Si dice AMORE e si scrive TRIATHLON.

E io mi sento fortunato, non me ne vogliano gli sportivi che praticano altre discipline, ma io sono un triatleta della tribù del TRIATHLON.
Il conforto di questa appartenenza lo scopri soprattutto nel dolore: ti senti parte di una famiglia che ti protegge, un gruppo che, se ti vede in difficoltà in salita, non ti lascia indietro, anzi ti incita e se serve ti spinge fino alla sommità. E se anche ti stacca nella corsa, rimane sul traguardo in piedi ad aspettare che tagli il tuo traguardo.

Sono certo che Edith, atleta e allenatrice, senta il nostro appoggio, la nostra mano posata sulla sua spalla.
Sono certo che gli amici e i famigliari di Linda, pur nel tunnel del dolore, sentiranno questo nostro abbraccio.

Bisogna guardare al presente, e noi lo facciamo nell’unico modo che siamo in grado, con i consigli dei nostri allenatori, i medici di riferimento e le interviste per far sì che la nostra passione sia supportata da basi tecniche e scientifiche.
Ben 12 pagine dedicate al training sono il nostro contributo alla vostra prestazione, pagine arricchite dai consigli di Elena Casiraghi (nostra nuova firma) che ci regala pratici accorgimenti su cosa mangiare prima, dopo e durate gli allenamenti. E, sempre in tema di alimentazione, nelle prossime pagine potrete leggere una divertente intervista realizzata da Silvana Lattanzio a Joe Bastianich che ci racconta il suo amore per la cucina e per il triathlon.

Buona lettura.