A Cremona sulle note del triathlon con la Coppa Crono Giovani Individuali e a Squadre

A Cremona sulle note del triathlon con la Coppa Crono Giovani Individuali e a Squadre

01 Maggio, 2017

A dare il là al “concerto di triathlon per violino” della Coppa Crono Giovani Individuali e dei Tricolori a Squadre a Cremona è stato il team di casa, lo Stradivari Triathlon.
Con un weekend sulle note della multidisciplina, la città dei violini e lo Stradivari Team si riconfermano rispettivamente degno palcoscenico e direttore d’orchestra per eventi “a tutto triathlon”. Con un incremento del 50% rispetto allo scorso anno, soprattutto in campo maschile, sono stati 600 gli atleti in gara per la prova individuale del sabato e altrettanti per il Campionato Italiano a Squadre, giunti a Cremona per sfidarsi nella seconda della cinque tappe del circuito nazionale.
Valida per la Coppa Italia nelle categorie Youth A e B, Junior e Under23, la prova individuale di Coppa Crono Giovani partiva dalla piscina Comunale di Cremona e si disputava sulle distanze di 300 metri a nuoto, 6 chilometri in bicicletta e 2 di corsa, e con formula a cronometro, così spettacolare e costruttiva per i giovani, utilissima per affinare la gestione dello sforzo e la tecnica in transizione. Per la categoria Youth A oro a Myral Greco (00:23:43), davanti ad Angelica Prestia (00:23:59) e Matilde Roncaglia (00:24:41), e Francesco Gazzina (00:22:08), davanti a Riccardo Calveri (00:22:12) e Federico Testa (00:22:18). Per la categoria Youth B successo maschile per Nicolò Strada (00:20:25), davanti a Riccardo Brighi (00:20:43) e Alessio Crociani (00:20:50), e femminile per Beatrice Mallozzi (00:22:33), davanti alla rappresentante di casa, Bianca Seregni (00:23:27), e Chiara Cocchi (00:23:56). Vittoria tra gli Juniores per Tania Molinari (00:22:55), davanti a Carlotta Missaglia (00:23.15) e Caterina Cassinari (00:23:35), e Federico Spinazzè (00:20:16), davanti a Diego Luca Boraschi (00:20:36) e Mirko Lazzaretto (00:20:53). Trionfo Under23 per Sharon Spimi (00:22:27), davanti all’atleta Stradivari Giulia Sforza (00:23:24) e Michela Pozzuoli (00:23:53), e per Stefano Rigoni (00:20:21), davanti a Giulio Soldati (00:20:37) e Valerio Cattabriga (00:20:41).
E dopo la prova individuale ancora spettacolo con il Campionato Italiano a Squadre con in gara le staffette Youth, Junior e Under23 composte da un numero di atleti compreso tra i tre e i cinque, e con tempo valido sul terzo. Le distanze previste erano di 250 metri a nuoto, 4 chilometri in bici e 1 di corsa. Nella categoria Youth si è imposto il team CNM Milano in campo femminile e la Minerva Roma ha vinto la gara maschile; successo Junior nuovamente per la Minerva Roma tra le ragazze e per Silca Ultralite tra i maschi; infine nella sfida Under23 si sono imposte le padrone di casa del team Stradivari e il team maschile del Minerva Roma.

RISULTATI

Photo Credit. Fitri

Articoli correlati

Che tipo di nuotatore sei? Fenotipi acquatici

15 Luglio, 2022

Il ciclista può essere un velocista, un passita, uno scalatore, ma come si possono inquadrare i nuotatori? Ci sono i mezzofondisti e i velocisti e quelli delle acque libere, ognuno coi loro stili ma, quando li vediamo a bordo vasca, sembrano tutti uguali. Ecco una lista di fenotipi acquatici. E tu, che nuotatore sei? La […]

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come riconoscere l’overtraining

03 Maggio, 2022

Chi non sente ragioni e soprattutto non ascolta né il suo coach né il suo corpo continuando ad allenarsi come sempre corre il serio e alto rischio di cadere nell’overtraining, altrimenti detto sovrallenamento. Per overtraining si intende uno squilibrio dell’allenamento che si verifica quando l’attività fisica risulta così intensa che l’organismo non riesce a recuperare. […]