Sabaudia Triathlon Olimpico con percorso bike ridotto: Silvestri e Fioravanti più veloci tra i veloci

Sabaudia Triathlon Olimpico con percorso bike ridotto: Silvestri e Fioravanti più veloci tra i veloci

01 Novembre, 2017

Si è conclusa con un successo di iscritti la 4^ edizione del Triathlon Olimpico di Sabaudia, gara con Rank dai 230 Assoluti, con nove staffette: vincono la Junior Camilla Silvestri e Alessio Fioravanti

Il clima perfetto e un mare dalle condizioni estremamente favorevoli hanno accolto gli atleti alla partenza; poi Sabaudia, con il suo fantastico territorio naturale inserito nel Parco del Circeo, ha fatto il resto, splendida cornice di un evento che ha attirato anche molti spettatori. Domina la prova maschile Alessio Fioravanti (1:29:00), arrivato al traguardo mano nella mano di Alessio Buraccioni (1:29:01), quest’ultimo con il migliore split bike, in 0:36:13. Bronzo allo Junior Davide Salati (1:30:19), per una tripletta firmata Minerva Roma. Giù dal podio Matteo Marchisio (1:31:33), autore del miglior tempo a piedi (0:34:07). Nella classifica femminile la vittoria è andata alla Junior Camilla Silvestri (1:40:25), uscita per prima dall’acqua (0:18:58) e che ha preceduto Michela Santini (1:44:28) e Laura Casasanta (1:45:34), quest’ultima artefice del miglior tempo sui 10 chilometri di corsa (0:38:34), davanti ad Anna Quagliaro (1:50:05). Oro alla staffetta di Fabio Bartolomucci (1:38:16), con le migliori prestazioni in bici – 0:39:00 – e nella corsa – 0:37:01. Argento per il team di Alex Wreth (1:49:15); a seguire quello di Alessandro Conti (1:50:47). Da segnalare, ai fini di una più chiara comprensione dei tempi in classifica, l’errata distanza della frazione bike: “Non sappiamo ancora cosa sia realmente accaduto – riferisce Massimiliano Zanetti, Presidente dell’A.S.d Guida Sicura – la gara, giunta ormai alla sua 4^ edizione con il solito percorso ciclistico, doveva risultare perfettamente allineata sulla distanza olimpica dei 40 chilometri ma, purtroppo, solo dopo il passaggio di molti atleti alla frazione run ci siamo accorti di un inspiegabile errore di misurazione. Tuttora stupiti di come possa essere successo, naturalmente siamo dispiaciuti per l’accaduto, che sicuramente ha lasciato spazio alla delusione in alcuni. Approfittiamo per ringraziare quanti hanno risposto con comprensione e collaborazione, permettendoci di crescere e migliorare. Tanti i validi servizi a smorzare il dispiacere: sopra tutti, l’impegno, per l’edizione 2018, di offrire particolari condizioni a quelli tra gli atleti penalizzati che si iscriveranno nuovamente il prossimo anno, con una grande sorpresa sul calendario”.

RISULTATI

Articoli correlati

T100 Triathlon World Tour, arriva il nuovo circuito di gare PTO 2024

01 Febbraio, 2024

#RedefiningTriathlon (ridefinire il triathlon) è l’hashtag ufficiale del T100 Triathlon World Tour, il nuovo circuito di gare PTO 2024 che rappresenta l’evoluzione del PTO Tour per come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi. Annunciato di recente a Londra, il T100 Triathlon World Tour è una delle prima novità nate dalla partnership tra la Professional Triathletes […]

IRONMAN: 5 cose che (forse) ancora non sai!

19 Luglio, 2023

“Il triathlon? Sì, è quello sport in cui prima si nuota, poi si pedala e alla fine si corre una maratona.” Ebbene sì, per molte persone il triathlon è solo l’IRONMAN: 3,8 km di nuoto, 180 km in bici e 42,197 di corsa. Ma perché l’IRONMAN sembra avere un fascino irresistibile rispetto a distanze più […]

Traumi da impatto nella corsa: non asfaltiamoci troppo

05 Gennaio, 2023

Insieme al Dott. Luca De Ponti analizziamo le principali cause dei traumi da impatto generati dalla corsa. Tra asfalto e prato cosa scegliere? Meglio lo sterrato: meno traumatico anche se meno prestativo Quante volte, reduci da qualche acciacco, ci siamo sentiti consigliare di riprendere a correre sul prato a un’andatura modesta? È capitato a molti […]

Triathlon e cross: il fango e i suoi vantaggi

03 Gennaio, 2023

Nell’ambito della preparazione invernale di uno specialista di triathlon, non c’è dubbio che la disciplina del cross sia un ottimo banco di prova per testare i diversi aspetti relativi alla crescita fisiologica, tecnica, muscolare e agonistica dell’atleta. Proviamo ad analizzarli uno alla volta con Giorgio Rondelli

Advertisement Advertisement