Let'sGoTriathlon Grado tra emergenti e grandi bis: oro a Incardona e Peron

Risultati
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Let’sGoTriathlon Grado colpisce ancora e lo fa anche Gaia Peron: bis per lei dopo la vittoria dello scorso anno ed è oro anche per l'emergente Federico Incardona
Neppure le avverse condizioni meteo hanno fermato i 700 “uomini di ferro” - nuovo record di iscritti con un centinaio di donne e altrettanti stranieri da Austria, Slovenia, Croazia, Germania e Francia - che nel week-end hanno invaso l’Isola del Sole in provincia di Gorizia per cimentarsi nella 19° edizione del Triathlon Olimpico di Grado. Le premesse non erano certe delle migliori dopo il maltempo che si era abbattuto su Grado la sera del venerdì, quella precedente alla gara principe, il triathlon olimpico, ma un pizzico di fortuna e l’ottima gestione del CSA Gorizia Triathon, società organizzatrice dell’evento, hanno comunque garantito una giornata perfetta agli atleti e al numeroso pubblico - 5.000 persone tra accompagnatori, simpatizzanti e curiosi - accorso nel breve spazio di bel tempo. Ad avere la meglio in campo maschile è stato l’emergente Federico Incardona con il tempo di 1:53:23, seguito da Ivan Risti (1:54:36) a circa un minuto e dall’austriaco Christoph Leitner (1:56:57).

21294476 898758223607562 3377121081058918400 n

In campo femminile, invece, a dominare per il secondo anno consecutivo è stata Gaia Peron (2:16:19), seguita da Michela Tessaro (2:16:26) e da Martina Dogana (2:17:51).

21295097 102980190442713 3710675598545256448 n

Il primo atleta regionale a giungere al traguardo è stato il promettente Federico Zamò, arrivato sesto con il tempo di 1:59:45 e già capace quest’anno di vestire la maglia della nazionale e conquistare un terzo posto ai Campionati Europei Juniores svoltisi a Bled. E se il Let’GoTriathlon, anche premiato al Galà del Triathlon 2017, non significa solo triathlon, il menù offerto nella tre giorni gradese ha infatti rispettato come sempre la filosofia di una festa dello sport. Ad attirare atleti e sportivi, in prevalenza stranieri, sono stati anche i tre eventi collaterali: il corso di aggiornamento per tecnici, la camminata non competitiva e la maratona di spinning. Peccato solo per la mancata presenza della madrina dell’evento, l’olimpionica della vela Francesca Clapcich, già cimentata in passato nel triathlon proprio a Grado, ma convocata alla Volvo Ocean Race e impegnata sul suo fronte primario. Per poter guardare i filmati e le foto dell’evento, www.gradotriathlon.it.

RISULTATI