Risultati
Tools
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Russi campioni del mondo di winter triathlon ad Asiago, ma il titolo Under 23 va a Franco Pesavento. Giuseppe Lamastra 4° e Sandra Mairhofer 5^

2020 Asiago ITU Winter Triathlon World Championships, prima giornata della rassegna iridata al Centro Fondo Campolongo all'insegna dei russi, con Daria Ragozina e Pavel Andreev campioni del mondo di specialità. Ma tra gli Under 23 è il nostro Franco Pesavento ad aver la meglio.

Così le donne Elite e Under 23

Tra le donne è tripletta russa con il secondo titolo iridato consecutivo per Daria Ragozina (01:32:22), seguita al traguardo dalle connazionali Anna Medvedeva (01:33:10) e Yulia Surikova (01:34:01).
Giù dal podio un'altra russa, Svetlana Sokolova (01:34:27), che domina la classifica Under 23.
Quinto posto per l'azzurra Sandra Mairhofer del Granbike Triathlon (01:37:31), da poco laureatasi campionessa italiana e capace di chiudere solidamente una prova mondiale, quella di Asiago, dai tracciati piuttosto impegnativi. Qui tutti i RISULTATI Elite.
Completano il podio Under 23 la rumena Maria Luiza Rasina (01:39:18), 8^ in classifica generale, e la russa Nadezhda Belkina (01:41:01), 10^.
Qui tutti i RISULTATI Under 23.

Così gli uomini Elite e Under 23

Russia al comando anche tra gli uomini, con un nuovo titolo mondiale per Pavel Andreev (01:17:25), già dominatore ad Asiago nel 2019. Lo segue il ceco Marek Rauchfuss (01:17:32), fortissimo sulle ruote chiodate, e il russo Dmitriy Bregeda (01:17:58). A meno di un minuto dal podio Giuseppe Lamastra del Trisports.it Team, 4° in 01:18:46. Segue il russo Pavel Yakimov (01:19:25), al 5° posto. Qui tutti i RISULTATI Elite.
Sesto in classifica generale, Franco Pesavento del Thermae Sport vince il titolo Under 23 con un tempo di 01:19:48, seguito dal russo Evgenii Evgrafov (01:20:50), 10°, e dallo slovacco Mario Kosut, 18° in 01:24:45. Qui tutti i RISULTATI Under 23.
Di seguito i risultati degli altri azzurri in gara: Daniel Antonioli del C.S. Esercito è 9° in (01:20:04), Alessandro Saravalle del Trisports.it è 16° in 01:23:52 e Mattia Tanara del KM Sport è 22° in 01:26:33, al 5° posto tra gli Under 23.

84802676 10160417122449572 3754290377255813120 o

Così gli Juniores

Titolo juniores per il norvegese Casper Rønning (00:44:18), seguito dai russi Yaroslav Kurilenok (00:44:56) e Danila Egorov (00:45:39). Qui tutti i RISULTATI maschili.
Tra le donne è doppietta slovacca con Zuzana Michalickova (00:48:45) e Margareta Bicanova (00:49:12); bronzo per la russa Polina Sadovaia (00:53:00). Seguono al quarto posto la russa Milena Andreeva (00:54:17) e al 5° Gaia Tormena del Trisports.it Team (00:56:45). Qui tutti i RISULTATI femminili.

Programma

Appuntamento domani, domenica 8 febbraio, con le Mixed Relay. In gara per noi tra gli Elite, Sandra Mairhofer e Giuseppe Lamastra, mentre tra gli Junior Gaia Tormena e Pietro Santini.

Sabato 8 febbraio

19:00 Briefing Age Group/Paratriathlon

Domenica 9 febbraio

09:15 Mixed Relay Elite Winter Triathlon World Championships
09:17 Mixed Relay Junior Winter Triathlon World Championships
10:30 Premiazioni Mixed Relay
11:00 Gara Age Group UOMINI Winter Triathlon World Championships
11:05 Gara Age Group DONNE Winter Triathlon World Championships
11:10 Gara Para Winter Triathlon World Championships
16:30 Premiazioni AG/Paratriathlon
19:00 Winter Triathlon After Party

Distanze di gara (corsa, MTB, sci di fondo)

Elite ‐ Under 23: 7,20 km, 12,00 km, 10,40 km
Junior: 3,60 km, 6,00 km, 5,20 km
PTS2, PTS3, PTS4, PTS5: 3,60 km, 6,00 km, 5,20 km
Age Group: 3,60 km, 6,00 km, 5,20 km
Mixed Team Relay: 2,40 km, 5,00 km, 2,60 km

Dal sito FITri i commenti

Giuseppe Lamastra: “Una gara tiratissima: ci ho provato fino alla fine. Ho sognato la medaglia e sono stato in lotta per il podio per gran parte della gara; certo, quando inizi a sciare accanto ad Andreev, sai che sarà molto difficile avere la meglio. Il risultato è ottimo, ma quando arrivi così vicino alla medaglia rimane sempre un po' di amaro in bocca per non averla conquistata. Sono davvero contento; in ogni caso, oggi ho disputato una bella prova”.

Franco Pesavento: “Anche quest'anno sono riuscito a centrare il titolo iridato Under 23 ai Mondiali di Asiago: è sempre bello confermarsi, soprattutto quando si gareggia in casa. Sono partito molto forte, cercando di sfruttare la mia frazione migliore, la corsa; la gara si è messa per il verso giusto: sono rimasto anche in zona medaglia assoluta per gran parte della gara. Poi nello sci di fondo ho difeso il primato nella mia categoria. È stato davvero bello ed emozionante tornare a vincere qui al Centro Fondo Campolongo”.

Daniel Antonioli: “Una gara tiratissima; purtroppo non sono arrivato al top della forma, complice l'influenza di qualche settimana fa. Mi è mancato qualcosa per combattere con i migliori. So che devo migliorare ancora in bici: ho tre settimane per mettere a punto la seconda frazione in vista degli Europei”.

Alessandro Saravalle: “Ho sofferto un po' nella corsa, molto lunga; la bici è stata davvero veloce e anche lo sci decisamente filante. Che fatica questo debutto tra gli élite; dovrò allenarmi e ripartire da qui per finire in crescendo la stagione”.

Sandra Mairhofer: “Sono molto contenta della mia gara terminata con un bel 5° posto. Il percorso dei Mondiali di Asiago è proprio come piace a me: ricco di saliscendi, con qualche strappo duro e discese veloci. Nella prima frazione ho contenuto il distacco, in bici ho ricucito leggermente, ma sugli sci le prime hanno preso il largo. Posso essere soddisfatta di come ho gestito questa competizione: ho vinto anche qualche scontro diretto con atlete che spesso mi battono”.

Mattia Tanara: “Venendo dallo sci alpinismo ho fatto fatica a mettere insieme le tre discipline: ho ancora tanto da imparare, ma sicuramente questa gara mi ha stimolato e voglio continuare a cimentarmi nel winter triathlon”.

Gaia Tormena: “Sono davvero felicissima di aver gareggiato in questo Mondiale: è stata una bella esperienza. Oggi stavo bene e sono arrivata abbastanza preparata, malgrado abbia faticato molto nella corsa. Ho tenuto duro comunque, cercando di tornare sotto in bici, anche se le condizioni odierne del tracciato non mi favorivano e, pur non recuperando posizioni, ho cercato di spingere fino alla fine nello sci”.

Foto: World Triathlon (Facebook).