Ironman 70.3 Pescara: bilancio di un grande evento

Ironman 70.3 Pescara: bilancio di un grande evento

15 Giugno, 2015

Nei giorni scorsi abbiamo dedicato qui e sui nostri social network ampio spazio al 70.3 di Pescara e nel week end abbiamo aggiornato i nostri amici e lettori in tempo reale con video interviste, curiosità e pronostici del giorno prima, flash dal campo gara e riprese in diretta dalla finish line e interviste ai protagonisti.
Un marchio che è una garanzia, ancora una volta un evento che si è dimostrato un successo, e ne fanno un bilancio nettamente positivo gli organizzatori, di cui riportiamo il comunicato stampa ufficiale.

RISULTATI

Inno di Mameli. Grida e applausi di incitamento. Fomento generale. 3, 2, 1, BANG: IRONMAN 70.3 ITALY 2015 comincia così e continua con 2000 atleti sul tracciato di gara e migliaia di spettatori a fare da cornice. Il loro prezioso sostegno rende ogni bracciata, giro di pedale e passo più leggero e intenso.

La gara dei PRO M si presenta da subito accesa: tanti atleti in forma, per avere la meglio bisogna davvero dare il tutto per tutto.
Alla fine della frazione natatoria, due italiani guidano il gruppo: Ivan Risti e Alberto Casadei, seguiti da Paul Reitmayr e Jonathan Ciavattella; tra le PRO F, le più veloci sono Vanessa Raw, Lisa Huetthaler e Gabriella Zelinka.

Al 56esimo km della frazione ciclistica, Ciavattella conquista la testa della classifica maschile, seguito da Alberto Casadei, Paul Reitmayr e Domenico Passuello – che era uscito dall’acqua molto arretrato rispetto alla testa del gruppo. Tra le donne, continuano a primeggiare Lisa Huetthaler e Vanessa Raw, ma Erica Csomor guadagna posizioni, attestandosi al terzo posto.

Lo start dell’ultima frazione di gara – la prova RUN – vede al comando lo stesso quartetto, ma in diverso ordine: avanti Casadei, poi Reitmayr, Passuello e Ciavattella. Anche la classifica femminile rimane stabile: Vanessa Raw scende dalla bike con un distacco di quasi 10 minuti dalla seconda e dalla terza, rispettivamente Lisa Huetthaler e Erika Csomor.

Dal km 4.9 della frazione RUN, Reitmayr da una parte e Vanessa Raw dall’altra mantengono la testa delle rispettive classifiche e – con un tempo di 04:05:08 per il PRO M e di 04:38:13 per la PRO W – si proclamano vincitori dell’edizione numero 5 di IRONMAN 70.3 ITALY. Condividono il secondo gradino del podio Alberto Casadei e Lisa Huetthaler, appena sotto di loro Domenico Passuello e Erika Csomor.

La conferenza stampa conclusiva dell’evento ha raccolto le impressioni dei 6 migliori atleti in gara. L’austriaco Reitmayr ringrazia il pubblico pescarese, che lo ha incitato nonostante la presenza di atleti italiani. Casadei e Passuello, che sono riusciti a schivare i tentativi di recupero di Jonathan Ciavattella, non si dicono soddisfatti al 100% delle proprie performance, nonostante l’ottimo risultato raggiunto.

Non è dello stesso avviso Erika Csomor, che si è detta contenta della gara, come anche Lisa Huetthaler (che ha perso la testa della classifica a causa della rottura di un raggio) e la vincitrice, Vanessa Raw.

I responsabili IRONMAN, infine, hanno manifestato pieno apprezzamento per la riuscita della gara, a dimostrazione dell’ormai consolidata esperienza del team italiano nell’organizzazione di questo tipo di eventi.

 

Articoli correlati

Che tipo di nuotatore sei? Fenotipi acquatici

15 Luglio, 2022

Il ciclista può essere un velocista, un passita, uno scalatore, ma come si possono inquadrare i nuotatori? Ci sono i mezzofondisti e i velocisti e quelli delle acque libere, ognuno coi loro stili ma, quando li vediamo a bordo vasca, sembrano tutti uguali. Ecco una lista di fenotipi acquatici. E tu, che nuotatore sei? La […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]