Tutto quello che… a gennaio-febbraio 2020

Tutto quello che… a gennaio-febbraio 2020

29 Dicembre, 2019

Eccoci qui con il primo numero del nuovo anno con la superclassifica, la ormai nota Finish Line con tutti i nomi degli italiani che hanno traguardato la linea dell’arrivo di una gara 70.3 logata Ironman (da pag. 48)

Ora, questi mesi invernali sono fondamentali per programmare e affrontare la prossima stagione agonistica senza però esagerare per non cadere nell’overtraining, tema trattato da Simone Diamantini (pag. 32). Proseguiamo con Giorgio Rondelli (pag. 34) e i suoi consigli per preparare una 42 chilometri all’interno di una long distance, ben diverso da come fare in caso di maratona a secco. Con Luca Gozzi impariamo ad allenare la resistenza aerobica nel nuoto e con Andrea Gabba (pag. 38) si disquisisce sull’utilità dei training camp invernale. Data la fredda stagione, ecco che Alberto Schivardi tratta dell’allenamento indoor della bici, specie per i neofiti; con Giacomo Giovenali (pag. 42) si parla di come migliorare la prestazione potenziando la mobilità articolare e con Stefano Davite e Massimo Galletti (pag. 44) si affronta il concetto di equilibrio nei tre segmenti del cross. Si conclude il blocco allenamento con Diego Novella (pag. 46) che ci consiglia in quali modi si può migliorare le frazioni nuoto nello swimrun. Resoconto di gare (pag. 78) e aspettando Chia Sport Week (pag. 82) per mettere in atto i sopracitati consigli. L’intervista flash di questo mese (pag. 16) è per Giorgio Malan, giovanissimo atleta che approda al triathlon provenendo non da una o due discipline, bensì da cinque: quelle del pentathlon moderno. Luca Speciani (pag. 72), per quanto riguarda l’alimentazione, tratta l’argomento di sport e diabete, proprio perché sempre di più sono gli atleti con questa patologia che si affacciano al nostro mondo. Strappo muscolare per fisioterapia (pag. 76) e tra appoggio e drop (pag. 74) per medicina sono gli argomenti del mese. Una curiosità in questo numero: sport ed eco-sostenibilità. Greta Thunberg ha scosso le coscienze e il mondo dello sport risponde. A pag. 86 troverete le tante iniziative di aziende, eventi e campioni, come anche il nostro Alessandro Fabian e la sua Elements Fury. Di che cosa si tratta? Non vi resta che leggere.

Scopri di più sul numero di gennaio-febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

Articoli correlati

Cadenza di pedalata, quante rivoluzioni in un minuto?

21 Gennaio, 2022

Come allenarla Sprint in agilità Variazioni Ripetute Allenamenti specifici per la forza La frequenza (detta anche cadenza) di pedalata è un fattore importante, che va a influenzare la resa, l’efficienza e la performance di un triatleta durante la frazione ciclistica e nella successiva prova di corsa. Scrive al riguardo Andrea Gabba In base alla velocità e alla forza con cui noi spingiamo […]

Road to Cervia, la quarta tappa del viaggio

04 Luglio, 2021

Un approfondimento dedicato al picco della preparazione per l’Ironman Italy: un periodo di quattro settimane da inserire in tabella prima della fase finale della programmazione e caratterizzato dal carico di lavoro più alto. I consigli di Andrea Gabba sul nuovo Triathlete