Tutto quello che… a novembre-dicembre 2019

Tutto quello che… a novembre-dicembre 2019

28 Ottobre, 2019

Una lunga stagione ci ha portato per tutta la Penisola, da nord a sud, con gare internazionali, nuove organizzazioni e manifestazioni storiche, a raggiungere numeri come i 7.000 atleti che si sono riversati a Cervia nel lungo fine settimana logato M rossa (pag. 80)

Gara di successo, come anche Icon (pag. 84), quellle di Lignano (pag. 85) e Sanremo (pag. 86 e 87), gare con numeri in crescita che denotano un ampliamento del mondo della triplice, Age Group in testa. Per loro, nelle nostre pagine troverete un generoso blocco dedicato alla preparazione invernale, con i consigli su quale approccio tenere (Simone Diamantini, pag. 56), o su quanto tempo ci vuole per preparare una full distance (Andrea Gabba, pag. 64), come gestire i primi infortuni (Alberto Schivardi, pag.68). Interessante l’articolo di Giorgio Rondelli sulle salite e il loro ruolo prioritario (pag. 60), quello di Luca Gozzi sul nuoto in questo periodo di transizione (pag. 62) e di Nadia Cortassa (pag. 66) sull’attività giovanile: 10 regole per il passaggio di categoria. Con Giacomo Giovenali (pag. 70) si affronta il tema peso-forma e con i tecnici Galletti e Davite (pag. 72) il triathlon off road, anche questa una passione sempre in crescita. La sezione dei tecnici termina con lo Swimrun, questo (s)conosciuto (Diego Novella, pag. 76), che poi, come indica il titolo, così sconosciuto non è. Tante le interviste su questo numero, a partire dall’esordiente speciale (pag. 22), l’assessore allo sport di Milano Roberta Guaineri, per proseguire con Antonella Salemi (pag. 36) e il suo triathlon in rosa con il ruolo di life coach. Per la rubrica “Impresa” (pag. 29), abbiamo intervistato Diego Zanotti, che ha nuotato per 50 chilometri, da sud a nord, nel Lago di Garda. Segnaliamo anche la importante parte medica, che inizia con l’articolo di Luca Speciani (pag. 46) e il suo Legame tra ansia e pressione alta; proseguiamo con quello di Luca De Ponti sull’importanza e cura della schiena (pag. 48), con quello di fisioterapia di Bianca Lenci (pag. 50) Ipercifosi dorsale, per concludere con quello di Sergio Migliorini (pag. 52) Un buon inverno per un grande 2020, in quanto chi gestisce al meglio l’inverno avrà una prossima stagione vincente. Vi anticipiamo che sul prossimo numero troverete la classifica di tutti gli italiani che si sono classificati in una gara di 70.3.

Scopri di più sul numero di novembre-dicembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

Articoli correlati

Terapia con onde d’urto. Quando è necessaria?

02 Marzo, 2022

Negli ultimi anni le onde d’urto hanno trovato un sempre maggiore impiego in ambito di fisioterapia e nella medicina dello sport.   Onde d’urto in inglese si traduce shockwaves: quando le si sente nominare, più che a qualcosa di terapeutico viene da pensare a uragani, cicloni, qualcosa di pericoloso insomma. In realtà, il potenziale delle onde d’urto nel campo della riabilitazione è […]

Cadenza di pedalata, quante rivoluzioni in un minuto?

21 Gennaio, 2022

Come allenarla Sprint in agilità Variazioni Ripetute Allenamenti specifici per la forza La frequenza (detta anche cadenza) di pedalata è un fattore importante, che va a influenzare la resa, l’efficienza e la performance di un triatleta durante la frazione ciclistica e nella successiva prova di corsa. Scrive al riguardo Andrea Gabba In base alla velocità e alla forza con cui noi spingiamo […]