TuttoTriathlon
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Se la fatica “ci mette in ginocchio”, tanto vale portare l’anello…

Questa è la storia di Giuseppe e Barbara, uniti, è il caso di dirlo, nel sacro vincolo del maTRImonio.
Quando Giuseppe Potalivo, trentacinquenne di Conegliano Veneto, si avvicina per la prima volta alla triplice è il 2007, e con Barbara si inizia subito a scherzare sul fatto che, terminato il primo lunghissimo, ci si potrebbe proprio sposare. Trascorre del tempo e arriva il tanto atteso e allenato esordio sulla distanza Im. È il 2010 e il percorso austriaco di Klagenfurt è lì che sta aspettando.

Un gioiello in zona cambio

La zona cambio, sempre così ben sorvegliata, è di certo il luogo perfetto per lasciare al sicuro il proprio “gioiello”… Ma quale bici, che avete capito?!, stiamo parlando dell’anello di fidanzamento per Barbara! Nascosto meticolosamente nella sacca run, Beppe, dopo l’ultimo cambio, lo porterà con sé per tutta la maratona. Fino all’arrivo, quando passerà il traguardo con lei, la propria amata, per mano, come fanno in tanti. Più originale degli altri, però, riconosciamogli il merito, scegliendo proprio quel preciso momento per la fatidica proposta: accostati a un angolino per non monopolizzare la scena, ecco che le porge l’anello.
Una sorpresa, sì, ma vogliamo parlare del parallelo piano di lei? Mai scherzare con una donna in fatto di nozze: Barbara, infatti, quella vecchia battuta non l’aveva dimenticata. All’arrivo in camera nel post gara aveva previsto uno striscione con un invito per Beppe a mantenere la parola data. Battuta sul tempo la ragazza. Questa consacrazione di finisher è stata, comunque, solo l’inizio.
Sposi il 10 settembre 2011, tante altre gare hanno affrontano Giuseppe e Barbara insieme, così nello sport come nella vita.
Ma la slot più bella è quella conquistata nel 2012, quando arriva il piccolo Simone. Un salvadanaio tutto per lui raccoglie con lungimiranza i soldini per il suo primo bolide: “Pro bici Simone” recita la scritta. In carbonio, sia chiaro! Per mamma Barbara è necessario avere un polso di ferro… con due IRONman in famiglia! ?