Kristian Blummenfelt, l’oro olimpico a Tokyo2020 entra nel team Asics

13 Dicembre, 2021

Un anno indimenticabile per Kristian Blummenfelt. Il triatleta norvegese dopo l’oro nella gara individuale a Tokyo2020, il titolo di World Triathlon Champion e aver siglato il nuovo record del mondo sulla long distance all’esordio nell’Ironman a Cozumel, diventa il nuovo membro del team di ambassador ASICS. E’ la stessa azienda nipponica ad annunciare l’ingresso di Blummenfelt nella sua squadra.

“I risultati di Kristian durante questi ultimi anni sono stati stupefacenti – afferma Olivier Mignon, Director of Sports Marketing di ASICS – e averli raggiunti con indosso le scarpe METASPEEDTM Sky testimonia la qualità dei nostri prodotti. Kristian condivide i nostri stessi valori e crede nel potere edificante dello sport sulla mente. Non vediamo l’ora di essere al suo fianco per fargli provare le nostre ultime tecnologie.”

Lo stesso Blummenfelt ha dichiarato di aver notato un cambio nelle sue performance sportive: “Fin dai primi passi con METASPEED Sky, ho sentito una sensazione completamente diversa da qualsiasi altra scarpa testata in passato. Stavo correndo in pista, e mi sono accorto subito che i miei tempi sul giro erano migliori rispetto ai miei risultati precedenti. A questo livello, non si può rinunciare a tali velocità.”

L’ingresso nel team ASICS è stato quindi la naturale conseguenza di una partnership che ha tutti gli ingredienti per raggiungere molto altri traguardi: “Sono davvero entusiasta di entrare a far parte del team ASICS. La filosofia del brand ‘Anima Sana In Corpore Sano’ mi rispecchia moltissimo – prosegue Blummenfelt – Per me la corsa significa libertà e mi permette di allontanarmi dalla frenesia della quotidianità. Mi aiuta infatti a placare le mie ansie e mi accompagna nel trovare un equilibrio tra corpo e mente.”

Kristian Blummenfelt ha iniziato a gareggiare nel triathlon nel 2008, già l’anno successivo è entrato a far parte della squadra nazionale norvegese con l’obiettivo di gareggiare alle Olimpiadi. Obiettivo raggiunto nel 2016 a Rio, nella sua prima esperienza a cinque cerchi si è classificato tredicesimo nella prova individuale. Nel 2017 ha ottenuto grandi risultati nelle World Triathlon Series per coronare poi un sogno quest’estate con la medaglia d’oro a Tokyo. A novembre 2021 ha vinto l’IRONAM Cozumel, in Messico in 7h 21m 12s, abbassando di 6m e 41s il record del mondo detenuto da Jan Frodeno. Un nome di prestigio che ASICS non si è lasciata sfuggire.

Articoli correlati

Come riconoscere l’overtraining

25 Gennaio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]

La PTO sceglie ancora una volta il TRADEINN 140.6INN per il suo calendario internazionale

25 Gennaio, 2022

Dopo il successo e la sinergia positiva della prima edizione, la PTO è di nuovo impegnata in questo evento internazionale su distanza Ironman con sede a Platja D’Aro. L’organizzazione del TRADEINN 140.6INN sta lavorando su importanti novità per l’edizione 2022. La Professional Triathletes Organization (PTO) ha nuovamente focalizzato la sua attenzione sul TRADEINN 140.6INN che […]

Triathlon come iniziare

24 Gennaio, 2022

Cos’è il triathlon? Il triathlon non è solo nuoto, ciclismo e corsa Le distanze del triathlon Triathlon come iniziare Cos’è il triathlon? Il triathlon è uno sport multidisciplinare che abbraccia tre discipline: nuoto, ciclismo e corsa, tra l’altro affrontate senza mai fermarsi. Sì, perché il cronometro continua a correre, anche quando sei impegnato a passare […]

Educazione posturale

21 Gennaio, 2022

Responsabili di tensioni muscolari e trazioni sulle articolazioni, eventuali squilibri che il nostro corpo assume nello spazio vanno individuati e corretti, non solo nella vita di tutti i giorni, ma anche durante l’attività multidisciplinare