Mondiali di staffetta mista (di nuovo) alla Francia. Per l’Italia il 12° posto

Mondiali di staffetta mista (di nuovo) alla Francia. Per l’Italia il 12° posto

08 Luglio, 2019

Mondiali Mixed Relay, vince ancora una volta il titolo il team francese. E l’Italia chiude al 12° posto

Vittoria ad Amburgo nella prova di staffetta mista per formazione francese di Emilie Morier, Leo Bergere, Cassandre Beaugrand e Vincent Luis sulle distanze di 300 metri di nuoto, 7 chilometri di ciclismo, 1,7 chilometri di corsa. Seguono i tedeschi Laura Lindemann, Valentin Wernz, Nina Eim, Justus Nieschlag e gli australiani Natalie Van Coevorden, Aaron Royle, Emma Jeffcoat, Jacob Birtwhistle. Gli azzurri chiudono al 12° posto: per noi in gara, Verena Steinhauser (G.S. Fiamme Oro), Gregory Barnaby (707), Anna Maria Mazzetti (G.S. Fiamme Oro) e Davide Uccellari (G.S. Fiamme Azzurre).

Così la gara

2019 Hamburg ITU Triathlon Mixed Relay World Championships, subito davanti ci sono Belgio e Spagna; Verena Steinhauser è 13^ in zona cambio. In testa pedalano Godoy, Lindemann, Van Coevorden e Barthelemy; a una decina di secondi la Spivey con altre due atlete; a seguire, con 20 secondi di distacco, il gruppo con l’azzurra. Più indietro Gran Bretagna e Svizzera. Le inseguitrici si compattano e al secondo cambio sono in sette, con Verena 9^ all’inizio della fase run, a 17 secondi dalle leader. Prima al cambio la Lindemann in solitaria, davanti a Olanda, Spagna, Belgio, Australia e Usa, con l’Italia decima a 37 secondi dalla testa. Comanda ora il tedesco Weintz; prima gli otto inseguitori si ricompattano, con Gregory Barnaby che mantiene la posizione, poi il fronte di testa aumenta e davanti sono ora in nove con Germania, Francia, Belgio, Canada, Australia, Spagna, Nuova Zelanda, Olanda e Usa. Il nostro azzurro segue a 40 secondi, mentre Hemming perde il contatto con i leader e Bergere con Van Riel aumentano il passo: conducono ora Belgio e Francia, poi Nuova Zelanda, Australia e Canada. L’italiano rientra sullo statunitense e dà il cambio in nona posizione. Di nuovo spazio alle donne e a giocarsi il podio sono in sette: Francia, Germania, Australia, Usa, Canada, Nuova Zelanda, Spagna e Belgio. Anna Maria Mazzetti è 11^: la superano Zaferes e Taylor-Brown, con Usa e Gran Bretagna che ritornano tra le prime dieci squadre. Il testimone francese passa da Beaugrand a Luis; a seguire il francese c’è il Belgio, la Germania e la Nuova Zelanda. Cambio per l’Italia di Davide Uccellari in 11^ posizione. Dopo la prima frazione in testa ci sono Luis e Nieschlag, con 20 secondi di vantaggio sugli inseguitori: a giocarsi il metallo più prezioso ormai sono loro due mentre al bronzo ambiscono ancora in quattro. Luis è primo sul traguardo, con la sua Francia che mantiene il titolo iridato (01:20:18). L’argento è per la Germania (01:20:22) mentre Birtwhistle, dopo la vittoria nella prova individuale, la spunta nella volata per il bronzo, che va all’Australia (01:23:17). L’Italia chiude al 12° posto (01:23:17). Qui tutti i RISULTATI.

Foto: ITU.

Articoli correlati

World Cup di Arzachena, bronzo per Verena Steinhauser

30 Maggio, 2021

C’è un body azzurro sul podio della World Cup di Arzachena, si tratta di Verena Steinhauser che conquista un ottimo terzo posto confermando il podio dell’edizione 2020. Al maschile ritorno alla vittoria per il medagliato olimpico Jonathan Brownlee (Gbr) davanti a Adrien Briffod (Sui) e ad un ritrovato Mario Mola (Esp). 

Advertisement Advertisement