Pulizie invernali, come prendersi cura della mtb

Pulizie invernali, come prendersi cura della mtb

16 Dicembre, 2020

Le chiamavano pulizia di primavera, ma se è della mtb che parliamo, iniziano mesi prima: Tommaso d’Annunzio ci spiega come prendercene cura

Durante la stagione invernale, sono tanti i triatleti che preferiscono uscire con la Mtb, per evitare di prendere freddo e, soprattutto, a causa delle strade ghiacciate o bagnate. Sono bici decisamente rocciose e resistenti le moderne sorelle del “rampichino” (le prime Mtb, nda); ovviamente, però, necessitano di manutenzione e, in modo particolare, di lavaggi. Non solo una funzione estetica, ma anche un modo di poter controllare sempre il telaio e la componentistica, agevolandone la funzionalità. Quello che sembra un momento poco divertente deve e può diventare un atto di grande amore per la propria bici, identificando piccoli rumori o scheggiature sulla vernice.

Strumenti necessari

Vanno usati prodotti specifici per la pulizia della trasmissione perché, in questo caso, parliamo anche di mozzo posteriore e di movimento centrale; ancora troppo diffusa l’abitudine di usare solventi come petrolio bianco, benzina e gasolio che, nonostante portino visivamente allo stesso risultato, in realtà possono a lungo andare deteriorare e corrodere le parti meccaniche e del telaio; qui di seguito ecco una lista di materiali idonei a questo tipo di operazione:

  • solventi specifici per la catena e per le altre parti del telaio;
  • spazzola a setole dure per le ruote e per i cerchi;
  • pennelli di varia durezza e misura;
  • puliscicatena;
  • spugna e sapone;
  • acqua a bassa pressione.

L’asciugatura

Un getto d’aria a pressione rivolto nella direzione giusta sarebbe la corretta modalità. L’aria, infatti, non deve mai essere diretta in modo da spingere le gocce d’acqua verso parapolvere e guarnizioni. In mancanza di un compressore, va benissimo anche un panno di microfibra.

Lubrificazione

Subito dopo la pulizia, la catena va asciugata con attenzione e, poi, lubrificata. Se la bici rimanesse ferma per una settimana, non sarebbe strano che presentasse tracce di ruggine sulla catena. Se si lubrifica con cura la catena subito dopo il lavaggio, si evita questo inconveniente e si dà modo all’olio di raggiungere le parti che richiedono realmente la lubrificazione.

Se abito in un condominio

Portatela a un impianto di lavaggio auto self-service, facendo attenzione a tenere lontano dalla bici il getto d’acqua. Questa è una soluzione per rimuovere lo sporco più grosso, ma non lava la bici. Un’alternativa è il negozio di bici che spesso offre anche il servizio di lavaggio. Costa qualche soldo ma, se ben fatto, prevede anche la lubrificazione. La bici così è pronta a ripartire.

Foto: ITU.

Articoli correlati

Salite in mtb: questione di tecnica

15 Giugno, 2022

Le ascese con le ruote grasse nel triathlon off road necessitano di allenamento, di tecnica e di tanta esperienza, così da saper “leggere” il terreno. Vediamo in particolare come affrontare le salite in mtb. Nella specialità della triplice off-road è sempre la salita a farla da padrona, risulta quindi di importanzafondamentale affrontarla sia in mtb […]

Come e perché allenare i glutei per il triathlon

28 Febbraio, 2022

Nel triathlon ci vuole… gluteo (specie nella bici e nella corsa) Allenare i glutei per il triathlon è fondamentale. Questo gruppo muscolare, composto da un insieme di tre muscoli (il piccolo, il medio e il grande gluteo) riveste un ruolo importante per la prestazione. In particolare nella bici e nella corsa.

Da 0 a… 100 km in bici

31 Gennaio, 2022

(Alberto Duilio Schivardi) La famigerata distanza dei 100 km in bici tanto affascina quanto spaventa. Si, perché è il numero tondo che inizia ad avere 3 cifre e quindi è sinonimo di fatica, sudore e tempo dedicato. Un po’ come le Colonne d’Ercole… fino agli 80 km tutto è fattibile, conosciuto, ma poi? 100 km […]