• Federico Spinazzè e Sara Papais oggi dominatori della Triathlon Sprint Silca Cup sul lago di Santa Croce, in Alpago (Belluno). Al portacolori del team organizzatore, la Silca Ultralite Triathlon, anche la Sicleri Triathlon Challenge (Triathlon Sprint Caorle + Alpago), vinta al femminile da Elisa Marcon

  • La prima tappa di ETU Cup 2018, quella di Las Palmas di Gran Canaria (Spagna), apre la Coppa Europa con il sesto posto di Giorgia Priarone. Doppietta britannica sui gradini più alti dei podi per Barclay Izzard e Georgia Taylor-Brown

  • Bronzo alla staffetta mista italiana del Triathlon Under 23 nella gara 4xTriMixedRelay disputata a Velence, in Ungheria, nella seconda giornata di Europei apertisi con il 5° posto individuale della Steinhauser 
    Un risultato meritatissimo quello degli azzutti Sara Papais, Giulio Soldati, Verena Steinhauser e Delian Stateff, in una gara molto combattuta e conclusa con soddisfazione alle spalle della Gran Bretagna di Georgia Taylor-Brown, Samuel Dickinson, Sian Rainsley e James Teagle, e della Russia di Anastasia Gorbunova, Andrei Moiseenko, Ekaterina Matiuck e Alexey Kalistratov. Giornata caldissima a temprare i 10 team partenti, con il dominio incontrastato dei britannici fin dalla prima frazionista, Georgia Taylor-Brown, molto motivata a bissare l'oro individuale: la neocampionessa europea conquista subito la testa della classifica parziale e al temine della sua prova dà il cambio per prima al suo compagno Dickinson, portando la Gran Bretagna a condurre su Ungheria con un distacco di 10", e ulteriori 10" su Russia e Italia, nel frattempo fianco a fianco. Buono il nostro esordio, con Sara Papais che dà il cambio a Giulio Soldati in 3^ posizione, con la Spagna, 4^, a circa 1'. Ottima anche la performance di Soldati, che mantiene e consolida il 3° posto, mentre a condurre davanti c'è sempre la Gran Bretagna e nel frattempo l'Ungheria perde terreno fino al 5° posto, penalizzata dalla caduta di Mark Devay. Se la Russia è sempre 2^, lo spagnolo Antonio Serrat Soane, 4°, ha ridotto il gap con Soldati e lo pressa incalzante. Nella penultima fase c'è la Steinhauser a mantenerci al terzo posto dopo nuoto e ciclismo; nonostante in corsa ci venga rubato qualche metro dall'incedere della spagnola Alonso, siamo ancora in gioco per il podio. La Gran Bretagna è sempre davanti, a 30" dalla Russia; la Spagna a 1' e Italia 4^, a 1'05, con il destino in mano al nostro quarto frazionista, Delian Stateff. In testa dopo nuoto e ciclismo c'è il britannico Teagle, che aumenta il vantaggio di una decina di secondi dalla Russia, 2^ con Kalistratov, mentre Stateff e lo spagnolo Sanchez se la giocano, procedendo a circa 40" dai primi e pronti allo scatto finale, in cui è Stateff ad avere la meglio grazie a un'azione decisiva in corsa. L'Italia guadagna così il Bronzo europeo (1.44.09), alle spalle di Gran Bretagna (1.42.29) e Russia (1.43.08).

    RISULTATI

  • Campionato Italiano di Duathlon Sprint: Beatrice Mallozzi tricolore. La più giovane... in assoluto. Titolo maschile per Diego Luca Boraschi

  • Si chiudono i Campionati Italiani di Duathlon Assoluto con un titolo nella staffetta mista 2+2 per il TD Rimini, mentre è alle donne del Cus Parma e agli uomini del Freezone che va la tappa della Coppa Crono

  • Velence ETU Under23 Triathlon European Championships, la prova individuale: vinta dalla britannica Georgia Taylor-Brown e dall'ungherese Bence Bicsak, nuovi campioni europei U23 di Triathlon, la gara ha visto Verena Steinhauser chiudere in 5^ posizione, Delian Stateff 8°, Sara Papais 13^
    La britannica Georgia Taylor-Brown e l'ungherese Bence Bicsak, come da pronostici, hanno conquistato il titolo europeo Under23 di Triathlon a Velence, in Ungheria, dominando le rispettive gare continentali andate in scena in una torrida giornata di agosto che ha costretto gli organizzatori a ridurre le distanze, trasformando l'olimpico previsto in uno sprint. Giunta 4^ lo scorso anno, con la vittoria di Velence la Taylor-Brown si conferma in ottima forma dopo il suo recente successo in World Cup a Madrid. Protagonista fin dalla prima frazione, la britannica taglia il traguardo davanti a tutte, in 1.01.55, dopo una cavalcata in solitaria sui 5000 metri finali. All'atleta di casa, l'ungherese Zsanett Bragmayer, va l'argento (1.02.14): uscita prima dal nuoto, è rimasta sempre in testa al fianco della Taylor-Brown con un'ottima frazione in bici e completando la sua prova di corsa chiudendo a 30" dall'inglese. Con il bronzo di Sian Rainsley è doppietta per la Gran Bretagna: bella gara anche per lei nel nuoto e nel ciclismo, pecca un po' nella corsa, pur mantendendo la terza posizione e giungendo al traguardo in 1.02.42. 5° posto per la nostra Verena Steinhauser, dopo una gara in salita che l'ha vista uscire dal nuoto un po' attardata, a circa 40" dalle prime; nella successiva frazione in bici è stata una delle poche attive, nel gruppo delle inseguitrici, nel tentare di contenere il gap dalle fuggitive. Uscita dalla T2 in 7^ posizione, ha proseguito nel suo recupero progressivo e ha concluso al 5° posto in 1.03.42, alle spalle della russa Anastasia Gorbunova con 1.03.10. Sara Papais, con una frazione di nuoto in 10^ posizione a oltre 30" dalle prime, non è riuscita con le successive frazioni in bici e a piedi a recuperare e ha chiuso 13^ in 1.05.41.

    20637872 860323760788325 5178033783748412082 n

    L'ungherese Bence Bicsak (55.54) conquista il titolo europeo Under23 maschile di triathlon, dopo la recente vittoria nella World Cup di casa, a Tiszaujvaros; doppietta europea magiara sul podio grazie al Bronzo di Mark Devay (56.29), alle spalle dello svizzero Sylvain Fridelance, argento in 56.18. Il nostro Delian Stateff ha concluso la sua gara 8° assoluto, dopo una frazione di nuoto dalla quale è uscito a 15" secondi dai primi, in 26^ posizione, e con un ciclismo inserito tra i circa 30 inseguitori, con un distacco dalla testa della gara di 40". Tenace in bici, non ha mai smesso di lavorare e tirare, nel tentativo di ridurre il gap con i leader, trovando però ben poca collaborazione. Uscito dalla T2 20esimo, dopo il primo giro in cui ha recuperato tempo e posizioni, è riuscito a concludere guadagnando ulteriormente con una buona frazione a piedi, fino all'8^ finale al traguardo, completando la sua gara con un tempo di 56.49. Incertezza per il podio fino alla fine tra i protagonisti sempre insieme davanti: i due ungheresi, lo svizzero, lo spagnolo Serrat Soane e l'inglese Dickinson, usciti dal nuoto a una manciata di secondi gli uni dagli altri, hanno preso la testa della gara in bici e la situazione è rimasta invariata fino alla fine dei 20 chilometri. Usciti dalla T2, sono rimasti ancora ravvicinati nei primi 2 chilometri, poi l'ungherese Bicsak ha iniziato ad allungare e a consolidare via via il vantaggio, fino a ottenere la netta vittoria in 55.54, lasciandosi dietro lo svizzero Sylvain Fridelance di 24" (56.18) e il connazionale Mark Devay, terzo con un tempo di 56.29.

    RISULTATI

    Photo Credit: Lili Hajdu