tempo sulle due ruote! Con la terza generazione del casco CXR14 di EKOÏ a disposizione per tutta la stagione 2017, Lange indosserà un pezzo unico, in tutti i sensi, sviluppato in galleria del vento, con i lati piatti per la massima aerodinamicità e tre piccoli canali per garantire una continua ventilazione. Il casco è dotato di visiera magnetica che si cambia con un click e il suo retro è più corto per evitare il contatto con le spalle e quindi le turbolenze. Disponibile in nero e in bianco, con visiera nelle versioni Revo blue cat 3, Revo red cat 3 e Iridium cat 2, può essere completamente personalizzabile ed è venduto esclusivamente sul sito istituzionale, assieme agli altri prodotti del brand come i pantaloncini della nuova collezione COMPETITION 10e il casco Ekcel Evo 2, anche questi articoli in dotazione a Lange per i suoi allenamenti. E per chi oggi e domani fosse al Cyclingworld Show di Düsseldorf, in Germania, trovate lo stand EKOÏ al blocco D3. In galleria del vento, ovvio... Tenetevi forte!

    Photo credit: JamesMittchell

  • Shimano dalla testa ai piedi con la nuova distribuzione di caschi e occhiali LAZER.
    Non basta la gamba, negli affari servono buone idee in testa e vista lunga: sarà per questo che un'azienda come Shimano ha deciso di avviare la distribuzione di caschi e occhiali Lazer in Turchia, Italia, Francia, Polonia, Benelux e paesi nordici? Shimano non è nuova a questo genere di operazioni e attualmente - come evidenzia il direttore di Shimano Europe, Arjen Vinke - sono di sua proprietà anche i brand PRO, Pearl Izumi e Bikefitting.com.
    Con l'annuncio dell'acquisizione, il 31 agosto 2016, di Lazer Sport NV (Lazer) da parte di Shimano Europe (Shimano) e della sua distribuzione di occhiali e caschi in tutta Europa, si coglie non solo l'ambiziosa mira espansionistica del grande marchio, ma anche una precisa linea strategica per un'offerta più completa, e qui è proprio il caso di dirlo: dalla testa ai piedi! L'emozione sarà scandita nel tempo con un calendario diversificato per la singole aperture: Shimano Bike Turkey, Shimano France Composants Cycle S.A.S. e Shimano Italy Bicycle Components Srl stanno già distribuendo dal 1° gennaio; il 1° marzo si aggiungerà Shimano Nordic Denmark ApS; il 1° luglio Shimano Benelux (Paesi Bassi, Belgio e Lussenburgo), Shimano Polska Bicycle Parts Sp. z. o.o. (compresi i Paesi Baltici) e Shimano Nordic Cycle A.B.(Svezia, Norvegia, Finlandia e Islanda). Un vantaggio per Shimano come per Lazer, sottolinea Sean van Waes, amministratore delegato Lazer, dopo aver ringraziato pubblicamente i vecchi distributori europei e soprattutto Wolvenberg in Benelux e HF Christiansen in Danimarca. E, a proposito di saluti, Arjen Vinke dal canto suo ringrazia Vista Outdoor, proprietaria dei marchi Bell, Giro e Blackburn, per la collaborazione che li ha visti partner dal 2003 e che si concluderà il 1° luglio di quest'anno con l'avvento dell'era Lazer.

    Nella foto, il nuovo casco Lazer Bullet, presentato a Eurobike 2016, nato in risposta al dilemma secolare tra necessità di aerodinamica e ventilazione allo stesso tempo.