Lo sport a Tavola
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Vincere" a tavola? Si può, ma, attenzione, perché "L’alimentazione non è competizione": lo dice, anzi lo scrive, Elena Casiraghi, titolando così il suo libro edito da Cairo e da poco in libreria, oltre che in tutti i principali store online

Una guida pratica per imparare a mangiare e stare bene, con le istruzioni perché il cibo (ma anche il movimento e il sonno) diventino i migliori alleati di ognuno di noi. 

Ci avete mai pensato? E se gran parte di quanto promessoci in questi anni dalle tante “diete del momento” non corrispondesse alla realtà? E se per dimagrire, dovessimo trovare proprio nel cibo il nostro più forte alleato invece di scacciarlo come il più brutto dei mostri? E, ancora, se avessimo sbagliato a puntare tutto sul diminuire drasticamente le calorie e abolire i grassi? A queste e altre domande risponde L’alimentazione non è competizione (Cairo Edizioni), il libro di Elena Casiraghi, esperta in nutrizione e integrazione dello sport, anche ricercatrice scientifica e divulgatrice per l'Equipe Enervit.

In libreria e in tutti i principali store online da giovedì 8 ottobre 2020, vi aspetta un patrimonio di conoscenze, di anni di studi e risultati scientifici resi fruibili grazie a un linguaggio semplice e immediato: nelle 256 pagine scritte da Elena, trovate le “istruzioni per l’uso” per stare bene. Istruzioni chiare da seguire senza stress e ansia: «Dieta per la maggior parte di noi è sinonimo di “devo fare” e come sappiamo bene la costrizione spesso ci fa scappare, non ci fa essere continui nel nostro percorso. Questo libro vuole essere una guida pratica all’imparare a mangiare attraverso regole facili da seguire senza mai sentirsi in gabbia».

Lasciatevelo dire da chi ne sa di più, perché in questo libro Elena ha messo tutta sé stessa, la sua competenza e le sue passioni: basarsi sul numero di calorie non è una strategia vincente, e ci sono dei grassi addirittura necessari alla nostra alimentazione; non c’è dieta senza sgarro, e per raggiungere il benessere è necessario ascoltare tutti e due i nostri cervelli, quello all’interno del cranio e quello nell’addome, e anche il sistema immunitario può essere allenato. Queste e altre le "rivoluzioni" che convincono grazie all'autorevolezza di un'autrice che non si limita alla divulgazione, ma ti accompagna per mano lungo il tuo e anche il suo cammino, ricorrendo a metafore, esempi ed episodi di vita, avendo provato prima di tutto su di sé il valore e l’efficacia del suo messaggio: «Ho scritto il libro nel periodo del lockdown, quando tra l’altro c’eravamo scoperti tutti chef della tradizione italiana con pane, pizza e focaccia in primis, e l’ho scritto per poter condividere le mie esperienze, perché ognuno possa avere un nuovo punto di vista e acquisire, giorno dopo giorno, un nuovo equilibrio, il proprio, così da essere più sicuri, consapevoli e liberi da credenze comuni e falsi miti sull’argomento».

L’alimentazione, però, non è l’unico amico su cui si possa contare per raggiungere il benessere: «Per stare bene – spiega ancora Casiraghi - dobbiamo fare amicizia con l’alimentazione quotidiana, con l’esercizio fisico e, non ultimo, il sonno, da leggere come riposo. Ecco che entra in gioco anche lui, nella squadra dei tre preziosi alleati a nostra disposizione in questo grande viaggio».

Elena ha affidato la prefazione a Linus, con il quale è protagonista, insieme a Stefano Baldini e Davide Cassani, tutte le domeniche della trasmissione radiofonica DeeJay Training Center dedicata allo “sport per chi lo fa” e che scrive: “Ho imparato a mangiare. Ho capito che le diete troppo fiscali e privative sono inutili, semplicemente perché la fame ha una buona memoria e poi si vendica, spesso con gli interessi. Ho appreso che il cibo è nostro amico, che proprio per questo si colora, per attirare la nostra attenzione, e quasi sempre più è colorato più fa bene. Ho scoperto che a volte è la pigrizia a farci mangiare male, che dobbiamo imparare a leggere le confezioni e che talvolta basta un piccolo sforzo per trovare qualcosa da mangiare che non “sembri plastica”. Soprattutto ho fatto mia la parte più importante, e cioè “cosa, quando e con che cosa”. E l’ho imparata perché in mezzo a mille apprendisti stregoni ho trovato gente come Elena, che ha il dono della semplicità nel comunicare. Come dire, se lo capisco io...”.

Screenshot 20201014 123819 com.google.android.apps.docs

L’alimentazione non è competizione
• Prezzo di copertina 17 euro
• Pagine 256
• Anno 2020
• Collana Salute & Benessere
• Formato brossura