• Alessandro Degasperi ed Eva Serena si aggiudicano l'Australiana al 6° Triathlon MTB di Predazzo. 260 gli iscritti alla gara giovanile
    6° Triathlon MTB di Predazzo, in provincia di Trento, Gara Australiana Super Sprint MTB con qualificazioni, semifinale e finale, e Gara Giovanile Minitriathlon e Kids: un bellissimo weekend di festa all'insegna della triplice. Formula spettacolare e divertente, quella dell'Australiana a Predazzo, con 100 metri di nuoto, 1600 di MTB su un percorso molto tecnico e 600 di corsa. Il tutto da ripetere 4 volte (batterie, quarti, semifinale e finale). Non proprio le sue distanze e i suoi mezzi, ma, con l'esperienza di sempre e andando a ripescare nella sua lunga memoria sportiva, Alessandro Degasperi riesce a spuntarla su un bel gruppo di giovani atleti di belle speranze. La sesta edizione del Triathlon MTB di Predazzo, organizzata dalla sua società A.S.D. Dolomitica Nuoto C.T.T., è stata l'occasione per riaccendere un po' i motori dopo Nizza, respirando aria di casa con un po' di offroad: bello per il Dega poter rivivere i suoi esordi di 20 anni fa. Nuoto in piscina, bici e corsa tecniche su prato e sterrato: sabato ha preso il via la gara "Australiana" con formula a eliminazione per Giovani, Senior e Master. 60 gli atleti iscritti alle batterie. Dopo le tre fasi eliminatorie, in finale sono entrati 12 uomini e 6 donne. Escono dal nuoto Ragazzo e Angelini, con Degasperi dietro, che a metà del percorso bike rientra e doma la fuga dei primi due. Vittoria assoluta al maschile per Degasperi (9'29.7) e al femminile per Eva Serena (11'.29.7). Sul secondo gradino del podio Nicolò Ragazzo (9'.34.7) e Vittoria Ferrarin (11'.35.1). Al terzo posto Filippo Costanzi (9'.39.6) e Gemma Ghinelli (11'44.2). Vincitori di categoria maschili: Thomas Lozzer (Youth A), Michele Bortolamedi (Youth B), Gabriele Ioriatti (Junior), Michele Zanoni (S1), Alessandro Conzatti (S2), Enrico Scudeler (S2), Matteo Luppi (M1), Bruno Serafin (M2), Stefano Zenti (M3), Antonio Pupa (M7). Femminili: Elisabetta Aspetti (Youth A), Alicia Ghinelli (Junior), Antonia Fracchetti (S2), Giovanna Scanavacca (S4), Marika Mattiuzzo (M1). Campioni sociali 2017 per la Dolomitica Nuoto: Alessandro Degasperi e Antonia Fracchetti.

    20620909 10210193970471311 3242433080250276660 n

    Domenica i percorsi sono rimasti invariati, ma a gareggiare c'erano esclusivamente le nuove leve dei Giovani e Giovanissimi. Un forte temporale ha fermato tutti per un'oretta, ma grazie all'impegno di ognuno si è riuscito a portare a termine la gara. 260 gli iscritti alla manifestazione, valevole come 4^ tappa di Circuito Interregionale NordEst e che ha visto la partecipazione di giovani promesse come Federico Spinazzė e Samuele Angelini, rispettivamente 3° e 5° la settimana scorsa in Coppa Europa Junior di Triathlon, e come Nicolò Ragazzo, Junior in forza al PPRTeam nuovamente argento dopo la seconda piazza della gara del sabato, in cui aveva tenuto testa a un campione del calibro di Degasperi. Presenti quasi tutte le società NordEst, ma anche team al di fuori del circuito, tra cui il gruppo Giovanile delle Fiamme Oro, in ritiro in Val di Fiemme. Il Trofeo Triathlon di Predazzo, assegnato alla miglior società extraregionale, è passato dalla vincente 2016 (Silca Ultralite) al Cus Parma, che sì è aggiudicato la classifica a punti 2017. Vittorie di categoria maschili: Federico Spinazzė ed Erika Mazzer (Junior), Michele Bortolamedi e Viola Pagotto (Youth B), Federico Testa e Mara Plaikner (Youth A), Lukas Lanzinger e Leonie Oberhollenzer (Ragazzi), Hannes Lanzinger e Pia Fischer (Esordienti), Thomas Gutwenger e Bettina Dorfmann (Cuccioli).

    RISULTATI

    Photo Credit: Alberto Casalini

  • Organizzato presso la Cittadella dello Sport "Ferriere Sport Camp" in provincia di Piacenza e in scena fino a domani, 16 aprile, il Raduno ‘Open’ Multisport nell’ambito del Progetto Cross Triathlon vuole essere un’opportunità per mantenere vivo l’interesse nei confronti della disciplina. Un raduno che si prefigge come obiettivo primario l’ampliamento del vivaio del Cross, partendo dai giovani ma puntando anche al coinvolgimento di fasce di età superiori e atleti di caratura non esclusivamente olimpica. Presenti al Raduno il responsabile del settore multisport Alessandro Alessandri e il tecnico federale Massimo Galletti, che ricordano che il Progetto Cross Triathlon prende il via ufficialmente con questo raduno ‘open’ a cui sono stati invitati gli atleti che hanno vestito la maglia azzurra nelle competizioni internazionali e che hanno partecipato ai progetti dedicati al triathlon off-road, quanti si sono distinti nelle gare in fuoristrada nella stagione 2016, i giovani interessati a questa disciplina e i loro tecnici, ma anche gli atleti delle altre categorie con il triathlon in MTB come obiettivo sportivo. Fino a domani atleti e tecnici saranno impegnati in allenamenti, Team building, briefing tecnici, condivisione del Progetto Attività Cross 2017-2020 e spiegazione dei criteri di selezione e metodi di lavoro.

  • 3° Duathlon off road MTB Supersprint di Porto Selvaggio: il palcoscenico della natura con Scarzia e Fontanarosa protagonisti assoluti.

    3° Duathlon off road MTB Supersprint di Porto Selvaggio, nell'omonimo Parco Naturale di Nardò, Masseria Torre Nova, in provincia di Lecce, Regionale Agonistico e Kids Giovanile, prima tappa del Trofeo Puglia che precede il Duathlon di Trepuzzi del 25 marzo ed il Duathlon di Barletta del 9 aprile, anche gara valida quale Campionato Regionale per Società. In crescita gli iscritti a questa manifestazione organizzata dal Comitato Regionale Fitri e dalla valenza promozionale, con l'obiettivo di diffondere la cultura della triplice tra i neofiti: 118 gli atleti all'appello nel Supersprint tra Senior, Master, Juniores e Youth, e un'ottima risposta giovanile con i 49 Kids tra Cuccioli, Esordienti e Ragazzi. Interamente chiusi al traffico i percorsi attraverso il Parco Naturale di Porto Selvaggio e Palude del Capitano, affascinante zona della costa ionica del Salento con pineta, a scendere lungo una costa impervia ed emozionante. Impegnativo lo sterrato del Supersprint, risultato selettivo già nelle scorse edizioni e premiante per gli atleti più competitivi in bici: previsti 2,5K di podismo offroad su due giri, 10K di ciclismo in MTB su tre giri e ancora 1K di corsa su un unico giro. Ben esposte al pubblico le prove Kids sullo sterrato della masseria, su distanze Cuccioli di 200 mt corsa - 1 km MTB - 100 mt corsa, Esordienti di 400 mt corsa - 2 km MTB - 200 mt corsa e Ragazzi di 800 mt corsa - 3 km MTB - 400 mt corsa. Parecchi i nomi nuovi, soprattutto tra i Giovani e i Giovanissimi. Tra gli atleti presenti, oltre ai lucani, tanti i portacolori delle principali squadre pugliesi di Taranto, Brindisi, Lecce e Bari. La vittoria maschile va a Salvatore Scarzia (38:15), che precede di soli 2" Mauro Imbriani (38:17); a seguire Ernesto Angelini, bronzo in 38:30. Trionfo in rosa per Daniela Fontanarosa (43:26), che stacca Sabrina Manco (44:41) e la più giovane Roberta Lanzillotti (45:20).

    RISULTATI

    Photo Credit: Giulio Carbone

  • Negli ultimi anni sono state sviluppate due grandi tipologie di bici, due modelli inizialmente molto diversi che hanno saputo adattarsi e diventare sempre più performanti e che in questo periodo rendono difficile la scelta da parte di chi deve decidere cosa acquistare: Mtb Full o Mtb Front?

  • La vista non è mai stata così precisa: #TheWorldNeedsYourVisionJulbo Occhiali asseconda la tua voglia di sterrato dandoti una marcia in più sull'offroad per corsa, trail running e MTB.Per un'estate sportiva, più speed e più light!
    Dove la vista del terreno deve essere chiara e precisa c'è #JulboEyewear a darti una mano: con lo sport nel DNA, il brand francese di occhialeria sportiva crea modelli da sole perfetti per le discipline outdoor orientate alla precisione e alla velocità come la corsa, il trail running e la MTB. Grazie al contributo feedback di grandi campioni e attraverso lo studio dei suoi designer, Julbo propone per la tua nuova stagione da amatore o professionista quanto di meglio si possa desiderare: protezione, comfort e leggerezza per la linea Speed primavera/estate 2017. Le montature di occhiali Julbo, dalle alte caratteristiche tecniche, leggere e ventilate, sono comode e garantiscono una buona copertura come le lenti offrono un'altrettanto eccellente protezione solare. JULBO AERO, ventilati, leggeri come l'aria e ammortizzati, sono pensati per i runner e i loro sforzi intensi, con lenti mono schermo per un ampio campo visivo e Zebra light, fotocromatiche e antiappannamento. JULBO AEROLITE, così leggeri da dimenticarsi di averli indosso, sono studiati per visi piccoli e per il pubblico femminile. Ispirati agli AERO e sempre disponibili con lenti Zebra light, li superano per leggerezza. JULBO DIRT 2.0, per gli amanti della MTB, associano ergonomia e comodità a un look deciso, per raggiungere performance di alto livello con la loro montatura più fine, le lenti curve a garantire un ampio campo visivo e gli inserti morbidi sul naso e sulle aste per una maggiore aderenza al viso anche sui terreni più irregolari.

  • "Oltre la sfida" - In3pid Triathlon Sprint MTB Offroad Varigotti, gara Regionale Agonistica a Finale Ligure, in provincia di Savona. Aspettare? Ne è valsa la pena. La gara, rinviata per allerta meteo, è stata baciata da un inspettato sole di metà novembre, che ha scaldato il clima e rasserenato non solo il cielo, ma anche il mare. Di 1000 metri la prima frazione in acqua libere e calme con uscita australiana a metà percorso, di 16 chilometri quella ciclistica, impegnativa ma ineguagliabile per i panorami sulla Riviera, e di quasi 7 per 200 metri di dislivello positivo quella a piedi, lungo il sentiero panoramico del Pellegrino con vista sull'antico porto della Baia dei Saraceni, fino a Varigotti attraverso il percorso del Balcone sul Mare. Vince Tommaso Gatti in 01:45:47, con Andrea Zanenga che lo segue a due minuti e mezzo (01:48:12) e Andrea Vellano (01:49:57). Prima donna è Irene Colombi in 02:17:02, argento per Francesca Annovazzi (02:41:39).

    RISULTATI

    Photo Credit

  • Dal 22 fino al 25 aprile l'Isola d'Elba è 4X4... X4 con la seconda edizione dell'Iron Tour Cross, unico evento offroad di triathlon cross country a tappe presentato in Europa con formula 4 gare in 4 giorni su 4 località diverse ma tutte in quel paradiso naturale perfetto per la MTB che è l'Isola d'Elba. Fulcro logistico della manifestazione il Comune di Capoliveri, ma anche il Bike Park di Monte Calamita.
    Sabato il Triathlon Olimpico Cross della prima tappa a Pareti di Capoliveri, gara valida come 1^ Prova del Circuito Cross federale e a maggior ragione per questo motivo con percorsi dalla elevate qualità tecnico-paesaggistiche: accanto alla classifica complessiva, premiazioni singole per ogni prova e sono Marcello Ugazio (01:49:25) ed Eleonora Peroncini (02:11:34) a vincere sulle distanze di 1 chilometro a nuoto, 25 in mountain bike e 8 in trail run. Partenza e arrivo sulla spiaggia per gli oltre 150 atleti alla volta della frazione swim nelle limpide acque del golfo prima di toccare terra e macinare chilometri lungo il tracciato tecnico e panoramico. Subito davanti il neoeletto campione italiano élite e under 23, Marcello Ugazio, con un ritmo davvero troppo proibitivo per gli sfidanti. Incrementa il vantaggio in sella, distanziando sempre più i diretti competitor, Fausto Fognini e Stefano Davite. Una marcia in più per Ugazio, che nel giorno del suo 21esimo compleanno conquista la vittoria in 1h49’25’’. Argento per Stefano Davite (01:55:22) e bronzo per il vicecampione italiano di triathlon cross Mattia de Paoli (01:55:49). Trionfo in rosa per Eleonora Peroncini, regina della gara con un tempo di 2h11’34’’. Dopo una partenza di studio Peroncini esce dall’acqua alle spalle di Greta Vettorana. Straordinaria la frazione mtb in 1h13’09’’ che la porta al comando della gara. Dietro di lei Marica Romano (02:20:10) e Marta Menditto (02:20:34).

    IronTourCrossTRiathlete
    Seconda tappa ieri, con il Triathlon Sprint Cross di Porto Azzurro: vincono sulle distanze di 750 metri a nuoto, 14 in MTB e 5 di trail run Mattia De Paoli e nuovamente Eleonora Peroncini. Il vicecampione italiano conquista così la seconda tappa dell’Iron Tour Cross, con un tempo di 1h07’22’’. Partendo dalla spiaggia del paese esce dall'acqua in 9’09’’, ma è in sella che si porta alla testa della gara. Al giro di boa viene tallonato da un ottimo Stefano Davite e i due affrontano in coppia a grande velocità le vie del borgo di mare tra scalinate in salita-discesa con trattorie davvero precise. Arrivano al traguardo a pochi secondi di distacco l'uno dall'altro, con Stefano Davite che a causa di una storta alla caviglia perde qualche istante prezioso (1h07'59''). Terzo Fausto Fognini (1h08'20''). Ancora dominatrice dell'Elba Eleonora Peroncini, 24esima assoluta in 1h19’11’’. Dietro di lei la giovane promessa Marta Meditto (1h21'33'') e Marica Romano (1h22'06'').

    IronCrossSprintTriathlete

    E poi al via con la terza tappa, quella del Triathlon Sprint Cross di Lido di Capoliveri sulle distanze di 750 metri a nuoto, 14 in MTB e 5 di trail run. Ancora una vittoria per Mattia De Paoli: subito davanti all’uscita dall’acqua, ha affrontato la frazione bike senza mai lasciare la testa della gara, distanziando i diretti avversari su percorsi di strada e off road. Spettacolare la frazione trail run lungo tutta la spiaggia di Capoliveri fino alla spettacolare “Grotta del Diavolo”. Mattia De Paoli ha tagliato il traguardo in 1h11’53’’ davanti a Filippo Rinaldi (1h13'38'') e Fausto Fognini (1h13'57''). Grande assente di giornata Stefano Davite, bloccato da un infortunio nella tappa di PortoAzzurro. Per le donne Eleonora Peroncini riconferma il suo incredibile primato chiudendo in 1h25’27’’, 23esima assoluta. Seconda e terza le junior Marta Menditto (1h27'10'') e Matilde Bolzan (1h28'48'').

    IronTourLidoTriathlete

    E oggi la quarta e ultima, quella del Triathlon Sprint Cross di Naregno - "Monte Calamita", nuovamente sulle distanze di 750 metri a nuoto, 14 in mtb e 5 di trail run. Vittoria in grande stile per Mattia De Paoli che ha conquistato il Monte Calamita in 1h17’33’’. Dopo una partenza mozzafiato nella Baia di Naregno e la scalinata della frazione bike, il gruppo è risalito lungo le pendici del Monte raggiungendo la T2. Sempre al comando, De Paoli ha imposto il suo ritmo. Dietro di lui, il gruppo con Fognini, PanzaVolta, Figini, Lunghi e Kindel a pochi secondi l'uno dall'altro. Il trail run (5Km) sulla vetta ha confermato la vittoria di Mattia De Paoli, secondo Fausto Fognini (1h19'17'') e Marco PanzaVolta (1h19'58''). Riconferma di Eleonora Peroncini in 1h32’06’’, che piazza la quarta vittoria consecutiva in quattro tappe. Dietro di lei la junior Marta Menditto (1h34'12'') e Marica Romano (1h35'37'').

    IronTourNaregnoTriathlete

    RISULTATI 1^ TAPPA
    RISULTATI 2^ TAPPA
    RISULTATI 3^ TAPPA
    RISULTATI 4^ TAPPA 

  • XTERRA European Tour Triathlon Cross, a Malta "grassa" la prima": mentre la stagione mondiale è partita già lo scorso febbraio in Sud Africa, il tour continentale si è ufficialmente aperto con la gara di Malta dello scorso weekend.

    Scenografico come sempre, il circuito XTERRA che a fine stagione culmina nel paradiso hawaiano di Maui non poteva che scegliere per la prima tappa del tour europeo una meta all'altezza come Malta e la sua affascinante riserva naturale Majjistral, nel nord ovest dell'isola. Triathlon cross tra MTB e corsa offroad: la filosofia con cui XTERRA abbraccia la triplice ti sporca di fango facendoti divertire come un bambino, ma non senza le difficoltà che solo i "più grandi" possono superare. Il World Tour, suddiviso in Tour continentali, propone 43 appuntamenti per gli specialisti del fuoristrada e culminerà il 29 ottobre alle Hawaii proprio come il circuito IRONMAN. 16, invece, le tappe del Tour europeo che si chiuderà il 3 settembre in occasione del Campionato Europeo nell’isola danese di Mons Klint, non senza prima mandare in scena la gara italiana di Scanno. E da quest'anno ci saranno più possibilità per l'ambita slot per la finale grazie all'introduzione di nuove categorie. 42 gli italiani all'appello domenica a Malta, di cui 2 le donne, Maria Nanes (03:58:49) e Marta Menditto, l'elite a capo della spedizione, poi 1^ azzurra al traguardo (02:59:01). Ancora una volta oro di giornata sulla distanza full per lo spagnolo Roger Serrano (02:06:44), argento per il tedesco Maximilian Sasserath (02:10:11), bronzo per il francese Francois Carloni (02:11:11). Per la seconda volta qui prima donna al traguardo l'ungherese Brigitta Poor (02:25:01), dopo di lei la ceca Helena Erbenova (02:28:44) e la britannica Nicole Walters (02:37:31). Virtuale podio azzurro per Luca Molteni, 18° in 02:23:46; dopo di lui, da segnalare la vittoria di categoria di Andrea Giuseppe Zanenga, 19° assoluto (02:23:53) e già avvezzo alle emozioni da slot. Terzo azzurro in classifica Mattia Torraco, 33° in 02:32:41. Vittoria assoluta sulla distanza sprint per Alessandro Bonalumi (01:19:33), di solito lunghista ma che per questa volta ha scelto la prova corta su di un unico giro per ogni frazione.

    XTERRA European Tour

    2-Apr Malta Majjistral Nature Reserve 
    23-Apr Cipro Ciro Lara Beach/Akamas, Paphos 
    30-Apr Grecia Vouliagmeni 
    14-May Spagna Taragonna 
    27-May Portogallo Golega 
    10-Jun Belgio Namur 
    18-Jun Finlandia Imatra 
    24-Jun Svizzera Vallee de Joux 
    2-Jul Francia Xonrupt 
    30-Jul Italia Scanno, Abruzzo, Italy 
    5-Aug Norvegia Norefjell 
    13-Aug Polonia Krakow 
    19-Aug Germania Zittau 
    26-Aug Svezia Hammarbybacken, Stockholm 
    3-Sep Danimarca European Championship Mons Klint 
    29-Oct World Championship Kapalua, Maui 

    RISULTATI

    Photo Credit