Spazio aperto
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Io le mie le chiamo in tre modi: triathlon, Francesco e BMC Dexter. Il triathlon è stato come quel colpo di fulmine che si prova quando vedi una donna per la prima volta in mezzo alla folla e che credi di conoscere da una vita; Francesco è il nome di mio figlio, che ho visto da piccolo piccolo crescere accanto a me e che, di pari passo, fa crescere in me l’amore nei suoi confronti, per quel bimbo che diventerà un giorno un uomo. C’è poi Dexter, la mia bici: di lei mi sono innamorato la prima volta che l’ho vista sulle pagine di questa rivista e ho sognato di farci il mio primo Ironman. Arrivo dallo sport, agonismo del nuoto, storia comune a tanti ragazzi della mia età quando la playstation non era ancora nata e lo sport era l’unica attività che ci era permessa, perciò giù a fare chilometri. Poi, una volta cresciuto, la vita mi abbaglia con le sue luci che un po’ mi confonde e tendo a perdermi; lascio lo sport e inizio a lavorare ma dopo, per gli strani giri della vita e quasi per caso, ho fatto dello sport la mia vita e il mio lavoro: corono il sogno di aprire una palestra nel mio paese. La seguo, ci metto il sangue, funziona, ne sono contento. Ma lo sport per me non è pesi e super serie, ed ecco che un giorno appendono nella bacheca la pubblicità di una gara sprint in provincia di Torino. Via, di getto mi iscrivo, cosa vuoi che sia uno sprint? Correre corro, nuotare nuoto e andare in bici lo faccio spesso. Preparazione sommaria, faccio la gara e la finisco in modo decoroso ma nulla di che: corro quei 5 km come fossero gli ultimi di una maratona.

Come una folgorazione

Una fatica che scoppia arrivato a casa sul divano, il cuore che impazza… un po’ perché stanco per uno sforzo che non prevedevo, un po’ perché ho scoperto una passione! Cerco sul sito la prossima gara, sono stato folgorato. E via altri sprint e un olimpico, chiudo la mia prima stagione così, il 2014. A ottobre di quello stesso anno decido per un 70.3, quello di St. Pölten. Mi iscrivo, pago, ormai è fatta, non mi posso più tirare indietro. Sono orgoglioso e ho tutti i peggiori difetti di ogni sportivo che si rispetti. Sono mesi intensi, mi alleno a sensazione, a tappe, a piccoli traguardi, cercando sempre il mio limite; scarico tabelle da Internet, mi documento, spingo, allungo i km, faccio mezze maratone.

Affascinante giostra

L’ho presa seriamente, arriva il giorno, parto, arrivo nel paradiso austriaco ed entro in questa “giostra” affascinante fatta di stand, di gente festosa, di pasta party. La tensione la scarico facendo il turista: per un giorno esco dal clima di gara, mi isolo. Ma il fatidico giorno arriva, mi sveglia l’acqua gelata del lago, da lì è tutto un susseguirsi di emozioni. Non sono un uomo che si emoziona facilmente, nella vita mi emoziona mio figlio e poco altro, ma rimarrà vivida la sensazione delle lacrime in gola arrivate al 1° km di corsa, quando ti senti “sul pezzo”, senti di far parte di quella meravigliosa giostra, ti senti vivo: 21 km finali fatti senza crisi se non quelle emotive, ma per quelle ci sono i miei fidi occhiali da gara a mascherare il tutto. Traguardo raggiunto nel tempo che mi ero prefissato. Dopo un’esperienza così non ci si ferma più, si spostano i propri limiti sempre più avanti. Klaghenfurt 26 giugno 2016: ci sarò, io e i miei fidi occhiali a mascherare le emozioni, perché il triathlon è fatica e la fatica genera emozioni che fanno sentire vivi. Grazie a questo mondo che sento un po’ più mio.