• "Record dell'ora", Angelica Olmo spacca il secondo a Mooloolaba: con un tempo di 1:00:00 è di bronzo in Australia, al suo primo podio in World Cup

  • Nei Paesi Bassi sul gradino più alto del podio: gigante la nostra Angelica Olmo, oro in ETU Cup a Weert, in Olanda. Di seguito tutti i piazzamenti azzurri.
    Angelica Olmo, determinata ed efficace, centra l'oro all'esordio di stagione vincendo la prova di Coppa Europa di Triathlon svoltasi a Weert, in Olanda, con un tempo di 02:05:19. Gara in attacco per lei, gestita sempre davanti con nuoto e bici in controllo e una corsa con cui ha fatto subito il vuoto. Preziosa la collaborazione di Sharon Spimi che, uscita in testa dall'acqua, ha tirato molto durante la frazione bike; peccato per una caduta all'entrata in zona cambio che le ha fatto perdere tempo prezioso. 8° posto per lei (02:11:48) alla prima uscita europea e a poco più di un anno dal suo esordio nel Triathlon. Proseguendo in classifica, troviamo Elisa Marcon al 12° posto (02:18:11), Giulio Soldati al 14° (01:53:05), Dario Chitti al 19° (01:53:23), Stefano Rigoni al 29° (01:55:07) e Alessio Fioravanti al 33° (01:56:49). Completano il podio femminile la britannica Jenny Manners (02:06:15) e la francese Sandra Dodet (02:06:31). Firma il podio maschile il britannico Calum Johnson (01:50:49), seguito dai francesi Maxime Hueber-Moosbrugger (01:51:04) e Nathan Guerbeur (01:51:16).

    RISULTATI

  • Oltre al corposo e interessante blocco allenamento, tanti i suggerimenti del nostro medico Luca De Ponti che tratta l’argomento running e crescita, con un focus sulla maggiore capacità formativa della multidisciplinarietà

  • Cartoline e medaglie dall'Estonia: Oro per Angelica Olmo e Bronzo per Matthias Steinwandter nell'ETU Cup Triathlon Sprint di Tartu
    Oro per Angelica Olmo e Bronzo per Matthias Steinwandter, che ritrova il podio in Coppa Europa a Tartu dopo la vittoria del 2016. Top ten per Lisa Schanung, 6^ in 01:03:55, e Federica Parodi, 9^ in 01:04:33, e per Luca Facchinetti e Delian Stateff al suo rientro alle gare internazionali, rispettivamente 7° in 00:55:47 e 9° in 00:55:57. Eccellente performance per la Olmo, baciata dal sole estone di Taru: dopo un buon nuoto, cerca subito le prime posizioni collaborando poi con le altre in bici. In 5 davanti dopo la T2 e con circa 1 minuto su tutte le altre, il podio si è deciso a 400 metri dall'arrivo con una volata di Angelica Olmo (01:01:48), che ha retto al tentativo di recupero della statunitense Chelsea Sodaro (01:01:54), superata poi dall'inglese Chloe Cook (01:01:53), quest'ultima giunta seconda alle spalle della nostra Azzurra al secondo Oro in ETU Cup dopo quello olandese di Weert. Chiude 22^ Francesca Ferlazzo (01:07:44).

    Olmoest

    Molto combattuta e tirata fino alla fine la gara maschile. Un grosso gruppo è sceso dalla frazione di bici e uscito dalla T2, tre italiani tra i primi dieci - Matthias Steinwandter, Facchinetti e Stateff: negli ultimi due chilometri di corsa, l'altoatesino ha attaccato ed è riuscito a conquistare la terza posizione in 00:55:35 alle spalle del vincitore, il tedesco Valentin Wernz (00:55:32), e del secondo al traguardo, il britannico Calum Johnson (00:55:34).  20° Alessio Fioravanti (00:56:56), 28° Giulio Soldati (00:57:22), 32° Nicola Azzano (00:58:03), 50° Michele Bonacina (01:02:33).

    Stein

    RISULTATI

  • Un calendario gare particolarmente anticipato per questo 2018; già assegnati i titoli nazionali del duathlon, i nostri azzurri girano il mondo portando a casa risultati discreti, con Angelica Olmo protagonista scoppiettante al suo esordio

  • Luglio, mese caldo sia per le temperature sia per la stagione agonistica. Ed ecco che per mantenere lo stato di forma per le competizioni programmate ci sono i consigli dei nostri tecnici, con il supporto di suggerimenti medici e fisioterapici in caso di necessità

  • 2017 Sharm El Sheikh ATU Sprint Triathlon African Cup e Pan Arab Championships, il Mar Rosso si tinge d'azzurro con Priarone, Olmo, Steinwandter & Co.
    Successo azzurro sul Mar Rosso con una doppietta argento e bronzo femminile e un terzo posto maschile alla gara internazionale ITU di Coppa d'Africa e Campionati Arabi su distanza sprint a Sharm El Sheikh (Egitto). Giorgia Priarone è seconda (01:08:36) dietro alla russa Elena Danilova, oro in 01:08:21. Chiude il podio elite Angelica Olmo con un tempo di 01:09:11. Giulia Sforza è 6^ assoluta (01:11:20). Matthias Steinwandter vince il bronzo in 01:01:37 nella prova dominata dal russo Vladimir Turbayevskiy (01:01:26), con l'ungherese Laszlo Tarnai (01:01:30) a precederlo. Top ten per gli altri azzurri presenti: 6° posto per Riccardo Mosso (01:02:13) e 7° per Massimo De Ponti (01:02:19). Nicola Azzano e Marco Corrà si sono classificati rispettivamente 12esimo (01:02:50) e 16esimo (01:03:25).

    RISULTATI

  • Verena Steinhauser 5^ e Massimo De Ponti 6° in Coppa del Mondo nella prova a Tongyeong, Sud Corea, vinta dal francese Aurelien Raphael e dalla statunitense Summer Cook. Angelica Olmo 11^ e Gregory Barnaby 16°, a seguire tutti i piazzamenti degli italiani

  • Alice Betto rimane agganciata alla Duffy e lotta, batte atlete titolate come la Kasper e la Ueda, e va sul podio a Leeds in Gran Bretagna nella quarta tappa delle ITU World Triathlon Series conquistando un terzo posto* che ha il sapore della felicità e che butta tra i ricordi un lungo infortunio superato con forza e caparbietà come solo i campioni sanno fare.
    Al podio della Betto si accompagna quello della Olmo, che a Weert, in Olanda, vince in Coppa Europa. Successi che rinsaldano anche le prossime e future speranze azzurre con un occhio attento alla staffetta mista che il CIO ha inserito nel programma olimpico di Tokyo 2020.**

    *miglior prestazione italiana di tutti i tempi in Coppa del Mondo

    Itu World Leeds
    Classifica femminile
    1. Flora Duffy BER 1.57.02
    2. Taylor Spivey USA 1.58.32
    3. Alice Betto ITA 1.59.36

    Classifica maschile
    1. Alistair Bronwnlee GBR 1.46.51
    2. Jonathan Bronwnlee GBR 1.47.03
    3. Fernando Alarza ESP 1.47.28

    Olimpiadi
    **Nel programma Olimpico di Tokyo 2020 sono state inserite tre staffette miste: Triathlon (4x30.8.2) Atletica (4x400) e nuoto

    Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Il triathlon italiano del 2018 forse sarà rosa. Il merito, tanto per essere ton sur ton, sarà delle nostre donne con Alice Betto in primis che, elegante e felice, ha ricevuto il premio Gianni Brera

  • Delian Stateff, vincendo a Cagliari la tappa italiana dell’Itu Triathlon World Cup, ha fatto bingo. Molto per suo merito, ma anche perché le vie del destino, a volte, fatalmente si incrociano

  • Oltre al corposo e interessante blocco allenamento (pag. 76), tanti i suggerimenti del nostro medico Luca De Ponti (pag. 58), che tratta l’argomento running e crescita, con un focus sulla maggiore capacità formativa della multidisciplinarietà

  • È un nuovo, nuovissimo mondo quello esplorato da Angelica Olmo: un mondo in cui l'azzurro batte gli altri colori con la grinta di un All Blacks. Un mondo in cui l'Italia delle donne vince una tappa di World Cup. Implac(c)abile. Fino alla meta

  • World Cup New Plymouth, dominio dell'australiano Declan Wilson e della statunitense Kirsten Kasper. Un nuovo tassello per la stagione di Angelica Olmo, che chiude 7^. Prima top ten per Gregory Barnaby

  • WTS Abu Dhabi, la trasferta azzurra della prima tappa di World Triathlon Series si conclude con un gran bel sesto posto nella Mixed Relay vinta dal team australiano