IRONMAN 70.3 Italy 24 ore allo START!

IRONMAN 70.3 Italy 24 ore allo START!

11 Giugno, 2016

Il primato di Natascha Badmann, l’oro olimpico di Nicola Spirig, il primo posto 2015 di Paul Reitmayr e tanto altro in arrivo sul binario 70.3 di Pescara. 

Ci siamo: la sesta edizione di IRONMAN 70.3 Italy è in arrivo sul litorale adriatico, più carica e agguerrita che mai.
Si è aperto ufficialmente ieri sera alle 21:00 con la Decathlon Night Run, corsa notturna non competitiva di 10 km, il lungo week-end di eventi.
Questa mattina è in corso la conferenza stampa di presentazione dei PRO, e il programma, ricchissimo come sempre, proseguirà oggi pomeriggio alle 16:00 con la gara riservata ai giovanissimi IRONKIDS.

Dal punto di vista agonistico, la competizione (start domenica ore 12:00) si preannuncia imperdibile, grazie alla presenza di giganti della Triplice come la svizzera Natasha Balmann, nickname “Swiss miss” – prima triatleta europea a vincere la finale mondiale IRONMAN a Kailua-Kona nel 1998 (ripetendo poi l’impresa per ben 5 volte) – e la sua compatriota Nicola Spirig, oro olimpico a Londra 2012.
Non meno intensa sarà la competizione sul versante maschile, dove il vincitore 2015 – Paul Reitmayr (fresco di un bronzo a IRONMAN 70.3 St. Pölten) – se la vedrà con campioni del pari di Ruedi Wild (che lo ha preceduto sul traguardo proprio a St. Pölten dopo aver portato a casa nel 2015 un terzo posto alla finale europea IRONMAN 70.3 e un secondo posto alla finale IRONMAN Middle East), Ritchie Nicholls (campione europeo IRONMAN 70.3 nel 2013), Alberto Casadei (secondo classificato nel 2015) e Johannes Moldan (quarto classificato a Pescara nel 2014).
Anche tra i numerosissimi age group (l’edizione 2016 conta circa 1800 atleti allineati sulla nuova start line di Pescara sud) spuntano nomi importanti, come Katherine Kelly Lang (la famosissima “Brooke Logan” di Beautiful) e Alex Espargaro – pilota della moto GP.
Novità di quest’anno il debutto del triathlon di distanza olimpica 5i50 (domenica alle 15:00) e il nuovo pasta party, allestito nel frequentatissimo mercato coperto Muzii.

Articoli correlati

T100 Triathlon World Tour, arriva il nuovo circuito di gare PTO 2024

01 Febbraio, 2024

#RedefiningTriathlon (ridefinire il triathlon) è l’hashtag ufficiale del T100 Triathlon World Tour, il nuovo circuito di gare PTO 2024 che rappresenta l’evoluzione del PTO Tour per come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi. Annunciato di recente a Londra, il T100 Triathlon World Tour è una delle prima novità nate dalla partnership tra la Professional Triathletes […]

IRONMAN: 5 cose che (forse) ancora non sai!

19 Luglio, 2023

“Il triathlon? Sì, è quello sport in cui prima si nuota, poi si pedala e alla fine si corre una maratona.” Ebbene sì, per molte persone il triathlon è solo l’IRONMAN: 3,8 km di nuoto, 180 km in bici e 42,197 di corsa. Ma perché l’IRONMAN sembra avere un fascino irresistibile rispetto a distanze più […]

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli