Gimme Five, Iron Tour Italy: l’Elba batte il cinque al triathlon

Gimme Five, Iron Tour Italy: l’Elba batte il cinque al triathlon

31 Maggio, 2017

Il paradiso si chiama Triathlon Elba Iron Tour 2017: 5 triathlon, in 5 giorni, per 5 località dell’Isola d’Elba. La 9^ edizione dell’Iron Tour Italy, unica manifestazione di triathlon a tappe in Italia e una delle rare al mondo, dal 27 al 31 maggio ha mandato in scena lungo percorsi mozzafiato rispettivamente l’Olimpico di Cavo-Rio Marina, lo Sprint di Marciano, quello di Portoferraio e l’ultimo, a Naregno (Capoliveri), sempre in provincia di Livorno.
250 i partenti, tra cui molti stranieri, per la prima tappa, un Olimpico nella splendida cornice di Rio Marina (località Cavo). Subito al via, quattro atleti mettono le distanza sul gruppo: sono Alessandro Terranova, Fabrizio Riva, Andrea Rainolter ed Hendrik Grosser. Nella frazione bike, però, mantengono solo Riva e Terranova, imponendo il ritmo a chi li insegue. Al quarto chilometro Terranova allunga sui diretti avversari fino al traguardo (2h20’51”), mentre un crampo condiziona la gara di Riva. L’argento va ad Hendrik Grosser (2h22’17”) e il bronzo a Matthias Raphael Kindel (2h24’36”). La gara femminile vede Sarah Hodgson subito in testa con una frazione swim da record, ma poi c’è Eleonora Peroncini a dettare il solito ritmo e a chiudere davanti a tutte in 2h36’48’’. Seconda Chiara Ingletto (2h42’31”), terza piazza per la giovane Sarah Hodgson (2h45’12”); qui tutti i RISULTATI.
Bissa il successo di Cavo e vince anche la seconda tappa: Alessandro Terranova si laurea campione anche nello Sprint a Marciano, fermando il cronometro sul tempo di 1h08’59’’. Secondo posto per Matthias Raphael Kindel (1h09’43”) e terzo per Cristiano Iuliano (01h09’56”). Per le quote rosa imbattibile Eleonora Petroncini in 1h17’26’’, nuovamente davanti ad un’ottima Chiara Ingletto (1h19’06”) e a Sarah Hodgson (1h19’51”); qui tutti i RISULTATI.
Inossidabile anche allo sprint di Lacona: Alessandro Terranova nuovamente sul podio, dominatore anche della terza tappa, con un tempo di 1h01’55”. Argento per Cristiano Iuliano (1h02’13”), terzo gradino del podio per il tedesco Norman Fenske (1h02’45”). Riconferma la supremazia femminile Eleonora Peroncini (1h08’51”), seguita dalla britannica Sarah Hodgson (1h09’15”) e da Chiara Ingletto (1h10’22”); qui tutti i RISULTATI.
Allo Sprint di Portoferraio, invece, quarta tappa del circuito, l’oro maschile va al tedesco Norman Fenske (59’16”), seguito da Cristiano Iuliano (59’34”) e da Marco Tosi (1h00’58”). Podio femminile per l’imbattibile Eleonora Peroncini (1h06’58”), seguita dalla tenace Sarah Hodgson (1h09’43”) e da Annalisa Bertelle (1h10’50”); qui tutti i RISULTATI.
Podio rosa in fotocopia per la quinta e ultima tappa, quella dello Sprint di Naregno (Capoliveri): oro per Eleonora Peroncini (1h21’08”), argento per Sarah Hodgson (1h25’03”) e terza piazza per Annalisa Bertelle (1h25’51”). Ancora una vittoria per il tedesco Norman Fenske (1h11’20”), seguito da Matthias Raphael Kindel (1h12’40”) e da Marco Tosi (1h13’35”); qui tutti i RISULTATI.
E qui le CLASSIFICHE Individuali per Categoria del Circuito completo.

Articoli correlati

Che tipo di nuotatore sei? Fenotipi acquatici

15 Luglio, 2022

Il ciclista può essere un velocista, un passita, uno scalatore, ma come si possono inquadrare i nuotatori? Ci sono i mezzofondisti e i velocisti e quelli delle acque libere, ognuno coi loro stili ma, quando li vediamo a bordo vasca, sembrano tutti uguali. Ecco una lista di fenotipi acquatici. E tu, che nuotatore sei? La […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]