• Torna la voglia di allenarsi, le giornate sono più lunghe, il clima è più mite; intanto la stagione agonistica sta già regalando i primi titoli nazionali e si avvicinano i grandi appuntamenti nazionali, con gare blasonate che confermano tutto il fascino della multidisciplina, mentre sgomitano per affermarsi nuove manifestazioni con la possibilità e la voglia di entrare tra le “mitiche”. I nostri tecnici vi forniscono consigli utili per affrontarle al meglio. Tante le curiosità e le novità del nostro triplice mondo, dallo Sport e management, quando l’attività fisica migliora la performance aziendale alle nuove uscite di libri a tema sport, per proseguire con gli effetti benefici della liquirizia e della taurina. Tante le interviste da non perdere, come il neofita giapponese Kazuto Takegami, pittore del triathlon, o la coach Kristina Skroce intervistata dalla nostra Veronica Signorini che da atleta si trasforma in giornalista (non dismettendo nessuno dei due diversi ruoli, naturalmente). Tanto altro ancora e, per finire, resoconti e classifiche delle gare.

    Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale.

  • Ledroman Triathlon Sprint, Secchiero fa il bis a meno di un giorno dalla vittoria del settimo Titolo Italiano di Aquathlon, con la Signorini che presenzia alla serata inaugurale, racconta il vero sport femminile e poi lo manda in scena
    Quasi mille i partenti del 4° Ledroman Triathlon Sprint, gioiellino incastonato nella Valle di Ledro, in provincia di Trento, con le sue tre pietre che riflettono i colori del lago, delle montagne e del cielo. Si nuota, si pedala e si corre scrivendo belle pagine di sport, quello praticato e quello organizzato. E, a tal proposito, se si aguzza l'occhio si scorge perfino Dante Armanini, patron del Triathlon di Bardolino, amico e "vicino di casa" del Triledroenergy Team, giunto per tenere a battesimo la gara di Ledro. Battesimo, nonostante questa fosse la quarta edizione, perché ogni volta si festeggia la nascita di qualcosa di nuovo e, in puro stilo Bardolinoland, Ledroman cresce anno dopo anno. Come non sfidare, dunque, stanchezza e distanza per raggiugere questo piccolo, grande paradiso di felicità? Andrea Secchiero, reduce dalla vittoria ai Tricolori Aquathlon di Recco del sabato, attraversa l'Italia durante la notte per firmare doppi autografi il giorno seguente: è bis per lui, che si tinge d'oro dalla Liguria fino al Trentino.

    SecchieroLedroman

    Arrivata in anticipo per presenziare alla serata inaugurale, Veronica Signorini racconta il vero sport femminile inserendosi con stile nel palinsesto che prevede interessanti approfondimenti firmati anche Giorgio Calcaterra, Alessandro Bertolini, Gianluca Pozzatti e Mauro Tomasi. L'atleta del Cremona Stradivari le suona a tutte fin dal nuoto e vince l'oro di giornata, protagonista già dalle prime bracciate. Assieme a lei a segnare il ritmo in acqua ci sono Molinari, Bedorin, Gatti e, a chiudere il gruppetto di testa, la Junior russa Elizaveta Pokrovskaia, che in sella poi fa scintille, pennellando con arte e dimestichezza il percorso bike non privo di qualche insidia. Scappa via facendo selezione e al primo passaggio ha già 30 secondi di gap sulle sfidanti che, però, nel frattempo si compattano e, facendo squadra, recuperano secondi preziosi per l'entrata in zona cambio. La russa si sente placcata con Veronica Signorini che a piedi va in progressione e la raggiunge per poi vincere l'oro in 1:11:05: compromesso il podio per lei, con la compagna di squadra, la Junior Ekaterina Shabalina, che rinviene da dietro e le strappa l'argento (1:11:13), ma poi s'inserisce anche la Junior Tania Molinari, che vince il bronzo (1:11:17). A seguire Giulia Bedorin (1:11:21) e la Pokrovskaia scivola ormai fino in 7^ posizione (1:12:47).

    LedromanDonne

    Gara maschile ancora più incerta, con l'ucraino Kurochkin, vincitore nel 2016 e terzo a Bardolino quest'anno, primo ad uscire dall'acqua, poi dietro Facchinetti, Pozzatti, Secchiero, Butturini; più staccato Patanè, che chiude però con un ampio margine il gruppetto di testa. In bici mancano di selezione e rientrano in zona cambio in fila indiana rispecchiando l'andamento della prima frazione. A 2 chilometri circa dalla partenza a piedi Secchiero e Facchinetti provano l'allungo per indebolire gli avversari. Andrea Secchiero riesce nella progressione finale e stacca tutti conquistando l'oro in 0:59:45. Argento per Sergiy Kurochkin (0:59:47), terza piazza per Luca Facchinetti (0:59:49).

    UominiLedroman

    Vittoria in staffetta per Alessandro Morbin, Federico Bartoli e Toure Pornon (1:03:34), seguono Alessio Volani, Alessio Furlani e Paolo Meneghelli (1:11:44). Bronzo per Cristian Andreoli, Roberto Caliari e Marco Tomasini (1:13:10).

    StaffetteLedroman

    RISULTATI

  • Appuntamento domenica 30 aprile a Cremona con TRYtoTRI, la gara tutta ‘in rosa’ per il Triathlon al femminile, in concomitanza con i Campionati Italiani di Triathlon Giovani Crono a squadre.
    Un nuovo passo avanti della Commissione Donne, con l’organizzazione di una gara dal format tutto rosa dedicata esclusivamente alla partecipazione femminile, non solo per gareggiare, ma anche per incontrarsi in una giornata di sport e fare bella pubblicità al mondo della triplice. L'idea, coma racconta Veronica Signorini, rappresentante della Commissione Donne Fitri assieme a Martina Dogana, Federica Zanda e Antonella Salemi, è far passare il messaggio che il triathlon non sia uno sport per soli superuomini, incentivandone la pratica anche fra le donne, facendolo conoscere e amare quanto merita. Gareggiare, divertendosi: Massimo Ghezzi, presidente della Stradivari Triathlon Team, ha accolto la proposta ed ecco nascere a Cremona un triathlon a dimensione rosa, gara promozionale dedicata alle sole donne, singole o in staffetta, con partenza da Piazzale Atleti Azzurri d'Italia, e da correre sulle distanze supersprint di 300m a nuoto, 6 chilometri in bici e 2 di corsa. Tre grandi campionesse di altri sport della scena olimpica come testimonial, a dimostrare che il triathlon è per tutti: confermata la presenza di Ilaria Bianchi (5ª nei 100 delfino a Londra 2012) e Sara Galimberti. Presente Marta Cavalli, recente vincitrice della Milano Sanremo, che sarà componente di una speciale staffetta tutta cremonese insieme alla campionessa di nuoto Giulia Verona. Ma non mancheranno anche le protagoniste della triplice: assicurata la partecipazione di Anna Maria Mazzetti e Angelica Olmo. Inserito in un contesto sportivo importante come il weekend della Coppa Crono Giovani con l'assegnazione dei titoli tricolori a squadre, il TRYtoTRI punta anche alla solidarietà e parte del ricavato sarà devoluto all'associazione Aida, che opera sul territorio cremonese e che aiuta le donne vittime di violenza, così come al progetto "Fare Legami", che si occupa del reinserimento nella società di persone in difficoltà. E per un evento a tutto tondo, la riuscita del TRYtoTRI sarà supportata dalla presenza di chioschetti, street-food e della migliore musica. Per divertirsi come a una festa. La festa del triathlon in rosa.

  • "Guardare il mondo del Triathlon con degli occhiali colorati di rosa": con TrytoTRI ci siamo riusciti, anzi, ci sono riuscite! Complimenti al Comitato Donne per il successo della propria iniziativa, anche evento di solidarietà legato al progetto FareLegami e all'associazione AIDA, rispettivamente impegnati nel reinserire in società persone in difficoltà e nell'aiutare le vittime di violenza.
    Successo al femminile per la prima edizione della gara promozionale dedicata al triathlonin rosa, ideata dalla Commissione Donne della Fitri e organizzata a Cremona in collaborazione con lo Stradivari Team Triathlon in occasione del weekend che ha visto andare in scena la Coppa Crono Giovani Individuali e i Tricolori a Squadre. Con una significativa partecipazione singola e in staffetta all'evento, il format TrytoTRI è stato scelto anche da nomi di spicco dello sport femminile come opportunità di incontro e divertimento: assieme alle componenti della Commissione Donne - Martina Dogana, Veronica Signorirni, Antonella Salemi e Federica Zanda - e a tante di voi, presenti anche la campionessa di nuoto Ilaria Bianchi, quinta nei 100 metri farfalla alle Olimpiadi di Londra, Nadia Cortassa, quinta ai Giochi Olimpici di Atene, e poi la ciclista cremonese Marta Cavalli, vincitrice dell'ultima edizione della Milano Sanremo, e la forte nuotatrice Giulia Verona. Molte le ragazze, chi da neofita, chi per riprovare emozioni già vissute, ma non sono mancate le "inossidabili", come la mitica Gabriella Bois - classe 1943 - con il trascinante entusiasmo della ragazzina che c'è in lei. Sono state 70 e altrettanti sono stati i sorrisi al traguardo di una giornata il cui la classifica c'era, è vero, ma il cronometro si è fermato. Un po' di tempo in più per voi donne. Perché serve tempo per abbassare il tempo. Serve orgoglio di genere per ritargliarsi piccoli spazi per l'allenamento. Perché Superdonne già lo siete, IronWoman potete diventarlo. Il triathlon è per tutti, anche per voi, qualsiasi sia la vostra età. Parola di IronMarty. Sottoscrive Gabriella Bois!

    RISULTATI

    Photo Credit: Fitri