Finish Line
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Al Lido di Altanea di Caorle (Venezia) non solo i Campionati italiani individuali assoluti, Under 23 e Junior della duplice disciplina, oltre a quelli di squadra, ma anche i titoli Paraduathlon

Oltre 450 gli atleti al via della rassegna organizzata da Silca Ultralite Vittorio Veneto, con il supporto di Comune e di Fondazione Caorle Città dello Sport. Tra questi, tanti i paraduatleti a mettersi in gioco, i primi a prendere il via nella giornata di domenica: una trentina oltre alle guide (nel caso di atleti con disabilità visiva). Gli applausi più calorosi sono stati per loro che, con grande coraggio e grande forza di volontà ci dimostrano che i limiti stanno, molte volte, solo nella mente. Atleti che hanno storie di vita difficili, ma non per questo hanno smesso di lottare più che per le medaglie (e il palmares di alcuni di loro è decisamente ricco, anche di podi a Cinque Cerchi) per migliorare se stessi.
Tra gli azzurri più attesi, sicuramente Veronica Yoko Plebani, già bronzo europeo e quarta ai mondiali, Giovanni Achenza, che alla paralimpiadi di Rio 2016 ha vinto il bronzo nella gara sprint a cronometro e Rita Cuccuru, nel 2014 già di bronzo ai mondiali di paratriathlon. Ben undici gli allori assegnati.

“Un bellissimo circuito questo di Caorle, un po’ difficoltoso in alcune parti per noi, viste le curve, ma stimolante – commenta l’azzurro Giovanni Achenza - sono abbastanza soddisfatto della mia gara, poi controlleremo i tempi con l’allenatore. Ora punto dritto alle Paralimpiadi, che a causa della pandemia sono state spostate al prossimo anno”.

La mascotte del gruppo, Veronica Yoko Plebani, ha tagliato il traguardo, come al suo solito, con un bellissimo sorriso. “È sempre bello gareggiare insieme ai normodotati, perché siamo entrambi motivo di stimolo gli uni per gli altri – dice la giovane – gareggiare poi per il tricolore è ancor più entusiasmante. Per me competere nel duathlon è una sfida di per sé, nel senso che sicuramente la corsa è la frazione che mi è più ostica, ma tento sempre di migliorarmi”.

Categoria PTWC

Domina Giovanni Achenza (Fiamme Azzurre), che chiude davanti a Pier Alberto Buccoliero (Firenze Triathlon):
Vittoria femminile per Rita Cuccuru (Woman Triathlon).

Categoria PTS2

Vincono Veronica Yoko Plebani (707) e Alessandro Carvani Minetti (Raschiani Triathlon Pavese), davanti a Michele Ferrarin (Verona Triathlon Km) e Andrea Miniati (Freestyle Triathlon).

Categoria PTS3

Titolo per Nicola Azara (Tri Nuoro).

Categoria PTS4

Maglie tricolori per Fabiola Lampasona (Team Ladispoli Triathlon) e Marco Turato (Padova Triathlon), davanti a Gianluca Cacciamano (Team Ladispoli Triathlon).

Categoria PTS5

Titoli per Azzurra Carancini (Team Ladispoli Triathlon) e Mauro Gava (Tri Team Pordenone), seguito da Francesco Demaio (Oasi Laura Vicuna) e Cristian Cucco (Ermes Campania).

Categoria PTVI

Podio per Loris Cappanna (Cesena Triathlon), Federico Sicura (Zero Trenta Triathlon) e Cristiano Carnevale (Treviso Tri).

Categoria PTM2

Vince Myrta Pace (CUS Parma).